Antologia del Cinema

Blu Profondo (1999)

Alla metà degli Anni Novanta, i film che sarebbero stati prodotti nel 1999 erano considerati importanti. L’anno dopo, nel Duemila, il mondo sarebbe finito. Per cui, questi in teoria sarebbero stati gli ultimi a cullare la nostra fantasia, in attesa dell’onda d’urto dell’asteroide appena precipitato
Ora siamo qui, dodici anni dopo, la vita continua. E ci restano i ricordi.
Dunque, mi ero diplomato (maturità scientifica) da quattro anni, ed ero ancora lontano dalla laurea. Viaggiavo, tra casa e università e sperperavo i soldi in libri e in film, soprattutto. Internet e le mie infinite chiacchiere sul cinema, di là da venire.
Blu Profondo (Deep Blue Sea) lo acquistai in VHS. Sulla parola, perché di certo non avrei speso altri soldi per leggere ciò che su di esso diceva, che so, il recensore di qualche rivista da edicola, per intenderci.
Era un film sugli squali. Per di più cattivi e voraci. E io sono tra quei fortunati bambini venuti su con la musica di Bruce e la paura di andare al mare sul materassino giallo. Perché lui, quel bastardo di gomma era lì sotto, di certo, in agguato, pronto a sbranarmi.
E poi c’era la questione del progresso tecnologico, gli effetti speciali migliorati, e la nostalgia di fondo per questi bestioni famelici. Razza Mako, stavolta, non Grandi Bianchi. Vabbé, non si poteva avere tutto.
Eppure, i trailer li avevo visti alla tivvù, che ci faceva uno squalo, in un corridoio pieno d’acqua, a inseguire un cuoco con un pappagallo da pirata sulla schiena?

***

E così, con questa domanda in testa, che ci si accinge a guardare questo film. Ora come allora. Tutte le volte, anche conoscendolo dall’inizio alla fine, ti viene in testa quella sequenza lì, la più folle che mente umana abbia mai concepito, lo squalo che si muove in un corridoio semi-sommerso di quella che, adesso lo sappiamo, è una stazione sottomarina, una specie di Fortezza delle Scienze, dove una dottoressa frigida ma caruccia vìola ogni convenzione morale e norma bioetica, pompando il cervello degli squali fino a quadruplicarne le dimensioni per: estrarre il liquido e curare le malattie degenerative del cervello.
Curare le malattie degenerative del cervello, curare le malattie degenerative del cervello… lo ripete come un mantra, Va tutto a scatafascio, gli squali, la ricerca, la base, il suo lavoro, ma lei ha solo una cosa in mente: curare le malattie degenerative del cervello.
E adesso, appresa la natura e lo scopo del film, vediamo Samuel Jackson che scende dall’elicottero e fa il miliardario cazzuto e avventuriero, notiamo la targa di metallo che sporge dalla bocca dello squalo tigre, inside joke di un certo livello, guardiamo le ombre sinuose ed enormi che si muovono sotto il pelo dell’acqua, quelle dei Mako, e sappiamo perché ameremo questo film alla follia. Contro ogni critica, contro ogni verosimiglianza, contro tutti. Contro.

***

Perché le trovate di questo film sono geniali e divertenti. E, se lo si lascia scorrere, incidente dopo incidente, Mako dopo Mako, battuta dopo battuta, appassiona come pochi altri.
Perché ogni bizzarria della trama era concessa; il set riempito d’acqua per davvero, tra pentole, scaffali di metallo e detriti vari.
L’epopea ittico-culinaria di LL Cool J, da sola, vale il fastidio di questa visione d’altri tempi.
I duetti col pappagallo, Piattola, che lo chiama coglione a più riprese, il classico, tenero animaletto domestico che bestemmia e, non plus ultra, il “cuoco cotto nel suo forno”; forno dove il suddetto cuoco ha trovato scampo, mentre un Mako dalle dimensioni variabili, a dire il vero, che in CGI sembra enorme, anche se la metà rispetto alla mammina, e che quando è un modellino è grande quando un alano, lo assalta non riuscendo a sfondare un semplice vetro quando, pochi minuti prima è riuscito a far saltare una porta pressurizzata. E ok, sono follie divertenti, e ci può pure stare.
D’altronde, una morte che si compie con uno Zippo lanciato per vendetta mentre l’ambiente, o quel che ne rimane, è saturo di gas, è visibilio. Basta questo.

***

Ma non solo: c’è Samuel L. Jackson. Il miliardario. Che pare stia recitando ogni volta Ezechiele 25:17.
E infatti lo vediamo padrone della situazione. Freddo e impassibile, nella muta da sub, conquista il gruppo e arringa i superstiti. Lui li porterà fuori di lì, dalla Fortezza delle Scienze, dove si mescolano i quattro elementi. Ed ecco che alle sue spalle spunta Jen 1, la mamma, enorme e famelica, che se lo pappa in un boccone.
E sparisce così, in un tripudio, un personaggio che si credeva vitale, ma che di vitale aveva ben poco.
Alla fine, pensando al film, a possibili contenuti reconditi, sotto-testi nascosti nei fotogrammi, potrebbe sembrare una gigantesca satira, un monito contro la sperimentazione, un contrappasso che colpisce gli scienziati prometei, che rubano il segreto dell’intelligenza e ne vengono divorati.
E invece, ecco che magicamente, tutta la serie di morti impietose, una dopo l’altra, e le efferatezze assortite non sono altro che punizione per sé stessi, per i personaggi, per cominciare, uccisi uno dopo l’altro, in ordine di antipatia e inutilità crescente.
I fighi che non si danno le arie e quelli simpatici sopravvivono. Gli stronzi e gli antipatici no. E in più, vi si spiega anche la Teoria della Relatività.
Nature is a bitch, quindi. E il regista, Renny Harlin, che s’è salvato in un cameo andandosene dal laboratorio quando era ancora in tempo, ha esercitato la selezione naturale (quella dei raccomandati).
In fondo, non sono squali, quelli che vedete, ma satira sociale inversa e ingiusta.
Oppure e solo un film che fa sganasciare. Può andare anche così.

Quest’articolo è dedicato a Lucia

Altre recensioni QUI
La recensione dello Sciamano

Kick-ass writer, terrific editor, short-tempered human being. Please, DO hesitate to contact me by phone.
  • […] collega, anche lui appassionato del fottuto capolavoro squaloso del regista finlandese. Si tratta di Hell di cui diventavo consorte un anno fa proprio in questo periodo e a cui dedico la mia […]

  • […] solo a me, ma anche a quel losco figuro di Hell Graeco che ne ha a sua volta scritto un bellissimo articolo, dedicandolo alla […]

  • Di questo film ho ricordi vago, devo averlo visto una volta sola tanti anni fa, ma lo squalo che accende il forno, il pappagallo e la battuta su “la fine del nero” me le ricordo eccome! 😀

    Oh, e così t’ho commentato anche un post recente, una volta tanto, ce l’ho fatta! 😛

    PS: Quando fanno i vecchi film dello Squalo me li guardo sempre, specie il primo che è il migliore!

    • La scena del cuoco non si dimentica. Puoi anche odiarlo, questo film, ma il cuoco resta scolpito nella mente! 😀

  • La prima volta che lo vidi (andavo ancora alle elementari) non somisi una cicca bucata sulla sopravvivenza del cuoco.”Ma no ” mi dissi”ma questo non si salva,saranno la scienziata,il miliardario e il biondo a riportare la cotenna a casa”.Invece…BAM fregato!Il cuoco sopravvive e i pezzi grossi no.Se la mia fobia per gli squali e le masse d’acqua mi dara tregua me lo ri-gusterò con piacere.

    • 11 anni ago

    Lello Cool J… un mito.
    Non sono neanche minimamente oggettiva quando si parla di questo tipo di film, perché per quanto assurdi siano sembrano sempre fatti bene.
    Classe anche dove palesemente non dovrebbe essercene.
    Forse è sempre e solo questione di bei ricordi, però a me non interessa. 😀
    Bella rece!

    • @ Glauco
      Vero! “Ne muoiono già abbastanza di neri, queste cose lasciale ai bianchi!” ^__^

      @ Cyb
      Lello? LOL
      Be’, che vuoi, ognuno di noi ha i suoi film di cui dovrebbe vergognarsi. Però… forse certi è meglio rivederli, tipo questo. Si scopre che sono molto, moltoi belli.
      😉

  • Ammetto che questo film, per quanto abbia limiti estremi, mi ha divertito parecchio. Come dichiari anche nella rece, il cuoco è uno dei personaggi più riusciti. E’ memorabile la scena dove, per difendersi dallo squalo, si chiude in un forno, e ovviamente, lo squalo, cercando di rompere il portello del forno, lo accende… rischiando di far abrustolire il cuoco stesso. E poi ci sono battute del tipo “Non voglio fare la fine del personaggio di colore nei film, quello che muore per primo quando le cose si mettono male…” e il pappagallo… insomma, un bel filmone da guardare a cervello spento (come piace a me!)

  • […] il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista Condividi su […]

  • Hell, è una recensione meravigliosa. Io non so come ringraziarti per la dedica. Hai colto lo spirito di questo cultaccio d’ altri tempi (e cavolo, io ancora penso che un film del ’99 sia recente) e ne hai sintetizzato tutto l’ osceno divertimento. Perchè era divertimento, scanzonato, folle e inverosimile, volutamente al di là del bene e del male. Il pappagallo, la dottoressa, lo scienziato che si accende una sigaretta in un laboratorio iper asettico e poi viene morso dallo squalo. E non solo, ma anche preso in ostaggio e lanciato contro il vetro, con tanto di barella.
    Non li fanno più. Non li faranno più film così. Fortunati noi che ce li ricordiamo e ci divertiamo ancora a rivederli.
    Qui si riscrive la storia del cinema 🙂

    • Eh sì fa quel che si può… 😀
      L’ho rivisto l’altro ieri con un gusto incredibile. E film belli ce ne sono anche dopo il 1990, basta riconoscerli. Questo è folle al punto giusto.

      Esatto, lo scienziato, personaggio antipatico che subisce una punizione da girone dantesco… LOL
      E riscriviamola, ‘sta storia va!