Cinema

Il Promo Reel del nuovo Mortal Kombat

La notizia l’avevo adocchiata già da qualche giorno e non mi aveva entusiasmato. Sono uno di quelli che ricorda bene, anche troppo, i deliri di cartapesta e popcorn del 1995, con Christopher Lambert che si credeva nientemeno Lord Rayden, probabilmente a causa del cappello di paglia che gli aveva dato il costumista, e tutta l’allegra combriccola di ninja color pastello. Ma sono anche uno di quelli che a  furia di giocarci, a Mortal Kombat, gli sono venuti i calli.
Un film tratto da un videogioco è apocalisse pura. Va contro ogni idea che possa avere di cinema.
All’inizio ho glissato. Non sono neppure un fan delle arti marziali. Poi, però, ho dato uno sguardo al video, circa 8 minuti, e ho visto Jeri Ryan, la mia 7di9, che dovrebbe interpretare Sonya Blade, e l’ormone ha cominciato a ribellarsi e neanche [troppe] minchiate fracassone come mi aspettavo e ancora, non plus ultra, niente tutine ninja colorate, ma veri vestiti.
Giudicate voi stessi:

Ok, anche questa è una spacconata di quelle grosse, o almeno sembra. Ma sembra anche che sia una spacconata fatta con gusto. La fotografia, se non altro, è davvero di altissima qualità.
A parte il ridicolo riciclo dello score di “Resident Evil”, udibile durante i primissimi secondi, il tutto appare orchestrato con un minimo di credibilità.
Il film resta quello che è, anche se non si conosce molto di più della trama: voglio dire… è Mortal Kombat. Quindi è ragionevole aspettarsi THUD!, KNOCK!, SMASH!, AARGH! e anche qualche BOOOM! bello grosso. Ma, suvvia, è sabato e qui fa un caldo boia. E durante l’estate, talvolta, mi piace lasciarmi prendere in giro da baracconi tutti luce, botte e sgambettamenti [marziali] vari. E poi c’è Jeri che pronuncia “Sub-Zero” come poche altre… direi che per oggi può bastare.

😀

Fonte:

Twitch

Kick-ass writer, terrific editor, short-tempered human being. Please, DO hesitate to contact me by phone.
  • Sembra molto più serio sia del primo film, che degli altri 2-3 sequel cagosi:P

  • Uhm… anche questa volta passo 🙂

    • 12 anni ago

    Te sei dimenticato “FINISH HIM!” o HER!, a seconda…..
    Se nun ce fossi io….. tz tz
    😎

    Hanno pareggiato! Che mmerda!

    • 12 anni ago

    Mah, sarò io, ma mi sembra che non esista più il mestiere dell’autore di soggetti e del sceneggiatore. I produttori vanno in un edicola, comprano il primo fumetto o la prima rivista con un videogioco allegato, li danno al regista insieme ad una valigia piena di fantasmilardi, ed ecco che partono le riprese del “capolavoro”. E poi, inevitabile che il tipo inizia a sparare fulmini dal sedere verso il minuto 91 (metà film, perché se un film dura meno di tre ore non vale la pena produrlo, secondo loro). Bah!
    ***
    Introduzione della storia e dei personaggi scontata quanto abusata, mi pare. E lo dico da ignorante in cinema. Poi la tipa (una federale?) ammiccante che se la tira di fronte al cattivone di turno che come al solito è l’unico nel Muondo a poter salvare il Muondo… per me che non capisco l’inglese, mi aspettavo quasi che si spogliassero e ci dessero dentro sul tavolo dell’interrogatorio, che lo sguardo della tipa è un brevetto dell’industria del porno.

    • E mentre Inghilterra e U.S.A. pareggiano e i telecronisti RAI non sanno dire altro che “Rooney! Rooney!” [una telecronaca coi controcazzi, non ‘è che dire…] io sono qui. Sul blog.

      😀

      Magari non è sembrato, ma concordo con ciò che hai detto. Sembra un papocchione high-tech, simile all’orrido DOA (2006). Ma qui stupisce quello che non hanno fatto vedere. Cioè, te li ricordi i personaggi di Mortal Kombat quanto erano pacchiani? Qui sembra, e ribadisco sembra, che abbiano rivestito il videogioco con una patina realistica che a mio avviso giova.
      Per il resto non mi aspetto niente di più del suddetto papocchio high-tech, ma almeno ci hanno provato. Male, forse, ma ci hanno provato.

    • 12 anni ago

    Passi per Jeri Ryan la quale, anche se attempata, fa ancora la sua figura, ti do ragione sulla qualità della fotografia, del tutto inaspettata. E mi è piaciuto anche che abbiano eliminato i costumi di scena dei personaggi del gioco, a meno che non vengano fuori più in là.
    Ma perché tanta indulgenza con Mortal Kombat, mentre mi hai distrutto Iron Man e Solomon Kane?

    • Prima di rispondere alla tua legittima domanda,

      1) Jeri Ryan NON è AFFATTO attempata.
      e
      2) Se ti azzardi a commentare ancora prima del tramonto giuro che ti impaletto.
      e
      3) Sì, è possibile che i costumacci vengano fuori più in là, compreso il “cappello di paglia”. Tremo già all’idea.

      Questo e tanti altri prodotti come questo non fingono di essere ciò che non sono. Si sa già che questo film è, al meglio delle possibilità, una MEGA-STRONZATA high-tech, ma c’è trasparenza. E genuina sopresa da parte mia.
      Da film come Iron Man 2 e Solomon Kane mi aspettavo e mi aspetto il meglio e vengo, al contrario, puntualmente deluso.
      Tratto malissimo quei film che so avere grandissimo potenziale che viene mandato sprecato, mentre con questi “divertimenti” sono molto più elastico, tanto, non è che da Mortal Kombat mi aspetti l’Amleto. Certo, sarebbe una contaminazione interessante, ma fino a che punto?