New Girl (in an Old World)

Gianluca Santini
Member
Sai, stavo pensando: ma perché devo attendere che Hell finisca con le recensioni di Firefly per vedere la serie? Del resto, basta organizzarmi un attimo i tempi e guardarmela passo passo con i tuoi articoli, così magari me li gusto anche più volentieri. E così, partendo da una puntata posso riflettere con gli spunti delle tue recensioni, e sarà un pochino come vedere la puntata due volte. Del resto, se tu parti da New Girl e poi fai una così interessante disamina della società attuale, chi sono io per non prendere spunto da una parola a caso del tuo post… Read more »
narratore74
Member

Cioè, bandire La Divina Commedia…
Ora non vorrei certo lanciare macigni, ma mi sembra una chiavica assoluta, come tante str…… che si fanno al giorno d’oggi!
E perché, poi? Solo per il fatto che alcuni personaggi sono stati rappresentati in maniera poco simpatica? O forse perché, per certi versi, insegna a fottersene e a pensare con la propria testa?
Mah, non so e non credo di voler sapere…

L’articolo mi piace molto, soprattutto per la quantità di riflessioni che sembra averti regalato questo show. Come dicevo in base, m’intriga e non è detto che non ci faccia un pensierino prossimamente… 🙂

Lucia
Member

Perché la stranezza attira se è macchietta. Quando la stranezza è reale, genera ostracismo, sofferenza, emarginazione. C’è poco da fare. E nessuno è davvero adorkable, non nel mondo reale. Nel mondo reale, giudicano Dante decontestualizzandolo e con i parametri della società attuale e lo sacrificano sull’ altare di ciò che è politicamente corretto.
Nel mondo reale, andrà a finire che saremo tutti considerati freak irrecuperabili e chiusi un qualche tipo di ghetto. Tante belle stanze dalle pareti imbottite.
E se tu, dopo questo post, dici di essere matto, lo sono anche io.

Max "Helldorado" Novelli
Member

La sitcom non fa per me, ne ho visto qualche pezzo ma non mi piace, però la riflessione così sentita e particolare che fai è davvero interessante.
Sulla Divina Commedia preferirei non commentare perchè se no ti riempirei il modulo commenti di parolacce e bestemmioni…

Mauro
Member

Wikipedia dà ventiquattro episodi, per la prima stagione, di cui sedici trasmessi, il che non mi torna con l’aver visto il finale di stagione… mi sto perdendo qualcosa?

Helldoom
Member

Avevo letto qualcosa di simile ultimamente, su un tipo di cui non ricordo il nome a capo di associazioni anti-razziste, che aveva detto di metterci avvertenze sopra. Tipo sigarette. Avevo pensato che fossero solo delirii di un folle…ma addirittura L’ONU? WTF?
Arrostiranno all’inferno, si, soffrendo per le centinaia di migliaia di taglietti procurati dai fogli della commedia .-.

Quel fumetto di Dante me lo devo procurare ,-.

Helldoom
Member

Ho letto ora l’articolo di TGcom…il tipo di cui parlavo è lo stesso .-.
Gente pericolosa ricopre posti influenti…

mcnab
Member
E’ lo stesso caso ti BBT (Big Bang Theory). Diverse mie amiche sostengono di volere uno di quei quattro come amico… Poi, se davvero si presentasse loro uno Sheldon o un Raji, lo schiferebbero perché strambo e interessato a cose strambe (nonché “inutili”). La diversità è apprezzata finché si vede in TV, magari simpaticamente ridicolizzata per renderla simpatica. Dal vivo le cose cambiano. Dal vivo è meglio affidarsi al classico individuo intellettualmente mediocre e pieno di hobby mediocri, perfettamente integrato in una realtà mediocre e allergica alle diversità (di qualunque tipo, specialmente in Italia). Io a 36 anni senz’altro sono… Read more »
Giuda
Member
Non ho ancora finito di vedere la serie ma condivido il tuo punto di vista sui suoi punti forti e la natura bizzarra degli individui, anche se ammetto di non aver fatto i tuoi ragionamenti sull’America al verde eccetera. I personaggi mi piacciono, non solo lei ma anche gli altri. Credo di avere un debole per Nick, ma non ne ho capito bene il motivo… forse perché è “irrisolto e tormentato” senza essere il figo del millennio, e poi fa tutte quelle facce che sono la seconda cosa più buffa dello show dopo Zooey. Quando sei un po’ originale o… Read more »
Giuda
Member

Mi ero dimenticato di linkarti il sito, pensa che pesce rosso! Questa è la pagina con la loro risposta ai sostenitori della Divina Commedia: http://www.gherush92.com/news_it.asp?tipo=A&id=2986

Giuda
Member
Alla fine sì, quello di cui parli è il concetto che sta alla base del giullare, che può dire quello che gli pare perché matto o scemo, e tuttavia non lo si prende mai sul serio anche se è chiaro a tutti che nelle sue parole c’è la verità senza filtro, quella che va al punto senza giochetti e compromessi. Il collegamento che hai fatto con Dante mi è piaciuto, e poi genio e follia – recita la saggezza popolare – vanno a braccetto, o così sembra a chi osserva da fuori. Io sono convinto che tutta l’umanità sia folle,… Read more »
zeros83
Member
A me, di tutta la prima parte del post (sorvolando sul povero Dante e i diversamente furbi che si meritano solo roncolate nelle scapole per aver proposto di censurarlo, ma devono essere i cugini di quelli che in “The Nigger of the ‘Narcissus'” volevano sostituire ogni occorrenza di “nigger” con “n-word” =_=), a me, dicevo, fa specie soprattutto una cosa: “adorkable”. Mi possono anche dire che dovrebbe significare “adorabile al di là del grandioso”, ma io non posso fare a meno di vederci una connotazione negativa. Dork, dice il mio santo Collins, è “a stupid or incompetent person” (e sorvoliamo… Read more »
Giuda
Member

Magari un giorno dork e quirk (pare un duo comico alieno, o la parodia di un programma di Piero Angela), faranno la fine di geek e nerd, riabilitati da chi ne viene etichettato per disarmare il nemico. L’autoironia distingue l’uomo dall’idiota.

Giuda
Member

Sì, più o meno. LOL

zeros83
Member

Spero tanto che il giorno della riabilitazione arrivi presto! ^_^

trackback

[…] po’ di tempo fa, a casa di Hell, si parlava di Zooey Deschanel, del fatto che le danno della adorkable, crasi tra adorable e dorky, e a me giravano i tenerini, a […]

wpDiscuz