CyberLuke
Member
Non ho visto lady in the water. E di Shyamalan non amo tutto incondizionatamente: non sono mai riuscito ad andare oltre i primi venti minuti di The Village, ho visto Il Sesto Senso una sola volta ma mi sono piaciuti parecchio Unbreakable e Signs. E venne il giorno lo tengo un po’ nel mezzo, c’è da dire che in mano ad un altro la storia si sarebbe spenta come una candela dopo poco, ma lui, in un modo o nell’altro, riesce ad arrivare ai titoli di coda dignitosamente. Però, tutto sommato, è uno che – come te – tengo sempre… Read more »
mcnab
Member

Il film non l’ho visto. Non so perché ma, a pelle, mi sapeva di delusione enorme e preventivata.
Ora le tue parole mi inducono a scaricarlo immediatamente, e a rimediare…

Keyem
Guest

A me è piaciuto, ma non immaginavo che dietro ci fosse stata tutta questa preparazione! Mi è venuta voglia di rivederlo subito!
Grazie Hell! 😉

Lycas
Member

Visto e rivisto. Molto bello. L’atmosfera, in qualche modo, mi ricorda il Labirinto del Fauno, altro film che ho molto apprezzato.
Ok, sono due cose diverse, però però però per me è così.

zeros83
Member
Io con il signor Shyamalan ho un rapporto complicato… Il Sesto Senso l’ho visto sapendo già il grande colpo di scena (tutta colpa del fidanzato che mi dice “Eh, sì, ma sai, il fatto che in realtà le cose stanno così e cosà, sai, un po’ si capisce già qui” e io “grazie, non l’avevo ancora visto” e lui “Ma no, dai, stai scherzando!”). Devo dire che è stato carino e che era costruito piuttosto bene. Signs mi è piacicchiato, senza infamia e senza lode. The Village ho capito a metà film qual era il grande colpo di scena, ho… Read more »
zeros83
Member

Come resistere alle pupille a cuoricino, dici? Mmmm… non avendole notate? 😛

Se dovessi scegliere un film preferito di M. Night avrei il ballottaggio tra Unbreakable e Il Sesto Senso: da un lato Unbreakable l’ho vissuto “pienamente”, senza spoiler, godendomelo e basta, ed è una gran cosa; dall’altra il Sesto Senso è costruito veramente ma veramente bene, un ottimo gioco di incastri e di depistaggio, e le storie narrate così mi piacciono un casino, perché sono difficili da scrivere.

zeros83
Member

^_^ Capisco che sia un dettaglio che cambia le cose 😉

Per le storie a incastro sono d’accordo, super d’accordo, ed è per questo che mi piace molto il Sesto Senso (oltre al fatto che le storie con un pizzico di soprannaturale mi affascinano sempre).
Una storia a incastro è un rischio, ma quando è affrontata bene è un piacere. Tipo qui; tipo in Memento di Nolan; tipo in un racconto di Jeffery Deaver (Seme cattivo) che è una storia di incastri e di punti di vista geniale.

zeros83
Member

Credo che lo leggerò solo domenica, ti farò sapere. 😉
(Ti dirò: tremo anche io per il mio. L’ultimo post sarà luuuungo e continuo a modificarlo senza soddisfazione.)

Keyem
Guest

@ Hell: tu bada a farlo finire come deve finire. Perchè se alla fine scopro che “lei” non è lei ti uccido. 😀

silente
Member

Io l’ho adorato proprio fino a questo Lady in the Water, che temo sia il suo canto del cigno. Autore originale, intrigante, misterioso, elegante, colto, con Signs ha creato a parer mio un film epocale, anche se non molto amatissimo, con the Village ha imbastito un’atmosfera della madonna e uno dei migliori twist finali di tutti i tempi, e con Lady in the Water ho riso e pianto come in poche altre occasioni.

Poi, purtroppo, il baratro. Bello profondo. E ancora mi chiedo come sia possibile. 😐

zeros83
Member

Mah, Silente, il finale è un buon ribaltamento, ma non poi così epocale, più che altro perché se guardi il film ponendoti domande e sapendo con che genere di regista hai a che fare, già quando la mamma del protagonista maschile gli racconta perché si è trasferita nel villaggio, beh, è tutto lì.
Io ho ascoltato il racconto di mamma e il ribaltamento era già lì, nelle immagini che mi ha evocato in testa. Una sola parola, “cassonetto”, e tutto ha perso il suo fascino 🙁
Diciamo che non mi sono più gustata granché il resto. 🙁

trackback

[…] Night Shyamalan si è rivelato un ottimo argomento di discussione. Nessuna sorpresa a riguardo. Coi suoi lavori è riuscito a emozionare, spaventare e stupire. E, […]

narratore74
Member
Ho amato tanto questo film che non sarei riuscito a descrivere meglio le sensazioni e gli stati d’animo in grado di regalare. E dire che quando ne parlo sembra stia nominando qualcosa di orrido, infimo e pressoché inutile… Shyamalan è un grande regista, un visionario come pochi altri, e per il momento è riuscito a deludermi solo in un paio di occasioni (Devil è orrido, ma come hai detto tu non conta) e anche io ho il sospetto che abbia ancora molto da dire. Che sia perché si sente legato, o solo paura di osare e rischiare, non so. Fatto… Read more »
wpDiscuz