Underground

Sexy

Se non siete convinti della bontà di queste locandine, vi consiglio di provarci. Su, provate a immaginare degli uomini al posto di queste splendide donne.
Ditemi che la cosa vi piace lo stesso. Se avete coraggio.
Io sto qui ad aspettare. Nel frattempo ho radunato dieci locandine dieci per celebrare la sensualità al cinema. Tra fili di ferro e pallottole al dente e almeno una telefonista che nessuno vorrebbe mandare a quel paese, allorché provasse a chiamarci alle tre del pomeriggio.
Menzione particolare per “Dracula has risen from the Grave” (1968) della Hammer Films, quell’avverbio in sottotitolo, “obviously”, “ovviamente” è il non plus ultra della feroce ironia ai danni di un archetipo che, per come è visto oggi, ha proprio stufato.
Enjoy.

Altre gallerie QUI

Kick-ass writer, terrific editor, short-tempered human being. Please, DO hesitate to contact me by phone.
  • Stavo per perdermi questa bella gallery.
    Certo, con l’evoluzione dei costumi e della morale, questi manifesti oggi tendono ad apparire un pelo maschilisti, e manco troppo a torto.
    Ma qualcuno ci prova ancora, con ottimi risultati (Secretary>/i> e Homeland Security su tutti), e credo sia un bene.

  • @ Nick
    Senza dimenticare il Cavaliere Oscuro…
    Maggie continua a piacermi e tutto ‘sto parlare di Secretary… chissà…
    😀

    @ Izzy
    Guarda che sei sempre in tempo per vederli, se non tutti qualcuno, almeno. Così fai il vecchio anche tu.
    😉

    • 12 anni ago

    Non ricordo di aver visto neppure uno di questi film…
    AH VECCHI! 😛

    • 12 anni ago

    Ah,la Hammer dei tempi d’oro che bei ricordi.
    L’elegante Dracula di Lee(che però odiava quel ruolo,a differenza di Cushing,che invece non aveva nessun problema ad interpretare Van Elsing,bastava che lo pagavano).
    Maggie Gyllenhaal,poi mi sa che sarà ricordata per SECRETARY e DONNIE DARKO.Un attrice oscurata dal talento del fratello e che meriterebbe miglior fortuna.

  • @ Cyb
    Contentissimo che la pensi così. 😉
    Confermo Maggie Gyllenhaal.

    @ KM
    Troppo malinconica mi stai diventando… 😉

    Non so… io resto sul classico dei succhiasangue, specie se c’è ironia come in questo caso…

    • 12 anni ago

    Io per motivi nostalgici preferisco quella di velluto blu.
    Si Cyb era Maggie Gyllenhaal! 😉

    • 12 anni ago

    Secretary è uno dei film degli ultimi dieci anni che più mi è rimasto impresso.
    Non so quale sia il motivo, se la morbosità naturale, il feticismo non volgare, la trama originale o la bravura di una Meggie Gyllenhaal (era lei vero?) giovanissima, però mi è piaciuto tanto.
    E la copertina oltre a essere, secondo me, la più sexy tra quelle citate è pura classe. 😉