L'Attico

Il punto sui miei ebook

thor_hammer_jewel
Pendente che rappresenta il Mjolnir, il martello del dio Thor

E così, mentre il mondo (de)raglia su quale sia il formato di lettura migliore e quali siano i vevi scvittovi e quali no, io mi sono rimesso a lavoro.
Dopo un anno di pausa e un momento di crisi mistica che nemmeno io so perché; forse è quella parentesi che capita a tutti, quando dalle dichiarazioni d’intenti si passa ai fatti, con tutto il carico di responsabilità.
Scrivere, dicevo.
Dalla mia parte ho tante migliaia di download.
Ma mi accorgo che, per molti che (non) leggono i miei articoli, io sono solo quello che starnazza di cinema, bene quanto si vuole, ma che solo di cinema si occupa.
E invece scrivo, e lo faccio anche benino.

E se ancora non avete letto i miei ebook gratuiti e volete avere un assaggio di stile e contenuti, non dovete fare altro che cliccare qui di fianco, sulle copertine, ed essi, i miei ebook, appariranno magicamente sul vostro PC.

In questo anno di pausa dalla scrittura mi sono accorto di stare costruendo una mia poetica, ovvero un mio modo di vedere e descrivere il mondo, anche attraverso contenuti scomodi e violenti. E parolacce.

Non c’ho mai pensato, in tanti anni, a crearmene una, così come, ne abbiamo discusso nei giorni scorsi, non ho mai pensato a spiegarmi le ragioni del perché mi piaccia scrivere.
È una cosa che mi riesce facile: macino senza alcuna difficoltà 2000 parole al giorno, anche di più quando sono motivato. Correggo poco.
E sì, anche io faccio errori. Come tutti.

La notte autunnale a Uppsala
La notte autunnale a Uppsala

***

Ma si lavora per farne di meno, sempre meno.

Nel narrare storie, ho sempre prediletto i personaggi, piuttosto che l’ambientazione generale. Sicché, sarei un creatore d’anime, più che di mondi, perché credo fermamente che di un libro debba restare in testa non solo la storia, ma ben impresso soprattutto il protagonista (o la protagonista), almeno lui. Per non finire nella fossa con tutti quegli altri personaggi anonimi, creati per pronunciare battute, risolvere un intreccio e poi sparire nel nulla, magari interpretati nella versione per il cinema sempre dallo stesso attore, che si limita a cambiare pettinatura.
Ecco, i miei personaggi devono restare. Questa è la pretesa.

Sicché, nel mio prossimo lavoro, BB, che leggerete fra tre giorni, ad Halloween, e che sarà distribuito in forma gratuita, la storia è stata costruita intorno al personaggio.

Stesso criterio ho adoperato per l’altro mio lavoro, che metterò in vendita su Amazon entro fine Novembre (più probabile verso la metà) e che per ora chiameremo solo J&J.
Sono partito dalla suggestione, una ragazza albina, e ho proseguito ipotizzando uno scenario contaminato dalla mitologia norrena, di cui ho letto tantissimo e ho voluto fornire una sorta di reinterpretazione originale, in chiave moderna.

Il cumulo di schizzi preparatori per la copertina di J&J
Il cumulo di schizzi preparatori per la copertina di J&J

***

Nell’affidare la realizzazione della copertina, a cui sta lavorando il mio amico Max, e della quale vi posto gli schizzi preparatori, ho pensato fosse il caso di fare altrettanto; in breve, gli ho detto: leggi e trai le suggestioni. Curiosamente, anche lui ha centrato la sua attenzione sui protagonisti.

Ebbene, cosa sto tentando di fare?
Sto tentando di unire parte dei miei eBook in un’unica ambientazione coerente, le sfaccettature e gli ambienti della quale vengono descritte attraverso le vicissitudini dei vari protagonisti, dotati di facoltà uniche.

Cosa meno complicata di quanto appaia in realtà. E molto più divertente, da scrivere e da ipotizzare, per lo meno.

Ora, immaginate di avere facoltà uniche, ma di non poterne parlare con nessuno, perché non state troppo a posto con la testa e perché siete intrinsecamente convinti di avere, complici le vostre letture, una discendenza divina che vi rende superiori non più solo de facto, ma de iure, agli esseri umani…

Se foste convinti che il dio Thor (non il biondo della Marvel, ma il dio rosso e barbuto figlio di Odino) sia vostro fratello e steste aspettando da lui un segno…

Se nel frattempo altri eventi strani e creature sovrannaturali incrociassero il vostro cammino, e voi stessi attribuiste loro una natura mitologica che in realtà non hanno…

Secondo cumulo di schizzi preparatori...
Secondo cumulo di schizzi preparatori…

***

I protagonisti di J&J sono fratello e sorella, sono gemelli. Lei è albina.

Cerchiamo di rifarci alla mitologia, perché quella è la sorgente, unica e sola: Hjuki e Bil sono fratello e sorella e figli di Mani, la dea della Luna. Il nome del primo significa letteralmente “colui che guarisce”, il nome della seconda significa “istante”. Pensate per un attimo se il nome avesse davvero potere sulle cose…

Mi hanno detto che potrei aver sfiorato inconsciamente l’urban fantasy, con questo lavoro. Io non lo so, non l’ho scritto pensando a un genere, l’ho scritto pensando a personaggi speciali e tormentati come pochi. L’ho scritto immaginando per loro un contorno violento e crudele, non lesinando cinismo e violenza e soprattutto immergendomi nella mitologia norrena, nel gelo, nelle rune, nella tradizione.

Se vi ho incuriosito almeno un po’, seguitemi. Proveremo a entrare in un mondo particolare, sperando possa riscuotere il vostro consenso.

Soundtrack consigliata:
Emerson, Lake & Palmer
Butcher Babies
Jefferson Airplane
Slipknot
In This Moment

Link utili:
Il Sito di Max Novelli

Kick-ass writer, terrific editor, short-tempered human being. Please, DO hesitate to contact me by phone.
    • 11 anni ago

    […] la fortuna di leggere in anteprima è molto valido. Se volete qualche anteprima, potete leggere questo suo articolo. Un making of decisamente interessante. E, sì, un post-it di Mortensen ispirato alle storie di […]

    • 11 anni ago

    Ho avuto la fortuna di leggerlo in anteprima…gran bel lavoro che merita una copertina dello stesso livello. E arriva… 😉

      • 11 anni ago

      L’arriva, l’arriva… (cit.) 😀

    • 11 anni ago

    A me piace moltissimo come usi e tratteggi le atmosfere nordiche.

    Così come adoro l’urban fantasy (per comodità chiamiamolo così) in cui divinità o presunte tali si misurano col mondo dei mortali. Ancor più se esse si tirano dietro creature del Mito e altre piacevolezze.

    Aggiungo che adoro i making of, e che trovo molto carina l’idea di regalare a noi lettore le foto dei lavori fatti in fase di realizzazione della copertina (oltre a tutto il resto, si capisce).

    Una domanda: quanti racconti pensi di produrre in questa ambientazione?

      • 11 anni ago

      In effetti Urban fantasy è una definizione di comodo. Magari anche ingannevole, ma per ora non mi viene in mente niente di più vicino. ^^

      Volevo aspettare i primi riscontri prima di pensare a eventuali sequel, ma in realtà mento a me stesso, ho in mente almeno altri due racconti con gli stessi protagonisti, di cui uno ambietato nel passato recente, negli anni Ottanta. ^^

      Grazie mille. 😉

        • 11 anni ago

        Ecco sì, questa si avvicina di più. Ovviamente faccio sfoggio di tutta la mia ignoranza in materia di generi e sottogeneri. XD
        Quel che è certo è che mi sto muovendo verso il genere horror, senza trascurare l’elemento fantastico. E mi piace, a dispetto di quelli che potevano essere i miei gusti solo qualche anno fa.
        Merito forse solo del semplice atto di scrivere. ^^

        • 11 anni ago

        Urban fantasy rende l’idea, dai. Almeno per sommi capi.
        Se vogliamo fare proprio un po’ di discussione sui presunti sottogeneri, anche il dark fantasy si adatta bene al tuo scenario (http://it.wikipedia.org/wiki/Dark_fantasy).
        Per esempio il bellissimo Il Labirinto del Fauno viene definito dark fantasy… e secondo me si avvicina un poco a quel che stai scrivendo.

        Ripeto: giusto per fare un po’ di piacevole conversazione, che le etichette poi contano il giusto (ossia quasi nulla) 😉

    • 11 anni ago

    Ma con tutto questo scrivere hai esorcizzato il demone interiore dello scrittore?

      • 11 anni ago

      Sì, coi fermenti lattici s’è rimesso tutto a posto. Ora l’intestino è regolare e la pancia è piatta. 😀