Cinema

Game of Thrones – Stagione 5 (ep. 10)

GOT_S5_-_Poster.0

Per il finale di stagione, GOT ci serve un minestrone alla saltapicchio d’antologia, ma discuteremo tutti gli ingredienti con abbondanti SPOILER nella recensione. Buona lettura.

Dopo averci servito una puntata dopo l’altra di videoclip in cui si saltava da Tizio a Caio per tornare a Sempronio nella puntata successiva, GOT decide che è ora di ribadire lo schema sublimandolo nel finale, così ci becchiamo un calcinculo di personaggi che esaurisce quanto scritto fin’ora da Martin. Ve lo confermo, a questo punto i libri sono finiti. Adesso si procede solo col lavoro degli sceneggiatori. La terra è finita, questo è il bordo del mondo. Hic sunt leones et dracones. Valar morghulis e tante care cose.

GoT-S5E10-Stannis

game-of-thrones-mothers-mercy_article_story_largeStannis fa la fine di merda che merita, peccato che si porti appresso una figlia innocente e la moglie suicida, che giusto alla fine capisce di essere stata una madre di merda e che tutta questa storia è una follia. Pure Melisandre, dopo aver visto la disfatta nonostante il falò di principessa, se la fila! La faccia di Stannis non sa quale espressione prendere, ma visto che non ne ha mai avuta una, resta di gesso così com’era. Non so voi, ma io ho visto una mano strappare le pagine della storia fin qui scritta e pisciarci sopra. È l’occasione di Brienne, che riesce a vendicare Renly, anche se non ci mostrano il momento in cui colpisce Stannis. Beh, non ci mostrano tante altre cose, come la fine del tuffo di Reek/Theon e Sansa, che mi fanno accapponare la pelle per la prossima stagione. Tornando alla nostra Maiden of Tarth, Brienne riceve il Premio Paladino di Merda per essersi voltata proprio nel momento in cui Sansa accende la candela. Proprio non le riesce di salvare qualcuno, dovrebbe cambiare carriera.

Melisandre-and-Stannis-Official-HBO
Il Bacio di Giuda Melisandre.
Game of Thrones, Series 5,Episode 10,Mother's Mercy,Sky Atlantic, Harington, Kit as Jon Snow
In queste ore, mi fanno morire le “scioccate reazioni dei fans al finale di Game of Thrones”. No, ma davvero? A parte che era telefonato da diverse puntate, possibile che NESSUNO di questi fans (spesso fandamentalisti) incalliti abbia letto il libro? Echecazzo©

Melisandre intanto raggiunge Castle Black, e neanche una parola su come siano andate le cose, che magari Davos le taglia la gola con una lama smussata (a ragione) mentre Sam ottiene il permesso di raggiungere la Cittadella per diventare un Maestro. Dopo avergli dato la sua benedizione, Jon va a finire in una trappola così stupida che neanche Will E. Coyote. Questa è la scena che chiude l’ultimo libro pubblicato, A Dance of Dragons, e leggendola sembrava decisamente morto. MA!… Ecco, quando ho visto arrivare Melisandre mi ha colto un MA allo sterno, di quelli con due maiuscole. Sì, perché ve lo ricordate Thoros di Myr? Era quel Prete Rosso che resuscitava Beric Dondarrion ogni volta che finiva i cuoricini sulla barra della vita. Ecco, e allora io mi sono domandato: perché non farlo fare anche a Melisandre con Jon Snow? In nome delle groupies di Kit Harington, si capisce. Oppure potrebbero pensarci i White Walkers, visto che gli basta alzare le braccia (che ascelle portentose, cariche di negromanzia). È che la morte di Jon mi puzza ancora di più nella serie televisiva che nei libri, perciò temo un ritorno di fiamma della Strega Rossa o un «Lazzaro, alzati e cammina!» dagli orchetti del ghiaccio, o qualunque cosa siano.

Cersei-kneels-before-the-High-Sparrow-Official-HBO1-810x539

tumblr_npziitlhfo1s95j2so1_500Cersei intanto è costretta alla marcia della vergogna lungo le vie di King’s Landing. Ve lo dico: già dalla cattura, non sono riusciti a ricreare un oncia di tutto il tormento di Cersei, neppure con questa camminata che anzi è stata girata male. Posso affermarlo perché quando ho letto questa parte del libro, nonostante amassi odiare Cersei, ho simpatizzato e empatizzato con lei. La storia parla della protagonista, di quello che subisce, delle umiliazioni continue, della sua paura, del suo odio, delle sue ansie… di lei, come dovrebbe essere. Qui invece ho trovato tutto portato all’esterno, più voyeuristico che altro. Le inquadrature, il modo il cui viene presentato più il suo corpo che il suo viso, tutto parla di umiliazione ma non di chi è umiliato. Mi rendo conto che sullo schermo non si può presentare un monologo interiore o ricostruire con una voce narrante, ma se avessero rinunciato al solito nudo frontale da HBO in favore di maggiori primi piani, silenzi e inquadrature più drammatiche, si sarebbe potuto fare. Non gli interessava, perciò non l’hanno fatto.

GoT-S5E10-Cersei

Mentre la madre è in queste misere condizioni, la figlia rivela al padre di aver sempre saputo che Jaime non è solo suo zio, così si abbracciano e lei… cade per mano di una vigliacca di merda, un personaggio detestabile come Ellaria Sand. Uccidere una ragazzina col veleno? Andiamo, questa può vantarsi di ciò che le pare, ma non del suo onore. Insieme a Stannis è il personaggio che odio di più. Perfino più di Ramsay, che sarà un depravato figlio di madre signorina, ma lo è fino in fondo e non si finge diversamente. Quello che mi fa incazzare di più però è che Ellaria non ha senso, e le sue figlie sono delle smorfiose fotocopie senza identità. A parte quella ninfomane che cerca di infilarsi nelle mutande di Bronn. Wow, che caratterizzazione!

Game-of-Thrones-5x06-2
Eh già, ci voleva un coraggio da leoni. Anzi, da vipere, in effetti.

Dopo la fuga di Daenerys col Fortuna Drago Drogo. Anzi, Fortuna Drogo. Si ritrova nelle steppe dei Dothraki, dove tutto un Kalazar la circonda. Che vogliono? Secondo me sono venuti a osannare la Madre dei Draghi, tanto questa ha più culo che anima e cade sempre in piedi come i gatti. Jorah e Daario si faranno una bella scampagnata per cercarla, mentre Tyrion, Verme Grigio e Missandei restano a Meereen per mantenere l’ordine. Per fortuna arriva Varys a dare man forte. Ecco, l’incontro tra Tyrion e Varys è stato il mio pezzo preferito. Quei due sono una forza, conto su di loro per la prossima stagione, sempre che abbia la forza di seguirla.

584585_1
Mi si è fermato il drago nel mezzo del nulla, e adesso chi me la dà una spinta o un passaggio! Aspetta, ma quelli sono dothraki, o fanboyz che hanno capito botta invece di spinta?
5x10-Mother-s-Mercy-game-of-thrones-38566059-500-333
Scooby Dooby Doo, where are you?

Dulcis in fundo, di punto in bianco Arya c’ha i superpoteri! Finalmente ammazza Ser Meryn Trant, poi torna a casa e c’è una lunga scena alla Scooby Doo con Jaqen H’ghar.

Vogliamo sprecare commenti su questa scemenza?

Valar affanculo!

Ci rileggiamo la stagione prossima, adios.

  • Di questa stagione deludente mi sono piaciuti a malapena due episodi…

    Una curiosità, anche nel libro il drago è un pappamolla come qui?
    Perché mi viene da ridere al vedere un drago ferito gravemente dopo 7 colpi di lancia… ce ne volevano almeno 200!

  • Ma qualcosa su Arya e Jaqen Dooby Doo, vi sentite di dirla voi? A me è caduta la mascella, accanto alle palle.

    • Diciamo che pure quella parte era telefonatissima. Non si capisce, ecco, da dove abbia preso i superpoteri Arya, ma dev’essere tipo karate kid, a furia di lavare pavimenti, mettere e togliere cera, dipingere steccato e lavare cadaveri il potere vien da sé: Anzi, credo che dai cadaveri ovviamente traggano i volti da usare.
      Boh. 😀

      • Forse la parte più imbarazzante è quando torna e attacca la faccia alla colonna, come il cappello all’attaccapanni. Quasi mi aspettavo che poi si grattasse il culo e si mettesse in poltrona lamentandosi della giornata. =_=

  • Beh, io non ho letto i libri, ma non sono una fondamentalista, eh.
    Condivido la delusione generale, soprattutto circa la passeggiata della vergogna e ne approfitto per chiedere… ma le fanciulle di Dorne sono così rammollite anche nei romanzi? Perché dopo il personaggio di Oberyn mi aspettavo tanto da queste terroncine vendicative e invece mi sono ritrovata quattro (quattro? boh) gallinelle noiose. Altro che “fight and fuck”.

    • Nei libri, a Dorne c’era parecchio più movimento, e non mi pare proprio che fosse andato Jaime, tanto meno Bronn. Mandavano un altro cavaliere della guardia reale (non ricordo chi) a proteggere Myrcella da eventuali pericoli e rivalse. Le vipere erano un po’ meglio caratterizzate, anche se dovevi comunque tenerti a mente i nomi per non confonderle. Doran era più anziano e aveva la gotta, ecco perché stava sulla sedia a rotelle, non perché fosse paraplegico e gnocco. Però è la HBO e l’occhio vuole la sua parte. Quanto al fatto che siano le figlie di Oberyn… beh, visto che lui è stato un fuoco di paglia (nei libri è durato anche meno, entra il figo muore il figo, ’na barzelletta), mi pare giusto che anche le sgallettate non combinino un tubo (a parte fare da vallette a mamma). Peccato perché Dorne è un’ambientazione affascinante, ha una storia unica tra i Sette Regni e poteva dare tanto di più. Come tante altre cose in questa stagione, sa di spreco.

  • Io A Dance With Dragons non sono riuscita a finirlo. Mi sono annoiata moltissimo dopo circa un centinaio di pagine e l’ho scaraventato (anzi, brutalmente rimosso dal kindle).
    E la quinta stagione è sullo stesso tenore, a parte che sono stati misericordiosi perché hanno cancellato alcuni personaggi del tutto inutili, che Martin continua ad aggiungere perché più pagine scrive, più la saga dura a lungo e più lui si compra sette o otto ville.
    Il che è pure giusto, furbo lui, scemi i fan, come sempre.

      • 7 anni ago

      Concordo!
      Dato il materiale di partenza direi che D&D non potevano fare di meglio!
      Ho il forte sospetto che la casa editrice di martin lo paghi in base alla quantità di pagine che scrive, altrimenti non mi spiego perchè perdersi in tante chiacchiere inutili.

      • Errore mio, Vikings l’ho lasciato dopo due episodi perché non mi stava prendendo, ricordavo male. Mi è stato detto che andando avanti peggiora, ragione in più per metterlo da parte visto che ho altre serie da seguire.

        Molte cose di ADWD non le ricordo più, specie nei dettagli. Questa parte che citi l’avevo proprio scordata. Spero anche io che Jon sia morto sul serio, ma temo il potere negromantico delle groupies che si promana attraverso la produzione e il casting. Menomale che Lady Cuoredipietra ci è stata risparmiata, anche perché a parte un paio di comparsate, mi pare che pure nei libri fosse sostanzialmente inutile.

        Probabilmente Martin incassa i diritti sul materiale finché lo show è in piedi, quindi mentre il brodo si allunga, altrettanto cresce il suo conto in banca. Lui stesso si scrive addosso, vedremo cosa faranno gli sceneggiatori. Abbiamo due opzioni; la disfatta per avanzamento a tentoni, una nuova speranza (cit. Star Wars) grazie alla liberazione dai ceppi. Staremo a vedere. Io non sono molto ottimista ma vedrò come procede.

    • ADWD ha momenti buoni e altri davvero bassi. Io l’ho finito e quando sono arrivato alla morte di Jon sono saltato sulla sedia, perché te la telefona di meno anche se si capisce che il pericolo c’è. Leggendo sembrava una cosa definitiva, tutti i suoi organi si beccano una dose di ferro sopra il normale e muore come una merda nella neve, però non ricordo se lo attirano con lo stesso espediente scemo o succede altro. La teoria Dondarrion-Melisandre mi è venuta in mente per via della serie, sapendo che si ragiona diversamente di fronte a un attore belloccio con un fandom, fosse rimasto solo un libro avrei detto: «Qui muore Jon Snow, non se lo aspettava. Tanto non sa mai un cazzo».

      E poi sì, sono d’accordo col ragionamento che faceva Germano sulla verosimiglianza con la vita, nella quale un percorso non è detto che si compia, il più delle volte va a puttane come Tyrion per bordelli. L’intrattenimento però ha altre regole. Se mi stai raccontando una storia vuol dire che vale la pena raccontarla, quindi ha un suo svolgimento preciso che mi vuoi illustrare. Se non è così, allora sono quasi chiacchiere da bar. Anzi, da taverna lungo la Via del Re.

      Da ora in avanti, gli sceneggiatori hanno via libera. Tremo. Non perché Martin sarà solo un mero consulente, ma per via dei precedenti della HBO, che di solito parte alta e poi si perde in noia e fastidio (sto pensando alle ultime stagioni di True Blood, e se ho capito bene la stessa malattia ha colpito Vikings).

      Intanto, Martin va avanti coi suoi libri, nei quali i fans vorranno leggere la “vera” fine di tutto quanto, e incassa dalla serie i diritti e le consulenze. Mica scemo. Anzi, mi ricorda Ditocorto, lui si che ha naso per gli affari.

        • 7 anni ago

        Succede che arriva una lettera di Ramsay Bolton piena carica di minacce, dove in pratica dice “ridatemi mia moglie (Jeyne Poole che fa finta di essere Arya Stark)”. Jeyne e Reek scappano da Winterfell grazie all’aiuto di Mance Rayder (travestito da menestrello) e le sue “mogli di lancia”, travestite da serve o puttane…non ricordo. Ramsay se ne accorge, cattura Mance, di certo lo sottopone ad ogni sorte di tortura,e scopre che sua moglie è diretta al Castello Nero.
        Jon legge la lettera si incazza e non ricordo perchè decidere di mettere da parte il suo giuramento e di prendere parte alle varie faide dei Sette Regni. decide di partire alla volta di Winterfell a capo di alcuni guardiani della notte. Questi ultimi, già incazzati neri perchè Jon ha fatto passare i bruti oltre la Barriera, si rompono definitivamente le scatole e decidono di accoltellarlo a morte!
        Alla fine la scena si svolge più o meno nello tesso modo! manca solo il ragazzino stronzo che fa la parte di Brutus.

        Io comunque spero che Jon sia passato definitivamente a miglior vita. Basta con le resurrezioni, che sono una delle trovate peggiori di Martin. nei libri ce ne sono pure troppe. In GOT ci hanno quanto meno risparmiato l’orrida Lady Cuoredipietra.
        Al massimo, se proprio vogliono mantenere l’attore nel cast, Jon potrebbe diventare un White Walker. Kit Harington sarebbe perfetto per la parte, dato che ha l’espressività facciale di un cadavere!

        • 7 anni ago

        Piccola digressione:
        Vikings non è un prodotto HBO. E’ prodotta alla Metro Goldwin Mayer e va in onda su History Channel.
        Ho visto le prime 2 stagioni, e devo dire che un prodotto ben realizzato. So che ce ne sarà una terza, forse è già andata in onda, ma non l’ho vista….quindi non so dire se sta peggiorando o meno

    • Ma poi vuoi mettere ora la soddisfazione che non ci sono più lettori saccenti a anticipare tutto?
      LOL, chi immaginava che la serie avrebbe continuato al di là del libro che non uscirà mai?
      Io da lettore mi sentirei lievemente preso per il culo. XD

        • 7 anni ago

        Davvero che noia i lettori saccenti, sempre lì a criticare questo e quello. Mi chiedo perchè mai continuino a guardare GOT. Ma se vi piace non lo guardate. no?
        Macchè! Ogni anno stanno lì a guardare ogni nuova serie, pronti a criticare e a sputare veleno, in particolare sugli sceneggiatori, rei di aver rovinato quei gran capolavori dei libri di Martin!

    • A me sembra che abbia perso il filo della storia.
      Che poi, da un punto di vista realistico è perfetto: la vita è così che va, sei fortunato se riesci a concludere il venti percento di quanto hai stabilito.
      Ma qui c’è il problema che per quanto realistica, questa è opera di intrattenimento. E l’intrattenimento ha delle regole ben precise.
      Adesso mi verrebbe da chiedere qual è il senso di tutta la storia di Stannis. Non ne ha alcuno.
      E come lui molte altre sottotrame.

  • Anche per me è falsa, la morte di Jon Snow. Per inciso, una morte da coglionazzo.

    Ma, è un’impressione mia o A Dance with Dragons è una merda rispetto agli altri libri? Di fatto rendendo anche la serie una merda?
    Perché non c’è più una trama, ogni personaggio con qualche ambizione è stato annientato e nessuno ha concluso nulla.

      • 7 anni ago

      No no. Non è una tua impressione A Dance With Dragons, e direi anche A Feast of Crows, sono delle cagate di libri. Dei mattoni di una noia mortale! Pagine e pagine piene zeppe di personaggi inutili, storie inutili, situazioni inutili!
      Gli sceneggiatori di GOT non hanno potuto far altro che sfoltire, tagliare, eliminare il più possibile, altrimenti ci sarebbero volute 40 puntate per narrare tutti gli eventi dei libri…e litri e litri di caffè per restare svegli!
      Dunque non capisco tutte le critiche fatte a D&D e a questa quinta stagione, che di certo non è perfetta ed è di livello inferiore rispetto alle precedenti, Ma non è che i libri fossero sti capolavori, anzi!