Flight of the Living Dead: Outbreak on a Plane (2007)

beppeiaf
Member

Se non ci fossero film così come faremmo a divertirci con le recensioni 😀

mcnab
Member

Visto tempo fa, non mi ha lasciato granché, anche se lo spunto di base è intrigante. Ma del resto a me fa schifo anche Snakes on a plane, anzi, questo con gli zombie l’ho trovato più gustoso 🙂
Il finale poi me lo ricordo molto carino e anche un po’ grottesco.

Riguardo alla domanda, non me la pongo più da un pezzo. Esistono cose elevate, altre cazzeggione, altre del tutto inutili. Funziona così per quasi tutto, cinema e libri non fanno la differenza.

Lucia
Member

Già, perché?
Forse perché esiste un mercato che sopravvive solo grazie a questa roba. E soprattutto il mercato americano è così sterminato che si può permettere questa roba.
Ogni film è un investimento: se il film va a puttane, allora son soldi buttati, ma se già vai in pari, è un successo, perché puoi fare un altro film e così via, all’ infinito.
E comunque io a questo punto devo vederlo: gli zombi sull’ aereo mi mancano.
*O*

mcnab
Member

Bene, mi è sempre piaciuto essere in minoranza 😀
Dovresti vedere che faccia fanno certi benpensanti quando gli spiego (su loro insistenza) cosa sono le cose che scrivo di solito. Probabilmente per loro sono uno spreco di tempo senza giustificazioni. Ca**i loro 😉

mcnab
Member

Io i b-movie li adoro a fasi alterne. Diciamo che sono felicissimo che esistano, anche se alcuni sono di una bruttezza intollerabile. Come certi ebook 😉

mcnab
Member

(PS manco a farlo apposta stasera segnalerò anch’io un mediometraggio zombie che ho appena visto. Questo è europeo, però! 😉 )

mcnab
Member

Secondo me alcuni registi e attori credono fortemente nel cinema di serie-B, che poi non vuol dire per forza lavorare a delle ciofeche immonde.
Poi sì, la maggior parte storce il naso. Se ci pensi molti attori affermati hanno nel loro CV dei film d’esordio abbastanza allucinanti. Lode a chi li cita con fierezza (pochi, per la verità) 😉

Roberto Moretta
Member

Sinceramente quando leggo un libro o guardo un film non mi chiedo mai che senso avrebbe avuto narrare una simile storia. Penso più che altro se il libro o il film mi è piaciuto o non mi è piaciuto. E in questo caso cerco di capirne perchè. Ma sul motivo per cui si deve narrare una storia, proprio non mi sono mai interrogato. Non saprei che dire , sul serio…

Roberto Moretta
Member

Bella domanda.

Gianluca Santini
Member

Non so cosa rispondere alla domanda sulla narrazione. Cioè, sì in realtà, però magari è meglio attendere il post apposito.

Sulla questione b-movie: non li disdegno. Alcuni sono molto appassionanti, pochi sono nel mio cuore, tantissimi sono da dimenticare. 🙂 Fa parte del gioco. 😉

Ciao,
Gianluca

silente
Member

Penso che alla fine la risposta sia semplicemente perché sì, perché dietro ai b-movie, almeno a livello teorico, c’è divertimento, un divertimento che genera ed è generato dalla passione, e immagino che chiunque “crei”, come dici qui sopra, voglia almeno una volta cimentarsi con qualcosa del genere. Che poi non ne abbia le capacità (registiche/narrative/ecc), è un altro discorso… 🙂

Simone

trackback

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

Helldoom
Member

Bhe io opterei per la motivazione religiosa xD
Forse sono veramente convinti che quello che stiano filmando sia un capolavoro D:

plus.google.com/11347327794…
Member

L’idea potrebbe essere comunque efficace, hai ragione.
Con tutti i suoi limiti, Snakes on a Plane era una genialata, un film della madonna, dannatamente trash e divertente da morire.
Peccato sprecare una cosa così: se i serpenti fanno paura, gli zombie dovrebbero devastare!
E invece…. per non saper né leggere né scrivere, però, me lo cerco.

Erica/Bollalmanacco

wpDiscuz