Underground

Le dimensioni contano

Consueto post grafico domenicale. Tema del giorno: le dimensioni.
Tralasciando i vari King Kong, Godzilla e altri mostri giganteschi, i cineasti si sono dedicati ad alterare le dimensioni degli esseri umani, sempre con conseguenze disastrose, tra folletti che tentano di ritornare grandi,  uomini miniaturizzati alla prese col nostro corpo, dall’interno, adolescenti in piena fase ormonale divenuti giganteschi, così come i loro appetiti, e mostri che pretendono vendetta contro i loro creatori. Fino ai nostri giorni, dove dall’horror in salsa sci-fi, s’è virato verso la commedia.
Menzione particolare per “Inner Space” di Joe Dante, con Dennis Quaid, andato in onda qualche giorno fa e per “Attack of the 50 Foot Woman”, assente in questa raccolta, ma presente QUI e già recensito da quest’altra parte.

Altre gallerie QUI

Kick-ass writer, terrific editor, short-tempered human being. Please, DO hesitate to contact me by phone.
    • 12 anni ago

    Più che altro direi non-vivente.

  • Diciamo che è non-morta. Vedi Afterlife.
    Ok. Battutaccia.

    😀

  • Viaggio Allucinante era geniale… un piccolo classico.
    Ma la fantascienza di quegli anni è davvero morta? 🙁

    • 12 anni ago

    Beh,sarebbe bello poter rivedere diverse delle locandine del periodo d’oro della Hammer o di quelle dei film Universal anni 30-40 magari quelli improbabili ambientati a Visaria o con Gianni e Pinotto dell’iltimo periodo.
    Serie C allo stato puro.O come li chiamava Kim Newman nel racconto omonimo “il paradiso del collezionista”.

  • Grazie anche a te.
    Se hai suggerimenti/richieste fammelo sapere!

    😉

    • 12 anni ago

    Mi complimento per le locandine,veramente un bel regal oper noi appassionati cinefili.

  • Thanks! 😉

    Sì, certo che si possono fare richieste!
    Il difficile è trovare locandine in qualche modo attinenti ai temi che mi invento volta per volta… così, per non metterle a casaccio.
    Vedo un po’ che si riesce a fare per la prossima volta…

    😀

  • Adoro questi post. Sia per l’intrinseco valore artistico delle locandine, sia perché mi fai venir voglia di recuperare questi film, che senz’altro mi darebbero gran godimento.
    Tra questi di oggi “War of the colossal beast” è quello che preferisco.

    Si possono fare anche richieste?
    In tal caso mi piacerebbe vedere, prima o poi, alcuni poster dei b-movie horror degli anni ’50-’60 e ’70. So che alcuni li hai già segnalati, ma io sono incontentabile 😉