Crea sito

L’anima e il deserto – Logan Maxwell Hagege

by Germano on 22/02/2018

Lo vedi, Logan Maxwell Hagege (pron: Ah-jejj), con fazzoletto annodato al collo e cappello old style, sembra figlio di quell’america del dopo-bomba dickiano, sfornato da quell’entroterra polveroso e desertico che amiamo odiare, perché giustamente celebrato e magnificato nei media e nelle arti più di quanto noi siamo mai riusciti a fare col nostro contemporaneo.
Formato sotto la scuola realista, se ne discosta volontariamente, convinto che l’arte debba mutare se stessa all’infinito.

Semplice intuire il cuore della sua poetica: il deserto del sud-ovest americano, i nativi, i colori accesi.

Perfezione e disciplina del tratto. E il sublime kantiano all’opera, probabilmente.

Quello che queste magnifiche tavole mi trasmettono, oltre al benessere derivante dalla contemplazione di tale ordinata policromia, è la serenità.

Forse è suggestione: credere di cogliere gli odori mai percepiti di quella terra lontana,

cogliere il vento che spettina i cespugli.

gli odori addolciti dal sole di mezzogiorno,

i richiami degli avvoltoi, degli insetti, dei coyote,

lo scalpiccio degli zoccoli sulla nuda roccia.

*

LINK UTILE:

il sito dell’artista

Fonts by Google Fonts. Icons by Fontello. Full Credits here »