Serie Tv

The Walking Dead – stagione 4 (ep. 14) [recensione]

The_Walking_Dead_title43

Ebbene, questa settimana tocca a me. Ci troviamo alle prese con una puntata ingannevole, intitolata The Grove, e con un quintetto di protagonisti alle prese col viaggio.

Stiamo assistendo, in forma ribaltata, a quella serie di “ritorni”, tipici dell’antica epica greca, che richiamano il ritorno degli eroi omerici dai lidi di Troia.

Solo che qui l’epica non c’è mai stata, e nemmeno Troia, e c’è una meta comune, la stazione Termini, pardon, Terminus. Che è tutto dire. Il ridimensionamento dai voli pindarici è d’obbligo.

Del resto, chiunque, durante un’apocalisse zombesca, seguirebbe i cartelli che indicano “LA SALVEZZA È QUI!”, giusto?

Ma anche no.

Ma torniamo al nostro quintetto. Un episodio ingannevole, dicevo. Fuori tempo massimo di almeno quattro anni. Ma ok, diversamente dall’andazzo, a metà tra l’improvvisazione e lo scazzo (fa rima e c’è, stacce – cit.) tenuto da The Walking Dead, vediamo un po’, durante gli ultimi 3 anni?, qui assistiamo a un episodio solido e coerente, che riesce a amalgamare silenzi e lentezza con la giusta evoluzione degli eventi. E mi riferisco ai quattro protagonisti, esclusa Judith, essendo una poppante, quindi soltanto una comparsa.

Ma Judith 'ndo cazzo sta? o_O
Ma Judith ‘ndo cazzo sta?

C’è persino, sempre richiamandosi alla narrativa classica, l’agnizione, ovvero il riconoscimento. Tyreese riconosce in Carol (perché glielo dice lei), l’assassina della sua amata. Uccisa con un colpo alla testa e arsa.

In più, c’è anche il perdono. Che più cristiano di così, si muore.

Ma non è questa, la parte migliore.

Quella è riservata alle ragazzine: Lizzie e Mika.

Ebbene, se il massimo del disturbo mentale di Carl (Caaaaaaaaaaaaaavvvvrl!!!, per gli amici) è abboffarsi di tre chili di budino scaduto e in ciò mostrare tutta la sua rabbia adolescenziale repressa dall’apocalisse dei morti viventi, nel caso delle due ragazzine abbiamo a che fare con un delicato equilibrio mentale che è solo apparente e che, proprio in una sopraggiunta situazione di tranquillità, conosce il disastro.

The-Walking-Dead.4x14-Promo (Custom)

In effetti, ci si aspettava, durante i cazzeggi sopraffini di Rick e del Governatore, che tutta questa caterva di protagonisti aggiunti “in amicizia” alla fine della terza stagione, fosse sviluppata, o almeno ci fossero degli accenni. Ce lo si aspettava come ce lo si aspetta da una serie televisiva curata da professionisti.

Cosa non scontata, visti i disastri pregressi e tutti i buchi di sceneggiatura che ci hanno accompagnato costanti, come le bollette del canone rai.

Quindi fa piacere vedere una volta tanto dei dettagli comparsi durante i primissimi episodi di questo quarto anno avere un senso. Essere ripresi e riconfermati, anche quando, come in questo caso, scoprire i colpevoli dei tanti casini accaduti alla prigione non ha, ormai, più alcun senso.

Stupisce, sempre considerando il pudore e il buonismo sciatto con cui finora sono stati trattati i personaggi, assistere a un po’ di cinismo gratuito, di cattiveria, che fa da contrappasso a un’illusoria tranquillità.

Infatti, proprio quando i nostri Carol e Tyreese s’illudono di aver trovato un nuovo equilibrio, per quanto temporaneo, vengono trascinati di nuovo all’inferno da un omicidio brutale, giustificato soltanto dalla follia di una giovane mente che proprio no, non capisce che gli zombie sono cattivi.

quintetto (Custom)

Un episodio come questo sarebbe stato perfetto durante la prima, o seconda stagione. Sempre detto che l’apocalisse è una brutta cosa, sempre detto che i sentimenti che si esprimono con gli occhi a cuoricino, e gioia e speranza, sono destinati, volendo seriamente inscenare una fine del mondo, a cessare. Più alte sono le vette di sensibilità, tanto più profonda è la caduta.

O almeno, così avrebbe dovuto essere fin dall’inizio, fregandosene della politica perbenista del network che ha trasformato TWD in uno show per famiglie e gli zombie in simpatiche e sfortunate creature che stanno lì a ricordare agli esseri umani di… essere più umani. Bleah.

Per cui, per quanto mi riguarda, episodio buono, ma che non posso far altro che considerare un incidente di percorso. Uno dei pochi.

Non mi freghi più, cara AMC.

Che poi, a dirla tutta, Rick, Glenn e persino Maggie sono sempre lì. Il primo soprattutto minaccia un ritorno in grande stile, sulla scia della nullafacenza. Sua dote impareggiabile.

Ad maiora.

Autore e editor di giorno, talvolta podcaster. /|\( ;,;)/|\ #followthefennec
    • 10 anni ago

    A me è piaciuta, bella cinica e crudele. Speriamo non sia un caso isolato.
    p.s. Judith è imbaccuccata in un portabimbetti un pò rustico dietro la schiena di Tyreese.
    p.s.2 Secondo te, a Terminus assisteremo ad un massacro o ad un volemosebene collettivo in attesa della quinta stagione?

      • 10 anni ago

      Secondo me… una volta che arrivano a Terminus terminerà (perdona il gioco di parole XD) la stagione. Lanceranno un bell’amo per l’inizio della prossima. 😉

    • 10 anni ago

    Cosa c’è di meglio che andare alla fontanella in mezzo al bosco e lasciare a due bambine, una delle quali squilibrata, la custodia di una neonata? Carol si merita sempre di più la medaglia di madre (qui tutrice) dell’anno 😀

      • 10 anni ago

      Sono tutti dei gran figli di Sceim in questa serie. -_-

      • 10 anni ago

      Che poi non capisco perché non le hanno fatto uccidere anche Judith…
      Ah già, sennò poi Rick e Caaaaaaaaarrvvvl ci restavano male. 😀

        • 10 anni ago

        In quel caso, avrà la testa dura. 😀

        • 10 anni ago

        La figlia di Sceim 😀

    • 10 anni ago

    Finalmente un buon episodio! Oh, ma quanto ce lo hanno fatto sudare… 😀 Ieri sera me lo sono guardato senza crolli di noia; storia interessante e ben fatta, analisi dei personaggi secondari (quasi sempre i migliori, secondo me, perché gli scemeggiatori li lasciano in pace preferendo concentrarsi sui loro beniamini, tipo Rick e Caaaaaaaaaaaaaavvvvrl!!!) e poi per fortuna e finalmente c’era Carol! ♥

      • 10 anni ago

      Anche io confermo. Ma siccome i buoni episodi sono rari come gli zombie nella seconda stagione, non ci casco.

      Anzi, mi ci incazzo, perché come al solito vuol dire che sono capacissimi di scrivere cose buone, ma se ne fottono perché gne gne gne.
      Follia.

        • 10 anni ago

        Infatti, altra cosa sorprendente, Carol che fa fuori Lizzie e Tyreese che non si oppone. Scelta drastica, ma l’unica possibile. Altrilmenti la psicopatica li avrebbe uccisi nel sonno.

        • 10 anni ago

        Ma sai che quando hanno capito che Lizzie era fuori come il Joker, anche io sono giunto alla conclusione che andava eliminata, ma non ero sicuro che lo avrebbero fatto? Invece *bang!* e per una volta hanno rispettato la logica della sceneggiatura. Però sì, il fatto che ne siano capaci ma che non gliene freghi nulla fa incazzate. Tanto.