L'Attico

Quel che dice Hell

Oggi avrei voluto scrivere di cinema. Perché dicono che questo sia un blog di cinema, scomodo a molti, amato da altri. Poi mi sono ricordato che è il mio compleanno. Ne faccio trentacinque. E che sono un nerd.
E allora la prospettiva è cambiata.
Per una serie di ragioni che non sto a spiegarvi, ho spento il televisore i primi dello scorso novembre. E non l’ho più riacceso. Status quo che, credo, manterrò a tempo indeterminato. Senza televisione, senza etichette facili, come facile è il loro essere ovvi e decrepiti, la loro mentalità d’accatto, indegna dei ruoli che ricoprono, credo trarrò solo giovamento. E già succede.
Si arriva a un punto tale di esasperazione latente, data dal modo di vivere qualunque a cui la maggior parte decide di votare la propria esistenza, che si prende atto, con semplicità, di essere altro. Incomunicabilità tra le parti.
E si capisce anche che è inutile tentare di discutere.
Non che voglia mettermi a fare la guerra. Non ho il tempo, né la forza necessaria. Ma oggi ho capito che non sarò mai come loro. Non sarò mai un giornalista, non sarò mai uno scrittore, mai un “professionista” (qualunque cosa voglia dire), di sicuro non come vogliono loro.
E sapete che c’è? Ormai non me ne frega più niente.

***

Stiamo costruendo, qui in rete, un’alternativa ai giudizi stilati coi post-it, “nerd squilibrato”, che non valgono neanche la carta sulla quale sono stampati, tanto sono sciatti, superficiali e gratuiti. In una parola: ottusi.
Per cui, che altro c’è da raccontarci? Sono un uomo robusto, bello e in salute. Sono forte e intelligente. E non sto dicendo stronzate, la natura è stata generosa con me: conservo persino tutti i capelli in testa. E, come ho detto prima, sono un nerd.
Eppure, parrà strano, so lavorare anch’io, so scrivere, ho una vita sociale, sono benvoluto, persino amato da qualche donna, ancorché il mio aspetto selvatico, dato che aborro la giacca e la cravatta, fa sorgere dubbi, negli interlocutori molli, sulla possibilità ch’io sia persino laureato. E sapete perché? Solo perché non mi rado tutte le mattine. Basta questo.
E risparmiatevi la retorica. Le cose stanno così, tutti lo sappiamo e tutti lo vediamo. Io, da solo, non posso farci niente, tranne cazziare qualcuno al di là della barricata: un minimo di soddisfazione, in un oceano di merda. Una rivincita del nerd, appunto. Futile.
Questo è il mondo sciocco in cui viviamo. Io da trentacinque anni, voi chissà da quanto. E io che dovrei fare, adesso?
Niente. A parte quello che faccio ogni giorno, campare come piace a me, non come gli altri credono si debba fare.
Una cosa sola, a voi che siete integerrimi e sapete esistere, uomini tutti d’un pezzo: la vostra cecità ci ha proprio rotto il cazzo.
Tanti auguri a me.

Kick-ass writer, terrific editor, short-tempered human being. Please, DO hesitate to contact me by phone.
    • 13 anni ago

    Arrivo in ritardo ma arrivo.
    Intanto auguri, fuori tempo massimo.

    Per il resto, sottoscrivo praticamente tutto quello che hai scritto e che hanno scritto anche gli altri commentatori…
    Io nerd ci sono, non mi dispiace, me ne frego e, tra l’altro, sono talmente vicina all’autismo – in certe cose – che l’etichetta nerd me la prendo volentieri. Meglio nerd o meglio che mi diano della malata? Un tempo mi davano della malata (per qualsiasi cosa), oggi “per fortuna” l’intelligenza umana ha creato una categoria per noi disadattati. Almeno non mi sento propriamente insultata da ogni umanoide incrociato per la via…

    La tv l’ho spenta quando avevo 17 anni, ne sono passati 12, non leggo giornali e nel mio bunker non arrivano notizie (se non di videogiochi e film). Sono una dannata ignavia, fancazzista, priva di gusto estetico e anarchica individualista.
    ma sai a me quanto mi frega?
    Ora, scusami, torno ad ammazzare draghi…

      • 13 anni ago

      Alice, bentornata! Grazie degli auguri, e mi fa piacere rivederti. 😀

    • 13 anni ago

    Auguri, rimani così e chissene del resto. Tutto qui.

      • 13 anni ago

      Grazie. *_*

    • 13 anni ago

    Nerd, geek… sono tutte etichette. Abbiamo molte cose in comune: non guardo la TV (non per scelta, mi è venuto naturale), non vesto in giacca e cravatta e non mi rado tutti i giorni (nemmeno tutte le settimane a dirla tutta). Il mio non è manierismo, io sono così è basta se per certi versi qualcuno mi dice che dovrei cercare di avere un atteggiamento, meno antisociale, più consono al ruolo se voglio essere preso sul serio, per altri versi sono abbastanza omologato, con tanto di moglie e figli. La verità è che io me ne fotto e alla fine ognuno deve fare quello che deve fare.
    Di nuovo auguri El Graeco, da un nuovo amico 😉

      • 13 anni ago

      @Angelo
      Ciao, benvenuto in questo covo di nerd. 😀

      • 13 anni ago

      @Mandarino
      Grazie, auguri apprezzatissimi! 😀

      @Ric
      Benvenuta! 😀 Sono contento di vederti da queste parti. Mah, io infatti un certo fascino ce l’ho, per cui so che la nerdaggine fa rima con figaggine. 😀

    • 13 anni ago

    Il mio fdanzato e’ supernerd o supergeek o in qualunque modo si voglia dire. Non veste con giacca e cravatta, non fa la barba tutti i giorni e non guarda la tv. Se fosse diverso non mi piacerebbe. Lui pure dice che io sono moooooolto nerd e io lo prendo come un complimento. Hell essere nerd e’ fighissimo, alla faccia di chi ci etichetta cosi’ ed e’ solo molto invidioso
    Ri- buon compleanno

    • 13 anni ago

    Intanto, ti rinnovo qui gli auguri di cose peccaminose e irripetibili. 😉
    Poi, le etichette sono tante belle, perché tolgono il fastidio di dover pensare. Tu nerd, lui bravo ragazzo, lei… boh? Quello che volete.
    Negli anni della scuola io ero la strana, quella che leggeva e vedeva i film dell’ollole.

    • 13 anni ago

    In fatto di avatar, con me sfondi una porta aperta…
    Di dire che questo è un mondo idiota (anche se io preferisco usare un termine più cattivo) mi sto stancando: tanto chi dovrebbe non ascolta…
    L’importante è sentirsi come si è dentro, che se poi agli altri non va giù (tutta invidia, fidati…) che si rotolino pure giù per una scarpata 😀

    • 13 anni ago

    E comunque…. AUGURI!!!!

    • 13 anni ago

    Di anni, io, ne ho 38 e condivido tutto ciò che hai detto.
    La vita non è omologarsi ad uno status che ti va stretto e se questo vuol dire essere nerd (qualunque cosa significhi davvero), beh ben venga.
    Guardo cartoni animati, mi spancio di fronte ad un horror e continuo a giocare di ruolo come facevo quando avevo quindici anni, con la differenza che adesso faccio tutto questo insieme al lavoro, alle responsabilità e alle bollette da pagare.
    Ma questo è vivere, quindi mi ripeto: ti capisco, e non posso fare altro che aumentare la tua giocata e puntare un all-in 🙂
    Vai Hell, continua così che la strada è quella giusta!

    • 13 anni ago

    Innanzitutto mi unisco anche io al coro di auguri che si sono innalzati.

    E poi, come Lucia, dico che anche io sono messa in condizione peggiore in quanto nerd donna. oVVoVe. Eppure, chi se ne frega, dico io. Quello che la gente reputa da nerd a me piace, i veri amici lo accettano e ci ridono sopra oppure condividono. Mi basta questo.

    Comunque, ci risentiremo tra cinque anni, magari per allora avrò cambiato idea, chissà.

    Auguri ancora!

      • 13 anni ago

      Eh, grazie degli auguri. Non volevo la polemica incorporata, ma è così e certe volte è troppo. E ogni tanto è bene mandare dei sani vaffanculo, magari a quelli che credono di avere a che fare con un simpatico imbecille (io) sono perché utilizzo certi avatar, al posto di altri “seri”, con la mia faccia (che comunque esistono).
      Boh, l’ultimo esempio di idiozia latente nelle persone solo stamattina, con l’ennesima sciocca ragazza che non crede che io sia un Dottore perché “mi concio così”. ahahahahah 😀
      Che mondo idiota. Non ho altre parole. Un mondo idiota.

      😀

    • 13 anni ago

    Primo Tanti Auguri di nuovo 😀
    Secondo io,anche se sono giovane, ho sempre pensato che preoccuparsi di ciò che pensano gli altri sia solo una perdita di tempo.
    D’altronde non vedo come il giudizio di qualcuno che affibbia giudizi agli altri in base a chissà che principio sia rilevante :D.
    L’unica cosa che dobbiamo fare e vivere al meglio delle nostre capacità e nel rispetto delle altre persone u.u

      • 13 anni ago

      Grazie.
      Diventa pesante per due ragioni: quando vedi che non cambia nulla e quando tale aberrazione è eletta a sistema di vita. Ma che ce frega, in fondo. Finché si può combattere, combattiamo.

      😉

    • 13 anni ago

    Hell: Quelli sono i cretini, e loro l’etichetta sì, la portano sulla lingua perché li riconosci appena aprono bocca. Nerd per me non è neppure un etichetta, è un modo di vivere che essendo molto diffuso si è guadagnato una “griffe”. Anzi, alle volte scrivo proprio N3RD™ perché ci rido su e mi diverte esserlo senza far troppa fatica.

    Lucia: Basta poco, è questione di filosofia e discostarsi quanto basta da una presunta normalità. Che anche quella, non ho mica capito dove starebbe.

      • 13 anni ago

      Be’, se la metti così: N3RD, che posso fare, se non concordare? 😀

    • 13 anni ago

    Oltre a ribadire auguri e lovvamento, non posso che concordare con te parola per parola. Troppe volte mi è stato detto di essere (e spesso anche io ho usato su me stessa la definizione) nerd, il che per una ragazza è ancor più dispregiativo che per un ragazzo.
    Perché poi? perché guardo horror, leggo fantascienza e fantasy e sono abbastanza smanettona col pc. Basta davvero poco, a volte, per etichettare una persona, un po’ come accade col nostro amato/odiato cinema.
    Ma tanto, la televisione l’ ho spenta anche io qualche anno fa, i giornali li leggo on line e se mi capita un articolo che mi fa incazzare, passo semplicemente oltre 😀
    Ci si prova a vivere al di là e oltre le categorie spicce che ti affibbiano. Poi quello che vede in me gente di cui poco me ne cale, lascia sempre il tempo che trova.

      • 13 anni ago

      Lo so, non guardare. Però le notizie ci raggiungono lo stesso. E allora ci si rende conto che non cambia niente, tutto diventa ogni giorno solo più moralista e bacchettone.
      Grazie Lucy. <3

    • 13 anni ago

    Non ti preoccupare che ho sentito gente fare ragionamenti ben più contorti sul lavoro, tipo stamattina. Sei stato limpido, o forse sono io che ormai ho imparato a tradurre ogni forma espressiva da qui ai profondi Abissi in cui riposano gli Antichi. LOL

    Il fattore nerd di RdT è bello alto, implica conoscenza del genere horror e simili, una certa ricerca storica e tanta creatività. Occhio e croce, un non-nerd neanche avrebbe partorito l’idea.

    Dico una cosa che magari verrà interpretata accazzo da chi non vuol capire, ma la nerdezza è un po’ come l’autismo. Ci sono forme gravi e conclamate così come quelle più lievi, con le quali si convive senza neppure rendersene conto. Con questo voglio dire che molti sono nerd e non lo sanno, perché non si tratta di una tipologia ma di una macrocategotia che riguarda più il background e i riferimenti culturali su un ampio spettro che non una cultura chiusa, infatti ci sono nerd orientati su un genere piuttosto che un altro.

    Perciò, prima di uscirsene con certe minchiate da far arrossire i pesci nella boccia, certa gente dovrebbe chiedersi: ho un blog? Leggo molto? Seguo questa o quella serie? Se mi dicono: “ho visto cose che voi umani”, riconosco la citazione? Eccetera.

    Bene, basta poco per entrare nel gruppo, perché già ci sono dentro quasi tutti. Nerd non è essere fuori dal presente, è essere nella cultura di domani oggi. Se lo capisci e la tua autoironia ti aiuta a conviverci, bene. Se non lo capisci, magari ti stiamo sul cazzo, però ti sei riconosciuto in una delle cose che ho elencato, allora sei un nerd non dichiarato, e allora – ciccio – fa pace con te stesso.

    P.S. Scusa, ho steso un proclama. 😐

      • 13 anni ago

      Ma guarda, sono d’accordo sul riferimento alla cultura odierna, che è fatta bene o male anche di riferimenti multimediali (non potrebbe essere altrimenti). Però non concordo sull’esistenza di una categoria. O di tante categorie.
      Cioè, ormai, e dico ormai perché per me è folle che tuttora si appiccichino etichette addosso alla gente, dovremmo vivere in un’epoca in cui le passioni o il modo di vivere non dovrebbero essere soggetti al giudizio, tranne se siano nocivi al vivere comune. E con ciò intendo che se vuoi vivere alla Vallanzasca, be’ non credo sia giusto lasciartelo fare.
      Caso limite, per esempio limite, ovvio.
      Però, se a un colloquio di lavoro ti scartano perché hai il colletto della camicia stirato male c’è qualcosa che non va.
      Che poi, l’etichetta la applicano anche alla controparte, ovvero i non-nerd: quando sentiamo dire maniaco dell’ordine… ecco.
      Se la smettessero, questi giornalisti, di scrivere col culo, ne trarremmo tutti giovamento.

      😀

    • 13 anni ago

    Io mi autodefinisco nerd perché lo sono con orgoglio, non perché qualcuno mi ci addita ridacchiando. Leggo e guardo prodotti creativi che ritengo di qualità, parlo e mi comporto non in base a uno standard che non mi appartiene ma secondo ciò che sono, e mi fa ridere quando il termine viene denigrato perché tutta la cultura moderna – specie quella online – è nerd, o comunque gli deve un tributo che se fosse traducibile in un mutuo farebbe piangere sangue alle statue di sale. Sono poco più vecchio di te e condivido ogni singola riga di questo post, perché non conta se sei nerd o no, ma se usi il tuo buon senso o se te lo radi via al mattino. Che poi, attaccarsi a un pelo di barba, vuol dire avercene parecchio del pirla.

    Di nuovo auguri, e mille mila di questi post.

      • 13 anni ago

      Eh, io non con orgoglio, ma se la gente mi vede così, allora… mi diverto a dar loro quello che vogliono vedere. 😀 Lo so, è un po’ contorto, ma sapessi come mi diverto.
      Grazie, Giordano. Ho inserito il banner di RdT, a proposito.

      Quale sarà il fattore nerd di RdT, secondo te? Da 0 a mi sono rotto il cazzo di questi nerd di merda? 😀

    • 13 anni ago

    Tanti auguri Hell,discorso che condivido.E senza l’immondizia dei canali televisivi si sta meglio in effetti:D

      • 13 anni ago

      😉

    • 13 anni ago

    Dopo il blog non c’è ritorno. Una lunga discesa all’inferno. 😀

    Grazie, Cristiano. 😉

    • 13 anni ago

    Ho qualche anno più di te, non ho mai messo cravatte, ho la barba e un cespuglio al posto dei capelli.
    Leggo, scrivo, frequento la rete ed ho anche un blog….arghhhh sono spacciato!

    Buon compleanno Hell

    • 13 anni ago

    Eh, Angelo, che poi è la cosa più importante: vivi bene e rispetta gli altri.

    Grazie per gli auguri. 😉

    • 13 anni ago

    Auguri per il Vs. genetliaco messere!
    Quanto all’essere nerd (o qualsiasi altra cosa) fa parte del dover essere classificato. Da chi o perché non è dato sapere, bisogna solo riempire le caselline e dire grazie. Vivi bene e rispetta gli altri pare non sia previsto.

    • 13 anni ago

    Di anni ne ho qualcuno in meno di te, però condivido il tuo pensiero. Non se ne può più di qualunquismi, etichette spicciole e libertà offuscata dal trinomio lavoro-famiglia-normalità. Avevo scritto anche una novel un tempo, sul presunto concetto di libertà della società attuale. Prima o poi la revisionerò, magari…

    E anche per me basta che non mi rado per un po’ che la gente inizia a dire che non va bene. Non va bene, cosa, di grazia? Fino a prova contraria la barba è mia e ci faccio quello che voglio.

    Inutile dire che ne approfitto per farti di nuovo gli auguri! 😉

    Ciao,
    Gianluca

    PS: La seconda foto del post è veramente stupenda, ecco.

      • 13 anni ago

      @Ferru
      In realtà una parola è solo una parola. Non importa, perché l’etichetta non vale niente.

      @Gianluca
      L’episodio della barba è indicativo della follia della situazione. Barba=trasandato scansafatiche, che sia nerd oppure no. Non è normale. Che se la tengano, questa realtà, se gli piace tanto.
      😉

    • 13 anni ago

    No, Hell era riferito a me lo sconforto. Mi ha fatto piacere quella scritta “Io sono libero” appena l’ho vista:-)

    @Alessandro neppure a me piace la parola nerd

    • 13 anni ago

    “di sicuro non come vogliono loro.” e con questo hai detto tutto, perché sai fare bene quello che fai. La rete alternativa che hai contribuito a creare è una cosa che fa e farebbe invidia a molti. Buon compleanno e grazie per l’amicizia 😉 Ciao Captain!

      • 13 anni ago

      Grazie a voi. Ma io, come sempre accade, mi faccio scudo con le stesse etichette che mi vengono affibbiate. A tutti gli effetti io, per il mondo là fuori, sono un nerd. Inutile nasconderlo.
      Ma credete che questo mi importi. Me ne frego. 😀

      Comunque, spegnere la tv è una cosa grandissima. La consiglio a tutti.

    • 13 anni ago

    Ribadendo gli auguri anche qui, devo confessarti che la definizione nerd la trovo odiosa.
    Di nerd veri o presunti ne ho conosciuti molti ed è una non-categoria che praticamente potrebbe comprendere anche chi si dice fortemente anti-nerd.

    Sono proprio queste generalizzazioni da sociologi della mutua che hanno ancora il potere di irritarmi.

    Che poi, alla fine, anch’io me ne frego e continuo a campare come mi pare (e ci mancherebbe pure!)

    Buon Hellcompleanno!

    • 13 anni ago

    Auguri Hell…

    In uno dei miei rari momenti di sconforto… avuto poco fa comunque, ho twittato questo messaggio. “Eres tu libre? Libre como el viento!”
    Poi vengo di qua e me lo trovo scritto in giallo

    tosto:-)

      • 13 anni ago

      😉
      Ma non è manco sconforto il mio. Ho le spalle larghe. Devono venire a prendermi.