Orrori italiani

Ciclo “Orrori Italiani
Status: attivo
Volumi pubblicati: 3

Le Bambole del Latemar

Recensioni:

“si apprezza soprattutto l’idea di spogliare la narrazione di ogni orpello non essenziale , le caratterizzazioni dei personaggi sono ridotte al necessario e mancano compiacimenti che invece purtroppo spesso forzano la mano agli autori di genere horror.
In una cruda narrazione si legge solo quello che serve alla storia , e lo serve bene , senza che manchino comunque gli approfondimenti”

Storia horror un po’ retrò, rurale e rustica. […] il racconto vola via, visionario anche se stabile come le montagne dov’è ambientato, e molto inquietante.

L’autore confeziona una storia intrigante, con una protagonista con cui si riesce subito a entrare in contatto, grazie alle descrizioni e all’accurato approfondimento della sua psicologia. La trama si dipana pian piano, un passo alla volta, come il procedere lungo il sentiero, fino alla zona della vetta, dove, sul ciglio di un dirupo, tutti i tasselli andranno al loro posto.
L’ambientazione montana è particolarmente azzeccata, gli scenari di natura selvaggia accentuano le atmosfere horror che caratterizzano il racconto.

 

Sinossi:

Alto Adige, oggi.

Argy ha un piano: deve rubare il Cristo Neonato.
Per salvarsi la vita. O per morire in pace.
Ha una pistola, una bottiglia d’acqua santa e una meta: il Latemar, sulle Dolomiti.
Là c’è la casa di Bachmann, lo scultore. là c’è la Processione di Bambole, una strana
composizione di rocce che, narra la leggenda, sono state create da una strega.

Acquista Le Bambole del Latemar sul Kindle Store, a soli 1,99

*******

Gli Ulivi non piangono al Plenilunio

Recensioni:

“Il sole e il mare della Puglia si trasformano in un incubo oscuro di carne morta che cammina, unito a indicibili perversioni e avvenimenti incredibili. Germano M. unisce insieme fatti di cronaca, mafia, giochi dell’estate e complottismo per creare un horror/thriller che si legge in un fiato e lascia il lettore attonito.”

Personaggi che non si dimenticano facilmente , i protagonisti di questa discesa agli inferi magistralmente diretta e concertata da Germano ” Hell Greco “.”

È raro che un racconto horror arrivi a spaventarmi, intendo spaventarmi sul serio.
Senza troppi giri di parole dirò che questo racconto di Germano Greco ci è riuscito alla grande. Non è giusto rovinare ai potenziali lettori il piacere, o piuttosto il brivido, della sorpresa, perciò dirò solo che certe apparizioni sono state capaci di rimettere in moto quel muscolo del cervello un po’ atrofizzato dalle immagini di forte impatto della televisione e del cinema, assuefatto a una fruzione passiva del racconto, per costruire a partire dalle parole immagini altrettanto forti e terrorizzanti.

 

Sinossi:

Vegana, volontaria in Nigeria, ex-prigioniera di Boko Haram.
Maika è in vacanza a Polignano, per sfuggire allo stress e ai brutti ricordi.
Per sfuggire anche a se stessa.
Tutti la odiano, la perseguitano tramite internet, la insultano.
Qualcuno la vuole.
A ogni costo.

Danjuma è giunto in Puglia anni prima, dall’Africa, è stato uno schiavo dell’oro rosso, ora affiliato alla malavita.
Nei campi, sotto il sole, ha visto il diavolo.

Qualcosa di non umano s’aggira nell’uliveto del boss della Corona. Qualcosa che viene dal passato, legato alla terra e alla magia del sangue.
Gli ulivi sembrano piangere.

Acquista Gli Ulivi non piangono al Plenilunio sul Kindle Store, a soli 1,99

*******

Stella di Carne (romanzo)

Sinossi:

Un ottobre caldo e innaturale, un ottobre che non vuole dormire.
Nico è stato scarcerato, ma i suoi amici sono stati ammazzati in prigione.
La dura vita di Taranto non concede tregua, non ha rispetto per nessuno, neanche per i ricordi d’infanzia,
popolati di mostri annidati nel buio delle case abbandonate della Città Vecchia.

Nico ha bisogno di un colpo al cimitero, derubare i morti è l’unico sistema per salvare la sua famiglia dai debiti.
Ma c’è un’alternativa: rintracciare le Sette che operano sul territorio, seguire i loro membri fino a casa,
e rapinarli di tutte le loro ricchezze.
“A quelli li possiamo pure ammazzare”.
Per riacquistare il controllo del suo destino, Nico deve solo prendere una pistola e addentrarsi in un mondo di mostri.

Acquista Stella di Carne sul kindle store, a soli 3,99 euro