Crea sito

Lectio magistralis e altri desideri per il 2011

by Germano on 30/12/2010
Contents

Per una volta, non l’ultima, voglio peccare di immodestia. Se guardo il blog com’è adesso, e lo raffronto con quello di un anno fa, a poterlo fare, direi a Elgraeco dell’anno passato di togliersi dai coglioni.
Credo sia il mio modo contorto di prendere atto di quale sia stato il cambiamento di Book and Negative.
Un cambiamento inconscio, iniziato dal momento (infausto per alcuni, spassoso per altri) in cui ho deciso di non essere più solo un avatar, ma di diventare in rete ciò che sono fuori.
Il paradosso è che qui dentro ho più successo che nel mondo reale. Non in tutto, eh, ma in quello che mi piace di più. Nella zona depressa e senza futuro dove vivo, infatti, solo parlare di scrivere, di zombie, pandemie, pin-up e film in bianco e nero, e di Gloria Grahame [che non sanno neanche cosa sia], diventa motivo sufficiente per un soggiorno forzato in Reparto Psichiatrico. Di quest’ultimo conosco persino il direttore, ma non per i motivi che pensate voi: è il padre di un mio ex-compagno di scuola. Guardate un po’ come sto messo.
In rete, al contrario, sono stato letto, apprezzato, vezzeggiato e, ne sono certo, persino odiato. Sarei un ipocrita a dire che la cosa mi dispiace. Adoro, anzi, essere stato risucchiato dalla Matrice. Mi sa che, tra le due cose, e davanti a una bistecca alta tre dita cotta perfettamente, sceglierei di non sapere. E di restare a nanna continuando a provvedere preziosa elettricità alle macchine.
Ad andare dietro a Morpheus, ormai è acclarato, si finisce con lo scoparsi programmi digitali vestiti di rosso, essendone consci, e col mangiarsi pappine di omogeneizzati. Meglio restare all’oscuro. Meglio la Pillola Blu. Non il Viagra. Non confondiamo le cose.

***

Anno nuovo per il Blog, ma veste grafica identica e identiche fissazioni, almeno per un altro po’ di tempo. L’idea è quella di farcelo con le nostre manine, un nuovo vestito, anzi, con le manine di Norys, che da tempo pasticcia con l’html. Io, che sono amministratore come lui, non ho ancora visto nulla. È una roba top secret.
Tempo anche di chiudere in bellezza con l’ultimo post del 2010, un post di corso ordinario, che nulla ha a che spartire con quello di domani dedicato, come sapete, al Survival Blog.
Ragion per cui, gli auguri di un felice 2011 ve li faccio ora. A tutti.
In più, ci aggiungo la mia lista dei desideri per l’anno prossimo. È una cosa stupida, lo so, ma alcune di queste cose vorrei poterle fare sul serio.
Voi, come sempre, assecondatemi.

***

1 – cancellare le prime due settimane del mese di Giugno, definitivamente. Per non essere costretto a ricordare, di anno in anno.

2 – fare un viaggio negli States, bussare alla porta di casa di Zooey Deschanel e apprendere dal maggiordomo che lei è volata in Italia. ahahahahah

3 – comprare una Delorean. Una che funzioni davvero, già stata nel futuro, che vada quindi a spazzatura, non a uranio plutonio (edit by elgraeco, 15:19, 30 Dicembre 2010)

4 – fare un viaggio negli States, con la Delorean, bussare alla porta di casa di Zooey Deschanel e portarla con me nel 2015

5 – evitare di beccarmi una denuncia per molestie da parte di Zooey Deschanel

6 – fare un lavoro per il quale ho studiato

7 – conoscere di persona voi altri ragazzacci e ragazzacce che passate di qui, magari trascorrendo una serata a parlare di tutt’altre robe rispetto a quelle che trattiamo in rete

8 – schivare la pallottola ovvero evitare di convolare a nozze

9 – recitare con Gloria Grahame. E qui entra sempre in gioco la Delorean

10 – tenere una lectio magistralis in Piazza San Pietro, con potere di sberleffo nei confronti del pubblico rumoreggiante, sulla libertà del linguaggio e sull’anacronismo che rappresenta la sussistenza di certe figure arcaiche nel substrato culturale italiano, tipo gli editori o i cineasti incompetenti.

Sì, credo sia tutto.
Signori, e Signore, buon anno dal vostro Hell.

😈

Fonts by Google Fonts. Icons by Fontello. Full Credits here »