Risorgimento di Tenebra: il bilancio di mezzo cammino

12 Comments

  1. Da amante dei polizieschi e dei pulp l’idea della vice – city ottocentesca è uno degli aspetti che più mi stanno piacendo … (Assieme all’evoluzione dei personaggi , anche !)

  2. Sono un po’ indietro coi capitoli perché stare dietro a 2MM e – prima a RSPG – mi ha occupato per benino.
    Ma a parte questo condivido l’analisi relativa allo scrivere a scadenze predeterminate e con limiti di tempo precisi.

    Di Risorgimento di Tenebra mi piacerebbe vedere qualche ebook riassuntivo per recuperare le storie degli altri partecipanti che – lo ammetto e mi cospargo il capo di cenere – non sto leggendo. L’unica cosa brutta delle blog novel è infatti la poca costanza nel seguirle direttamente su schermo, specialmente per quel che riguarda blog che non si visitano con frequenza quotidiana.

    Comunque mi piace il profilo rilassato di RdT. Se non altro allontana avventurieri delle parole dalle capacità, uhm, discutibili.

    1. Author

      Questo è un progetto nato con lentezza e con lentezza portato avanti, e non è necessariamente un difetto, dici bene. Si tratta solo di narrare storie, illudendosi che a qualcuno piacciano. E qualcuno a cui piacciono c’è, per fortuna.
      Scrivo per quei pochi.
      Ma ripeto, è un esercizio di scrittura notevole.
      😉


  3. Concordo su tutti i punti fondamentali: è un esercizio, costringe a uscire dalla propria “comfort zone” sia per tempistiche sia per numero di parole, allena a fare le cose in maniera diversa dal solito. E la lentezza ha il suo perché. Io mi ci sto divertendo molto, credo mi mancherà, quando avrò finito di scrivere il mio, e sapere che Cavour durerà ancora molto mi riempie di gioia, mi piace perdermici, non riuscire ad anticipare dove mi stai portando e dovermi abbandonare alla corrente, lo trovo uno spasso!

      1. Stesso dicasi per i tuoi pareri su Vento di cambiamento. Credo che il racconto a puntate abbia bisogno dei feedback ancora più di quanto ne abbiano bisogno gli ebook, ma forse è solo un’idea mia, pure un po’ bislacca… 😛

      2. Author

        Mah, non credo, coi pareri non si avverte la sensazione di stare scrivendo al vuoto. 😀


Leave a Reply