Risorgimento di Tenebra: il bilancio di mezzo cammino

Leave a Reply

12 Comments on "Risorgimento di Tenebra: il bilancio di mezzo cammino"

Notify of

Member
3 years 11 months ago

Da amante dei polizieschi e dei pulp l’idea della vice – city ottocentesca è uno degli aspetti che più mi stanno piacendo … (Assieme all’evoluzione dei personaggi , anche !)

Member
3 years 11 months ago

😉

Member
3 years 11 months ago
Sono un po’ indietro coi capitoli perché stare dietro a 2MM e – prima a RSPG – mi ha occupato per benino. Ma a parte questo condivido l’analisi relativa allo scrivere a scadenze predeterminate e con limiti di tempo precisi. Di Risorgimento di Tenebra mi piacerebbe vedere qualche ebook riassuntivo per recuperare le storie degli altri partecipanti che – lo ammetto e mi cospargo il capo di cenere – non sto leggendo. L’unica cosa brutta delle blog novel è infatti la poca costanza nel seguirle direttamente su schermo, specialmente per quel che riguarda blog che non si visitano con frequenza… Read more »
Guest

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

Member
3 years 11 months ago

Concordo su tutti i punti fondamentali: è un esercizio, costringe a uscire dalla propria “comfort zone” sia per tempistiche sia per numero di parole, allena a fare le cose in maniera diversa dal solito. E la lentezza ha il suo perché. Io mi ci sto divertendo molto, credo mi mancherà, quando avrò finito di scrivere il mio, e sapere che Cavour durerà ancora molto mi riempie di gioia, mi piace perdermici, non riuscire ad anticipare dove mi stai portando e dovermi abbandonare alla corrente, lo trovo uno spasso!

Guest

[…] nonché delle regole che mi sono imposto per portare avanti la blog novel, le trovate in questo articolo. Nel post qui presente, invece, vista l’intenzione di riprendere a scrivere per dare degna […]

wpDiscuz