La Camera d’Isolamento Sensoriale

beppeiaf
Member

Ma ubriacarsi come tutti no?! 😀

A parte gli scherzi la camera di deprivazione sensoriale è anche nel primo episodio di Fringe con lei abbastanza nuda che ne esce gocciolante

Fra Moretta
Member

Quella della camera di isolamento sensoriale è un esperienza che al tempo stesso vorrei fare ma temo di fare. Ne ho parecchio timore perchè conoscendomi temo ne verrebe fuori un bad trip con i fiocchi…

Gianluca Santini
Member

Molto molto interessante. 🙂 Poi la storia delle frequenze, camera di isolamento a parte, si presta a svariati spunti narrativi. Uno più inquietante dell’altro. 😀

Ciao,
Gianluca

mcnab
Member
Ecco, io le camere di deprivazione sensoriale li ho sempre associati a un modo per percepire una divesa realtà. Che sia poi solo una serie di allucinazioni indotte, o un reale espandersi dei sensi, chi lo sa. Io opto più per la seconda ipotesi, ma non ho dati inoppugnabili in mio possesso per dimostrarlo. Sulle frequenze di percezione hanno scritto in molti, dai più seri scienziati ai più bizzarri complottisti, come per esempio di David Icke. Occhio però: secondo questi strambi santoni, se ampli la ricezione della frequenza di realtà poi ti tocca scoprire i rettiliani che vivono tra noi.… Read more »
Matteo
Member

Imparai cos’era su un numero di Omni, la rivista di fantascienza anni ’80 (mi pare) dedicata proprio al film, e da allora preferisco il nome con cui me ne innamorai, la vasca di deprivazione sensoriale. Quel deprivazione mi dà l’idea che ti tolgano qualcosa, lasciandoti il vuoto che poi la mente, come nelle grotte etc etc, riempie.
bella lì 😉

trackback

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

strategieevolutive.wordpress.com/
Member

Per il gusto della pedanteria – nel film Atmosfera Zero (Outlands), la polizia usa la deprivazione sensoriale in assenza di gravità come sistema per “ammorbidire” i prigionieri.
Una variante sinistrissima della cella d’isolamento.
E aggiungo che anch’io, come Matteo, devo aver letto quel numero di Omni (o qualcosa di affine), e la camera di deprivazione sensoriale resta una delle cose che mi terrorizzano e mi inquietano maggiormente.

trackback

[…] tecnica realmente in uso, tramite la cosiddetta vasca d’isolamento, ne abbiamo parlato qui. Parallelamente, si era nel 1980, il cinema progrediva così come ogni campo della tecnica e della […]

wpDiscuz