32 Comments

  1. Domattina ti saprò dire di più. Ora dopo la caccia, mi godo la musica e le foto.
    Epico e terribile.

  2. This is the and, giusto?
    Triste dire addio al Signor Hell, ma è giusto. Mi mancherà. Finale… strano e realistico, hai reso bene la sensazione di una convivenza “obbligata” all’improvviso, così tante nuove persone attorno dopo mesi in due… Mi piace!
    E il retrogusto magico-mistico ci sta sempre bene 😉
    Le foto sono molto belle, soprattutto la bella addormentata.
    Non resta che augurare buona sopravvivenza a tutti e rimpiangere l’addio.

    Ah, le frasi finali… Hanno un non-so-che di asociale che mi piace e inquieta. Ci stanno bene, credo, ma in modo contorto, quindi nel modo migliore.
    E comunque io sono già crepata, quindi non si applicano a me 😛

    1. Author

      ahahahah

      Be’, mi fa piacere che… piaccia.
      Io ci sto malissimo. È come lasciare la mia famiglia, ovvero io e lei…

      Vi svelo un segreto. Fin da metà progetto si era diffuso un tentativo di fondere, in un modo o nell’altro, più storie. Ma s’è rivelato un progetto titanico e irrealizzabile.
      Alla fine abbiamo deciso di provarci, pur senza sbilanciare i rispettivi schemi e ritmi di narrazione. Credo che il risultato reciproco sia bello, senza esagerare in inverosimiglianza.

      In effetti sono stato a pensare per un bel po’ a un’eventuale invasione dell’eremo del Signor Hell da parte di amici, come in questo caso. Impossibile non dar loro una mano, ma… l’idea era: che stiano al loro posto comunque.

      😈

      Le frasi finali… quelle inquietano anche me. Credo inquieteranno tutti. Anche lì, non volevo fingere e attribuire al signor Hell un’aura salvifica che non possiede, né ha mai voluto avere.
      I lamenti dei superstiti, le loro lotte, i loro scritti, per Hell sono un fastidioso ricordare che, prima di tutto questo, c’era quel mondo al quale tutti gli altri cercano disperatamente di aggrapparsi.
      In realtà sono loro i Re della Montagna, che credevano di essere più in alto di tutti. Poi è arrivato il cacciatore…

      Grazie a tutti.

      😀

  3. Alla fine tocca a tutti affrontare il “re della montagna” e la scena della caccia è un buon ingresso per la considerazione finale, tuttavia ho trovato di gran lunga più interessante questo:
    Loro provengono da laggiù, come me. So benissimo ciò che pensano e anche come lo pensano.
    “Dicono, e soprattutto scrivono, che la Gialla e i lutti che ognuno di noi ha condiviso e procurato, abbiano cambiato la prospettiva. Sono tutte stronzate.
    È solo rimorso, ciò che si ostinano a voler provare. Per sembrare nobili. Ma agli occhi di chi?”.
    Per il resto un applauso serio per l’ uscita di scena e non perchè sia d’ obbligo ^^.

  4. (off): e un altro dei SB migliori chiude. Oggi è proprio giorno di finali, tra Alex, Edu, Ariano e ora anche tu. Mi è piaciuto, tanto, dalla scena iniziale che riaggancia le inquietanti frasi finali, alla convivenza forzata, a quel terribile “Fa paura” riferito alla bambina. Per non parlare di quelle foto finali: non ci sarà mai redenzione, o ricostruzione. Il mondo è cambiato, inutile aggrapparsi a idee passate. Il mondo marcia verso la fine, per tutti. Complimenti, applausi per il tuo SB! :)
    PS: io ero di uno di quelli che nei primi post non faceva altro che lamentarsi e farsi male ripensando al passato. xD Poi mi son reso conto che non aveva molto senso proseguire così e ho dato un po’ di movimento in più, pagato a caro prezzo dal mio alter-ego. xD

    1. Author

      A me è piaciuto il fatto che, tra me e Alex, abbiamo chiuso in maniera praticamente opposta.
      Ovvero, lui ha ancora una speranza malinconica, seppur fiduciosa e positiva.

      Io, invece…

      Non lo so… magari molti avrebbero gradito un finale diverso, più adrenalinico. Io ho optato per questo più riflessivo, ma angosciante.
      La realtà è che la bambina che sta per venire al mondo, visto lo stato in cui siamo, potrebbe essere la fine sia per la piccola che per la mamma.
      Ammetterete che è una prospettiva agghiacciante.

      E poi, le foto… a chiudere.

      Grazie, Gianluca!

  5. [off:]

    Sei un mito! Persino la carrellata di immagini che scorrono sulle note della sigla finale! 😀

    Mi piaci così, bello e stronzo! 😉
    Degna conclusione del tuo SB, el, un ritratto della situazione presente, e del tuo personaggio soprattutto, con tutta la scontrosa incertezza per il futuro che ci si aspetta da uno come lui.

    La prima parte mi ha fatto venire in mente Il peso della farfalla (anche se lì il re è un camoscio), un libro di Erri de Luca di cui lo sciamanico Matteo aveva parlato molto bene qui: http://shamanic-journey.blogspot.com/2010/05/il-peso-della-farfalla-di-erri-de-luca.html

    Terribile il sogno…

  6. P.S.: Leggo ora il tuo commento delle 12.16:
    sì, prospettiva agghiacciante per Hell, e ci avevo pensato, inevitabilmente una gravidanza in quelle condizioni porta con sé grandi rischi…

  7. (off): Sì è vero, anche io ho pensato a “Il peso della farfalla” nel pezzo iniziale!

    Comunque secondo me il finale va benissimo così, per l’adrenalina non era più il momento adatto.

    Ho chiuso anche io poco fa postando l’ultimo episodio: era progettato per domani, ma poiché oggi chiudono in tanti mi sono voluto unire al gruppo! XD

    1. Author

      Giuro che non l’ho mai letto, Il Peso della Farfalla. Però il paragone mi lusinga. 😀

      Stronzo di sicuro, bello, forse, ma non bellissimo… ahahahahah Ho insistito fino all’ultimo sulla questione del nome, o meglio del soprannome. A proposito, è la vera verità: me l’ha affibbiato Alex, quel soprannome.
      In un certo senso, si può dire che mi ha creato lui. 😉
      Dicevo, il mio nome, Hell, doveva avere un senso. Se mi fossi comportato in modo gentile, il mio personaggio sarebbe stato ridicolo. Gioco molto sui contrasti. Hell che va a pregare in Chiesa ha un ché di angelico, ma in modo ambiguo. Che tipo di angelo è, in fondo?

      Lo so, sono pazzo a pensare a queste cose. Ma è parte del divertimento di tutta questa operazione.

      Comunque, la storia del Re della Montagna, me la raccontava davvero il padre del mio amico, quand’ero ragazzo. Diceva che i cervi, non so perché, si aspettano di essere attaccati sempre dal basso, per cui tendono a salire in cima… per coglierli di sorpresa è opportuno farsi trovare più in alto di loro…

      @ Gianluca
      Nel pomeriggio passo a dare una lettura!

      😉

      P.S.: la canzone finale è Be Quiet and Drive dei Deftones.

  8. Author

    @ Gianluca

    Ho provato a lasciare un commento sul tuo blog, ma mi dà un messaggio di errore. Lo posto qui:

    (off): Bello questo finale. Sul serio.
    M’è piaciuta molto l’idea della Sardegna come nuovo confino per i ribelli. E anche la chiusa ha il suo perché.
    Bravo.

    😉

  9. Beh, che dire, se non che finora si è rivelata una bella avventura, e un’ottima palestra di scrittura?
    Ora vediamo che riserverà il futuro del SB :-)

    PS: belle le foto di Pripyat! Belle per quando drammatiche, si capisce…

  10. Author

    Ah, sapevo che le avresti riconosciute! Pripyat! Quella del teatro, però, proviene da un altro luogo. Non sono riuscito a trovare il nome.

    Comunque, questo nostro finale doppio pare aver lasciato senza parole più di qualcuno…
    Speriamo in positivo, almeno!

    😉

    Pensiamo al futuro, sì, ma intanto è bello godersi anche il presente.

    Grazie, Alex!

  11. Hell…. io ti adoro! E’ stato un finale da sballo!! Perfetto per te o per il tuo alter-ego, che poi ne sono convinta sono la stessa cosa. 😉
    Mi scende la lacrimuccia se penso che sabato prossimo tu e Zooey non sarete più qui a farci compagnia.
    Mi devi promettere che scriverai qualcos’altro!!Subito!!!
    Bellissima la scena della caccia. Io la odio, ma qui ha un significato quasi nobile. Anche l’angoscia legata alla gravidanza è molto bella e il contrasto tra la foto “col pancione” e l’altra delle culle vuote che da i brividi.
    Bellissime anche le canzoni.
    Ne aggiungo un’altra che secondo me si sposa bene
    http://www.youtube.com/watch?v=medHc2w7Nmc&feature=related

    Mi sto commuovendo

  12. Author

    Ora vado di frettissima, per cui rispondo in breve.

    Io già sono innamorato di Zooey. Ora lo sono anche di questa storia.
    Non riesco a lasciarli così.
    I ritmi del SB sono stati infernali. E, in ogni caso, questo SB è da considerarsi ufficialmente chiuso.
    Ma…
    Mi inventerò qualcosa, senza fretta e senza impegno. Qualcosa che vedrà la pubblicazione online solo se ne varrà la pena.

    @ KM
    Sei bella. E preziosa. Anche se non ti ho mai visto.
    Lo so che è così.

    @ Aurora
    Non mi spammare il blog! 😀
    ahahahah
    😉

  13. Finalmente sono riuscita ad ascoltare la canzone che hai inserito alla fine (Safari non mi faceva cliccare play, Explorer manco faceva comparire l’indicatore di scorrimento, Firefox ce l’ha fatta: deo gratia!). Bella bella, credo di stare per entrare in un altro loop compulsivo =_= Il Survival Blog mi fa male, musicalmente parlando =_=
    Devo dire che questa canzoncina coccolosa aggiunge spessore al tutto, lo rende più completo. E ammetto di aver messo in relazione il futuro parto e le culle vuote solo ora che Keyem lo ha fatto notare, e anche questo aggiunge spessore e significati al tutto.
    Sull’arrivo di altri sopravvissuti: ritrovo quello che avevamo discusso in “Là fuori” sulla scelta di stare soli o con una sola persona (fidata e amata) al fianco, e di diffidare del gruppo e delle sue imposizioni.
    Hell in chiesa? Oh, sì, mooolto angelico, ma un angelo che ha scelto di forgiarsi da solo, di stare coi pedi per terra e ben inserito nella realtà fisica dei fatti, senza inutili pippe mistiche ed etiche.

    Stupida domanda: Ma è un post a mille-foglie, che più lo mangi e più trovi strati di significati e implicazioni? Fiiico! 😛

  14. Author

    Uh! Sto postando questo commento dall’iPad! Che Figo che sono!
    Bella la canzone, eh?
    Certo che “coccolosa”… Ahahahahaha 😀
    Vabbe’… Tornando seri, se possibile, volevo ricordare a Keyem che ho vinto la scommessa!

    @ Zeros
    Non so se e’ mille-foglie. Diciamo che quando scrivo io penso a un sacco di significati reconditi. Il SB ne e’ pieno zeppo. Quasi ogni scena ha un significato, o simbolico o aneddotico del passato del signor Hell. Ma e’ una roba mia, poi se i lettori se ne accorgono sono felicissimo. Ma questo capita anche se ne scoprono di nuovi, non pensati neppure da me.
    😉

  15. Coccolosa era ironico 😉 E per colpa tua l’ho già ascoltata una dozzina di volte. E tra poco la comprerò anche su iTunes.
    Spero che si sia anche capito che apprezzo il fatto che il post, oltre ad essere divertente e d’intrattenimento, riesca anche ad avere dei significati personali e a farli (intra)vedere ai lettori. E capisco che sia piacevole per te, un po’ come è stato per me sentire i commenti sugli affreschi della mia alter ego.

  16. Author

    Be’, quando una canzone e’ bella, e’ bella anche se “coccolosa” 😀

    Comunque, l’avevo capito… Tutt’e due le cose. 😉

  17. (off): Grazie, mi fa piacere che il mio finale ti sia piaciuto! :) Sto preparando il post da “backstage” XD

    E anche il fatto che potresti scrivere ancora qualcosa nonostante la chiusura ufficiale è una buonissima notizia!

  18. @ Hell: va bene va bene! Hai vinto! Ora devo pagare pegno. 😛
    Mannaggia a te! 😀

    1. Author

      @ Gianluca
      Segnalamelo quando l’hai postato!

      @ KM
      AHAHAHAHAH Devi cominciare subito, dal prossimo commento.
      😈

  19. Ho riletto tutto con piacere. Sei riuscito a incastrare perfettamente ogni cosa: il rolex. i fucili, la beretta, il fuoristrada, il tablet!
    Sei riuscito a giustificare la necessaria fuga dall’inghilterra.
    Non me intendo di scrittura e stili e varie però oggettivamente mi è sembrato tutto ben scritto. Io almeno l’ho letto scorrevolmente.
    Sull’aspetto luciferino di Hell avevo già commentato qualcosa in “Summer Madness” mi pare.
    Quel che mi ha colpito è che il protagonista si è creato, per motivazioni sue personali, una mitologia nefcessaria per farlo andare avanti e per dare un senso a tutto.Come ha detto Zeros83 però non eccedi mai in pippe mentali e religiose e questo incrementa il realismo del personaggio. La mitologia che rimane personale perchè a cominciare da Zooey e in chiusura anche Alex e gli altri nuovi arrivati, nessuno viene ammesso ai tuoi rituali.
    In conclusione: Molto molto molto bello.
    L’idea del libro non mi dispiace affatto. Ma da questa e da altre storie del SB si potrebbe ricavare molto di più.

  20. Grandioso… sei un adorabile romanticone.
    Hell, la vita prima di tutto, nel bene e nel male.
    Riuscire a trasmetterla e a farla passare anche in mezzo alle magagne. Mettere in contrasto la nascita con la morte, questi due estremi, credo sia il compito più difficile per un scrittore.
    Lo hai fatto e per conto mio te la sei cavata… sta a noi decidere il punto di vista, anche se non ho dubbi sulla scelta.
    La seconda frase che ho scritto lo specifica.

    Ma da dove cazzo ti è uscita ” Wuthering Heights” erano anni che non la sentivo:-)

    1. Author

      Insomma, avrei fatto l’opposto di un certo Renton: ho scelto di scegliere la vita.
      Uhm, punto di vista interessante. Come al solito, caro Ferru, i tuoi interventi mi fanno riflettere.
      Ti ringrazio per essere passato.

      Wuthering Heights l’ho ri-ascoltata di recente, mentre ero in auto con alcuni amici. Lì ho pensato: cazzo, questo è un incubo fantasy!
      Poi l’ho cercata su internet e, leggendo il testo, mi sono convinto che poteva essere perfetta per sottolineare l’ironia di Zooey. Zooey personaggio, ovviamente. Perché quella vera ancora non la conosco… A meno che non decida di denunciarmi per averla tirata in mezzo a questa avventura, sia pure solo di nome…

      ahahahahah 😀

      @ Geppo
      Troppo buono. Per il momento, già solo l’eBook sarebbe una soddisfazione grandissima.
      😉

  21. Ho appena finito di leggere il testo di Wuthering Heights.
    Tu sei pazzo!! Non è possibile!!! 😀

    Mah, non so, se qualcuno avesse scritto qualcosa del genere per me, denunciarlo non è la prima cosa che mi verrebbe in mente….. 😉

    ♡♡♡ (1)

  22. Io, invece, trovo il finale di Hell non privo di speranza.
    Anzi.
    Ma concludere dove ha concluso è la mossa migliore.
    Credo che il suo SB sarà uno dei pilastri del SBC (Survival Blog Cartaceo)… con tanto di contributi fotografici (Germano, a proposito, comincia a pensare ad una tua foto da usare. Tutti quelli che scrivono ci metteranno una faccia, fosse pure una polaroid di fortuna scattata tra un attacco di Gialli e un momento di falsa quiete).

    Ah, Wuthering Heights è il pezzo che mi fece conoscere Kate Bush, mia dea degli anni ottanta.

    1. Author

      Non ho nessun problema riguardo la foto. Solo che ne ho pochine. Sono come Salinger, non amo farmi fotografare. Ma si ovvia facilmente. Io la vorrei in bianco e nero. Ho anche lo sfondo adeguato. Un posto un po’ diroccato che conosco.
      Va bene o stona col tuo progetto?

      E così anche tu l’hai trovato speranzoso. Mi piace che il risultato finale risulti ambivalente.
      Io il mio finale lo trovo incerto.
      Da un lato spero, dall’altro ho una paura del diavolo. Ma vado avanti.

      😉

  23. Arrivo in ritardo ma arrivo.
    Mi sto leggendo con interessa vari SB e devo dire che il tuo è, in questo momento, uno dei migliori (il migliore?). Approfondito nei particolari, nelle ambientazioni, nelle psicologie. Un mondo futuristico “reale” nella sua irrealtà. Con tanto di colonna sonora (fra parentesi la canzone finale sarebbe perfetta per dei titoli di coda se questo fosse un film), citazioni (mi sa che il pony express nel primo capitolo si è risvegliato 28 giorni dopo eh?), invenzioni (i FAB4 gialli) e tanto altro ancora… Difficile un po’ seguire all’inizio 3 piani temporali diversi e soprattutto alcune cose vengono troppo anticipate, ma alla fine tutta la struttura funziona, con quell’angoscia che rimane perché ci sono i gialli ma ci sono anche gli umani e a volte possono fare anche più paura.
    Complimenti.

    1. Author

      Grazie mille!
      E arrivi in ritardo sì. Ma non preoccuparti. Ora ti spiego:
      Se ti interessa, c’è in download gratuito la versione extended del mio SB. QUI. Con moltissime scene inedite!

      Grazie dei complimenti e sì, devo dire che hai azzeccato la citazione a 28 Giorni Dopo! 😉
      Benvenuto e torna pure quando vuoi!

      P.S.: la moderazione è valida solo sul primo commento. D’ora in poi via libera.

  24. rieccomi subito. Già scaricato… me lo leggo con calma. Dopodiché ti scriverò ancora :)
    In ogni caso sono fra gli amici del survival blog di Facebook quindi vi seguo sugli sviluppi “meno virtuali” (ebook e simili).
    Da cultore del genere non potevo esimermi. Anzi prima o poi mi cimenterò anche io sulla mia versione apocalittica (per ora ho solo un racconto breve scritto in un portale di scrittori con uno pseudonimo).
    A presto,
    PF1

  25. Author

    Ah, grazie ancora!
    Ottimo, fai bene a scrivere!

    E se sei su fb, da poco ci sono anch’io. Cerca Hell Graeco, se ti va.

    😉

Leave a Reply