Crea sito

«

»

dic 04

Chi ha paura delle Streghe?

Share:
Condividi

4 Dicembre 2015

Non sono ancora leggenda. Ma ci sto lavorando.

Lei si accarezza il pancione, accanto a sé il suo fucile. Non lo lascia mai. E neanch’io. Non ho imparato a usare altre armi da fuoco. So maneggiare solo quella. E so come preparare le cartucce a pallettoni. Ricordino di un’infanzia felice e di un amico che aveva per padre un cacciatore.
Anziché tirare alle lepri tiro ai Gialli. Non c’è tutta questa differenza dopo tre anni.
YouTube è ancora in piedi, come un altro 40% della rete. Nulla di stupefacente, Romero aveva previsto tutto, quel gran bastardo. Chissà che fine ha fatto. Immagino che sia corso loro incontro, abbracciandoli. Lui avrà pianto di gioia, loro avranno sputato bile nerastra. Gran bell’incontro.
Anche YouPorn è online. Stamattina ci sono stati ben 70 upload. Il problema è che non ci sono più filtri. La gente sta uppando di tutto. Roba da far vomitare i porci, sul serio. Statene lontani, o finirete col fottervi il cervello.
Gran parte dei server si trovano sulle vecchie piattaforme petrolifere. Angoli di paradiso irraggiungibili.
Finché le dorsali e il 4G reggono si potrà trasmettere.
Quelli che ancora trasmettono, lo fanno per attirare dei poveri coglioni in trappola, o per raccontare l’apocalisse dal loro punto di vista…
Chi se ne frega del vostro punto di vista?
Non ho mai creduto a questa storia di voler coordinare le azioni dei superstiti verso la salvezza, verso una nave o un rifugio nelle montagne: un rifugio sicuro.
Da parte mia, sto continuando ad aggiornare col mio nuovo tablet, ultimo modello prima che piovesse merda gialla ovunque. L’ho tolto dalle mani incartapecorite di una ragazza semi-mummificata. Rinforzato al titanio. Non si scheggia neanche se ci passi sopra con un fuoristrada. Ma non ho osato provarci.
Oramai sono soltanto Hell. E la mia intenzione è raccontarvi una storia.
B&N è vuoto. Due, tre visitatori ogni settimana. Poco male. In fondo, il resto del mondo è fottuto. Non mi posso proprio lamentare.
I blog di Alex, di Matteo, di Lycas e degli altri vengono ancora aggiornati. Ma chi c’è veramente dietro?
Non ho mai creduto alle streghe, ma se gli zombie esistono e io mi trovo qui con lei, e fuori c’è la fine del mondo, allora esistono anche le streghe.
Le streghe, da sempre, sono quod ubique, quod semper, quod ab omnibus creditum est.
Oppure ho solo visto troppi film.
Comincio a essere stanco.

***

4 Agosto 2012

Prima di proseguire, leggi la puntata precedente

Capisci che sta arrivando l’apocalisse quando la gente se ne fotte di quello che succede in Asia, della pandemia e delle esplosioni nucleari, e viene da Harrods a Londra a guardare la presentazione di un nuovo rossetto del cazzo. Un rossetto che fa le labbra lucide e rosse, piene di perline luminose, ma è  comunque in grado di mantenere l’idratazione. Potrete andare all’altro mondo con labbra da baciare.
Visto che ci sono venuto anch’io a questa presentazione, ho poco da fare il virtuoso. Del rossetto me ne sbatto, mi incuriosiva il fatto che ci fosse Zooey. Mi interessa da un bel po’. Dopo tanto sbraitare sul mio blog, agisco come i peggio assimilati. Vedo una star e vado fuori di testa come un cane in calore. Sono un misero stronzo.
L’Asia cade a pezzi. E neanche Londra e la sua fottuta isola sembrano messe tanto bene, oggi.
Ammesso che voglia crederci subito, che quello stronzo urlante giallo sia uno zombie infetto e non un impiegato statale alterato per ingiusto licenziamento e fomentato dai sindacati.
Che poi, ci sono i sindacati in Inghilterra?
Mentre sto lì, buttato per terra, a pensare a queste e altre stronzate, merito del mio cervello che si è sempre mosso più veloce di quanto abbia fatto il mio corpo, una donna mi passa da sopra, coi tacchi. Me ne infila uno in un orecchio.
La vista mi si sfoca in un attimo, accompagnata da lampi di luce e dalle fitte al timpano destro. Mi dimeno con una foga tale da farle perdere l’equilibrio, a quella stronza. Poi qualcosa mi passa da sopra il busto e il cranio, mandandomi naso a terra. Un supporto dei miei occhiali mi si conficca nel naso. Sta colando sangue, lo sento.

***

Lei che urla, più forte di tutti, è la tipa coi tacchi, dopo che un tizio gli è finito addosso scavalcandomi.
Se qualcuno si stesse domandando di che colore è uno zombie nero afflitto da giallismo la risposta è: ocra.
La vista migliora istante dopo istante, ma l’orecchio fa ancora male. Dal lato in cui sono non si vede granché. La schiena dello zombie si flette. I dorsali guizzano regolari e potenti. Le gambe della tipa sotto di lui sbattono come quelle di un burattino impazzito e via via rallentano, mentre le sue urla si affievoliscono.
Zooey è pallida e ha il viso e la camicia tinti di rosso. Troppo perché sia suo e perché sia ancora sveglia. Capisco in quell’istante che la guardia di sicurezza le è morta addosso colpita, in mezzo al caos, da un proiettile vagante. Alla sua sinistra, la mia destra, c’è il bancone dietro al quale, poco fa, stava sorridendo come un’idiota.
Devo muovermi. Anzi, no: devo sparire.
Gli zombie non sono un’altra razza senziente. Sono solo merdosi esseri umani.  Morti o infetti ora, non fa molta differenza. Hanno capacità umane. Niente super-olfatto, niente super-udito. E non c’è tempo per le tribune politico-religiose. Le stronzate se hanno l’anima o no. Non perderò tempo come fanno nei film. Non ho mai creduto agli zombie, così come non ho mai creduto alle streghe.
Rotolo su me stesso, fin sotto il bancone. Accanto a me, una borsa da computer finita per terra dalla quale spunta un iPad. Non è un riparo, il bancone, ma da lì sotto posso osservare la scena. Ed è difficile che qualcuno mi scorga. Chi cazzo vuoi che guardi sotto il bancone?
Hanno o non hanno, gli zombie, istinti umani?
Spero tanto che sia così. Del resto, non ho un’arma. Ovvero nessuna alternativa.
Le altre urla, intanto, si fanno sempre più lontane.

***

Zooey non si muove più. Deve essere svenuta. Il nero-ocra ha finito di sbranare a morsi la poveretta. Il mio orecchio è ridotto come i miei occhiali. Di merda. Il sangue sul naso s’è fermato. Un’altra guardia sbuca, pistola in pugno, pian piano, dalla parte opposta della stanza; l’infetto e Zooey, col cadavere sopra, tra me e lui. Il nero lo vede e gli si lancia contro con un salto poderoso e un ringhio gutturale. Ma il tipo spara. È veloce.
Lo zombie viene colpito tre volte. Due al torace, credo. Il terzo alla tempia sinistra. Vedo lo schizzo di sangue e la sua testa piegarsi di lato bruscamente e poi tutto il corpo prima finire in ginocchio e poi disteso, senza vita.
La guardia mi scorge, mi sorride e mi fa cenno di uscire. Anche Zooey si muove, tentando di liberarsi del corpo. È più la paura che le fa da ostacolo, che l’impiccio, secondo me. Sto quasi per decidermi a venir fuori, quando un altro infetto aggredisce il poliziotto di fianco, dalla stessa direzione da cui era arrivato.
Zooey gira il capo di scatto dalla mia parte. Serra le labbra e fa del suo meglio per non tremare. Io mi nascondo di nuovo e resto immobile. Le faccio cenno, con l’indice sulla bocca, di starsene in silenzio.
Quest’altro è più veloce e vorace del precedente. Finito di sfamarsi della vittima si guarda intorno a altezza uomo.
Lo osservo meglio. È il tipico inglese stempiato. Peserà sì e no sessanta chili. Io un centinaio.
Ma niente da fare. Non mi muovo. Né lo fa Zooey.
Altri rumori disordinati in lontananza. Gente che affolla gli ascensori e le rampe delle scale.
L’infetto, come supponevo, è a caccia di sangue fresco e prede viventi. Se c’è abbondanza a portata di mano, non perde tempo a guardare negli anfratti o a cibarsi di cadaveri. E di carne in movimento, in giro, ce n’è parecchia. O forse Zooey è una strega. O forse è il mio culo che è rotto. Non posso saperlo, ma sono, siamo ancora interi. Io e lei.
E quello se ne va in fretta.

***

Esco da sotto il bancone quando i rumori sono terminati. Forse è passata mezz’ora, forse di più. Mi avvicino, sposto il corpo della guardia con entrambe le mani e gliene offro una per aiutarla ad alzarsi.
Occhioni azzurri. I miei preferiti. E anche tutto il resto. Non sorride.
“Thanks…” mi fa, con un filo di voce tremante. Anche la sua mano trema.
Non trovo più il mio cellulare in tasca, così mi accovaccio per frugare nella borsa dell’iPad.
Faccio appena in tempo a prenderlo che la sento urlare.
Quel figlio di puttana stempiato sta tornando.
Non ci sto a pensare troppo. Mi alzo.
Lo impugno con entrambe le mani, come fosse un vassoio. E, quando si avvicina, colpisco. Forte, da destra verso sinistra. La testa del bastardo nel mezzo della traiettoria.
Botta secca, che in quello spazio enorme pieno di espositori di cristallo fa un rumore del diavolo.
L’infetto finisce a terra, ma si muove ancora.
Gli sono subito sopra, a cavalcioni sul torace. Tenta di mordermi mani e braccia, persino le ginocchia attraverso i jeans. Tutto quello che può.
D’istinto gli ficco la tavoletta in bocca.
Poi, di seguito, un altro istinto: colpire la tavoletta col mio gomito, gravandoci poi sopra, con tutto il mio peso.
Sessanta chili contro cento… spingo una, due, tre volte.
Si sente un doppio CRACK.
Il primo è mascella e osso del collo. Due in uno. Il secondo è lo schermo dell’iPad. S’è incrinato. Merda.
Bestemmio.
Zooey mi guarda come fossi un alieno.
Ho appena ammazzato un tizio. Non capita tutti i giorni. Così come non capita l’apocalisse. Devo dirle qualcosa. Subito. Me ne esco con un “Gimme some sugar, baby.”, pronunciato con tutta la convinzione [folle] di cui sono capace. Cascherà ai miei piedi. Sicuro.
“Uh?” fa lei, e inarca un sopracciglio. Non è spiritosa… Proprio no.
A volte, sono proprio un coglione.

fine secondo episodio

Altre pagine QUI

19 comments

1 ping

Vai al modulo dei commenti

  1. 04\12\2015.
    Tanto per non cambiare il cervello stamattina mi fa male da morire e Venusia mi rincara la dose guardandomi male come se fossi una merda.
    Ieri era il maledetto anniversario.
    Happy birhday,mi dico tanti auguri a me e all’anniversario di quando per un mio gesto di debolezza ho contribuito a far fottere la città di Venezia.E come ogni volta ci ho dato sotto con gli alcolici trovati nella villa.
    Ieri,prima di ubriacarmi l’ultimo contatto sulla rete d’emergenza parlava di gruppi di fuoriusciti dell’esercito dediti a razziare le zone che una volta venivano chiamate Veneto e Lombardia.
    Perfetto!solo questo ci mancava,ed io da vero coglione ho rivelato a mezzo mondo la mia posizione.
    Ripenso ad Alex,uscito in cerca di una zona sicura,ripenso ad HELL,in giro con la sua “Zooey”,mi viene da ridere.Attento Hell,attento ai sogni che si realizzano ed il tuo si è realizzato sulle ceneri de londo.Lei con il pancione,”Crediamo
    sarà una femmina” mi aveva postato.
    Happy Birthday anche a te Hell.
    ..Un rumore mi scuote,i due cani non si calmano,segno che c’è un allarma.
    Corro ai cancelli e lo vedo….
    Un Giallo si agita fuori ai cancelli…ma come cazzo ha fatto ad attraversare il fiume?
    L’essere mi vede, si agita attaccato al cancello ha fame,rabbia,tutto quello che diavolo gli passerà nel cervello…sempre che cè l’abbia ancora un cervello.Nel dubbio,gli sparo uno degli ultimi colpi della mia Beretta addosso.
    Potrei utilizzare gli ultimi tre colpi che mi rimangono ma on voglio sprecarli..e poi ho un idea migliore.
    Esco fuori con la vanga ed il Giallo ancora si agita,è marcio,putrescente,un colpo che gli ha spaccato il cuore ed ancora mi viene addosso.
    Si becca una vangata sulla testa,un’altra,e ancora,ancora.
    In fondo lo dovrei ringraziare,mi ha salvato la giornata.
    “Happy Birthday anche a te”-gli dico mentre lo colpisco un ultima volta-”e vaffanculo nel frattempo”.

    …sempre che

    1. Hell

      Nick, non so dove tu sia… non so nemmeno se sei davvero tu o qualcuno che sta tentando di fregarmi.
      Non è il mio compleanno. Non ancora.
      E ho detto che lei è col pancione, non ho fatto nomi.

      Anche durante la fine del mondo, ci tengo a non essere scontato.

      ***

      P.S.: almeno nei ps si può uscire dai personaggi, spero! :D
      Be’, insomma, dimmi qualcosa. Come va, come non va? Cosa ti aspetti che accada?
      Posso solo anticipare che a partire dalla prossima volta, cambierò stile e situazioni. Nulla di prestabilito, d’altronde chi ce l’ha tutto questo tempo?

      ;)

  2. Cero che si può uscire dai personaggi.Guai se non fosse così.
    Allora la storia l’ho apprezzata,se ci fai caso ho scritto Zooey tra virgolette anche perchè immaginavo che si sarebbero potute essere sorprese.Anzi credo che non sarà l’attrice ma un altra persona o sbaglio ?Il Happy Birthday è legato ad un anniversario di cui ho parlato nel post del blog di Alex,in cui il mio personaggio compie una cazzata enorme e si porta dietro sensi di colpa.Per questo cerca di redimersi,diciamo così.
    Tornando alla tua storia,conoscendoti mi aspetto l’inaspettato.Ho molta fiducia nella tua inventiva.
    fammi sapere anche tu cosa pensi delle mie storielline.

  3. Nosferatu

    Hell, sono solo una voce nella tua testa. La voce del tuo amico Orlok. E scommetto che non ricordi più neanche il mio vero nome.
    Sarò sempre con te, anche quando non vuoi. Non sarai mai solo.
    Questo commento che stai leggendo non esiste.

    Ps:
    fantastici i riferimenti a youtube e youporn. Secondo me è credibile che la gente continui a postare video senza limiti.
    Poi stai facendo satira come romero? Sull’iPad? :)

  4. Hell

    @ Nick

    P.S.: innanzitutto ti ringrazio. E, no, niente spoiler. Devi pazientare.

    Le tue storie voglio leggerle per bene. Oggi è giornata piuttosto complicata e mancherò tutto il pomeriggio. Domani le leggo e ti dico cosa ne penso. Promesso.

    @ Orlok
    Vattene dalla mia testa. Immediatamente. :evil:

    P.S.: satira sull’iPad? No, ma che dici? :D
    E ricorda che è un racconto pulp…

    ;)

  5. Se posso essere sincera, preferivo l’atmosfera più leggera del primo capitolo. Qui è un pò troppo fosca. Fa quasi paura. Non mi riferisco a come è scritto, ma l’altro sembrava più una commedia romantica.

    ps: per il tuo compleanno ti farò una sorpresa! ;)

  6. mcnab

    PS: inizio col PS per uscire dal personaggio. Questo secondo capitolo, su un duplice piano temporale, è bellissimo. L’ho apprezzato molto (l’incipit è addirittura geniale) e la commistione con la comedie-horror-drama del flashback nel 2012 dà un valore aggiunto alla storia.
    Nota a margine: ti ho aggiunto nella categoria “blog di altri sopravvissuti” (nella pagina del survival blog), linkando l’omonimo tag di questi tuoi post ;-)

  7. mcnab

    Quando non ci sarà più posto all’inferno, I Gialli inizieranno a distruggere gli iPad. Preferisco morire che essere testimone di un evento così terribile!

  8. Ahahah, il primo zombi ucciso a colpi di iPad! :D Grande!

  9. shamanic-journey.blogspot.com

    PS:
    GRANDIOSO!
    L’incipit mi ha fatto morire, l’ho riletto un paio di volte. Il racconto è buono, belli come dice Alex i due piani temporali e ironico quel finale.
    Ci vedrei un bel film su questa sceneggiatura ;-)

    1. Hell

      Sono stato sui vostri blog…
      Ma ho preso le mie precauzioni perché non possiate risalire al mio IP.
      È una cosa che non farò più. Venire a visitarvi. Se l’ho fatto, stamane, è per rendermi conto della situazione.
      E ciò che ho letto non mi è piaciuto per niente.
      Non c’è niente di peggio di un branco di superstiti incapaci di accettare la realtà.
      La società è finita.
      Il bello inizia adesso…

      Ad maiora

      1. Hell

        P.S.:

        @ Nick
        Secondo me, ti fai troppi problemi. Sei sentimentale e questo ti porterà alla rovina… :D
        In ogni caso, mi aspetto di vederti cambiare e di prendere decisioni inaspettate. Come me. Ancora non ho capito la tua scelta di comunicare i tuoi spostamenti o di metter su una specie di centro di accoglienza.
        Certo, però, che mandare i gialli a Venezia… sono cose che non si fanno. Così come guardare la rete di emergenza, che non è mai servita a un cazzo, lo sanno tutti.
        Be’, allora continua, e datti un obiettivo! ;)

        @ KM
        Certo che puoi permetterti! Puoi dire quello che ti pare. ;)
        Waiting…

        @ Alex
        Grazie infinite.

        @ Geppo
        Ne vedrai delle belle….

        @ Matteo
        Addirittura! Per ora mi contento che vi sia piaciuto.
        Se c’è una cosa che ho imparato in queste settimane è il coraggio di buttarmi: avevo mille dubbi su questo secondo capitolo, ma poi l’ho messo online ugualmente.
        Thanks!

  10. ferruccio

    Pensavo al quattro agosto del 2012. Tre giorni prima del mio compleanno. Mi mancano le feste che organizzavo quando tutto andava bene. Ora, al massimo, mi trovo a giocare con un gatto soriano che si stufa dopo qualche decina di minuti. Sparisce e non lo vedo per giorni. Quando torna ho sempre la sensazione che abbia mangiato qualcosa di buona al dispetto del sottoscritto che vive in mezzo allo scatolame. La simmenthal mi esce dalle orecchie:-)

    1. Hell

      Ferruccio… la carne in scatola contiene il prione. E forse adesso anche il tuo gatto…
      Per te un crepuscolo giallo.
      Sorry

  11. ferruccio

    Era scatolette di carne trovate in un rifugio alpino, vecchie di anni… non è carne infetta:-)

  12. Le scatolette di carne fino all’Agosto 2014 sono ancora commestibili :)
    Evitate quelle successive all’Agosto 2014.
    No,finora i Gatti sembrano essere immuni al prione piuttosto attenti ai cani di razza :)
    Hell.
    P.s.
    Grazie della sincerità.
    In realtà questi primi post sono stati un esercizio preparatorio.
    Da un lato ho voluto dare al mio avatar o alter ego,fai un po te un backgroud psicologico vecchio stile,un pochettino simile a Survivors vecchia serie.In cui alcuni dei personaggi non accettavano la fine della “civiltà” e la barbarie ma cercavano di ricostruire una sorte di comunità.
    Però ti assicuro che questa era la sensazione che volevo dare…per poi stravolgere tutto :)
    L’Unica cosa che al momento posso assicurarti senza fare spoiler è che espect the unespected :)

  13. mcnab

    Non spoilerate troppo bestie! :)
    (detto con immenso affetto, eh;) )
    Sennó mi rovinate il gusto di leggere come proseguono le vostre storie.

    Fra qualche settimane lancio il Totò-sopravvivenza tra i tanti che stanno partecipando al giochino.

    Date anche una lettura ai blog che ho indicizzato negli ultimi due giorni. Alcuni sono piuttosto validi ;-)
    E se avete voglia commentate. Io non riesco fisicamente a star dietro a tutti, quindi per i commenti inter-blog conto su di voi!

  14. Hell

    Io non mi fido di nessuno.
    Già ho fatto un errore a lasciare una mia traccia sul blog di Ferruccio.
    Uno sbaglio che non ripeterò.

    P.S.:
    E chi è che spoilera? Al massimo io depisto…
    :D

  15. Getta la maschera.
    Secondo me,non sei neanche il vero El.
    Confessa sei un impostore che ha preso il suo posto.
    :)
    E magari ti piace anche Trip Tucker adesso.-)
    LOL

  1. Gli articoli più letti | Book and Negative

    [...] 2010, letto 424 volte – Chi ha paura delle Streghe? (secondo capitolo del mio Survival [...]

Add Comment Register



Lascia un Commento