33 Comments

  1. Post interessante e purtroppamente verissimo.
    Io stessa rientro nella categoria di coloro che si lamentano di qualunque cosa e non sopporto quelli che morirebbero piuttosto che dire che la loro vita potrebbe migliorare, che si ritengono fighi e saputi su tutto a prescindere, che dispensano consigli di saggezza e dicono “ah ma io farei così, cosà, cosù…”.
    O cristo, appunto, mi sto ricominciando a lamentare, abbattetemi!

  2. Dimentichi un altro punto: Gli italiani hanno invidia di chi ha via quattro soldi (anche se sono proprio quattro di numero). Sospettano sempre del modo in cui uno li ha guadagnati e gli dicono “vergognati, pensa ai poveri”. Poi magari sono i primi che pagano il dentista in nero per risparmiare cento euro. Vedere uno che sta “bene” (con tutte le virgolette che vuoi) causa invidia e procura macumbe.
    Così poi, come dici giustamente tu in uno dei punti, ci si può lamentare.

    E poi… Internet… il luogo migliore per scoperchiare il vaso di Pandora dei peggiori aspetti degli italiani.
    Che in fondo è un popolo da chiacchiere al bar. Quindi quale posto migliore in cui straparlare?

    1. Author

      Ti giuro, non ho resistito.
      E per farti un esempio, scendo a comprare un po’ di spesa, e scanso un idiota che stava sfrecciando con lo scooter sul marciapiede. Lo prendo a parolacce e quello indovina che fa? Dà la colpa a quelli che hanno parcheggiato in doppia fila. 😀 😀
      Che volere di più?

  3. Caspita che silenzio, da queste parti.
    Concordo in pieno sulla disamina dei molti nei del carattere nazionale.
    Alcuni dei quali, negli ultimi tempi, ci sono stati anche proposti come valori.
    E in fondo, è ciò che ci hanno cercato di insegnare negli ultimi trent’anni, no?
    Che possiamo essere mediocri come tutti gli altri, ed è bello che sia così.
    Io continuo a credere che “la Crisi” possa essere un’occasione per tirare fuori il meglio, per cambiare modo di pensare, per toglierci dai piedi i vegliardi.
    Ma io sono uno a cui piace la fantascienza.

    1. Author

      A me, oltre alla fantascienza, piacciono un sacco di altre cose, persino il pulp! Quindi sarei da ricovero coatto.
      Guarda, la vedo come te, la crisi è un’occasione. Mi piace proprio l’idea di ripartire da zero, di fare qualcosa di nuovo senza incasellarmi, dove vogliono i vegliardi.
      Vabbé… 😀

      1. Author

        Sì, sempre stato romantico. Ma, in fondo, a me a scuola hanno isegnato questo, che la nostra vita ce la facciamo noi.
        Nessuno mi aveva detto che gran parte del mondo era venuta meno ai patti.

  4. “agli italiani piace scambiare opinioni (ma non ascoltare quelle degli altri).”

    Questa è una cosa su cui mi scontro praticamente sempre. Purtroppo…

  5. Ti stai rammollendo. :)
    Un tempo avresti scritto un post molto piú cattivo. XD
    Non c’ è dubbio stai per diventare un vegliardo del tipo democristiano. :)
    Anzi temo che tra un po comincerai anche a parlare bene dei romanzi di Anita Blake (Dio, o chi per lui ce ne scansi) 😀
    A parte le facili battute aggiungerei un altro elemento:
    Gli Italiani non hanno voglia di fare niente, salvo poi criticare quei pochi che fanno veramente qualcosa perchè loro, gli Italiani avrebbero fatto sicuramente meglio.

    1. Author

      Sì, ma l’ho scritto in dieci minuti di orologio, e poi non volevo! È… che sono italiano! 😀

  6. “agli italiani piace farsi i conti in tasca (degli altri).” esiste anche nella variante: “Ah, se me lo avessi detto prima (anzi, dicono “se me lo dicevi prima”) io te lo trovavo a meno” oppure “Ah, ma io l’ho pagato meno”
    Odiosi.

    1. Author

      ahahahahah XD È vero! Qualunque acquisto tu faccia, ti hanno fregato e loro l’avrebbero trovato a meno!
      Li amo alla follia.
      E… si capisce che sono ironico, vero? 😀

      1. Oh yeah! Eppure, prova a dir loro che ci stai, che ne prendi un altro al prezzo che dicono loro. Risposta classica: “Ah, ma non so se ne hanno ancora…”

      2. Author

        Ovvio, le scorte finiscono subito e tu non sei stato abbastanza furbo da approfittarne. Ben ti sta. 😀

  7. Parole sante!
    Se mi mettessi a elencare tutte le volte che, soprattutto sul lavoro, mi sono sentito dire “eh, ma questo non va mica cucinato così…”. hai ragione, ma intanto quello dietro ai fornelli sono io e non tu che invece vernici auto…!
    Vorrei essere fiero di essere italiano, ma come si fa…

  8. Italiani! Popolo di poeti, santi, navigatori…e rompicoglioni!

    Tutto tristemente vero ciò che hai scritto, tanto nel mondo “reale” quanto (e in maniera ancora più evidente) in quello virtuale. Soprattutto per ciò che concerne giudizi sul “gusto degli altri”. Senza contare la profonda invidia di chi “vorrebbe fare”, ma alla fine sta sempre là a “ciarlare”.

      1. Ma sarà che lo siamo sempre stati, e da quando abbiamo la rete ci sentiamo pure in dovere di scassare i cosiddetti?

      2. Author

        Non so se ci si senta in dovere, però per moltissimi pare indispensabile far sentire la propria opinione (contraria) su qualunque cazzata.
        E non c’è spazio per la discussione, ma solo il gusto di dire che non la si pensa come te.

  9. Cito dalla maglietta della signora Madonna: gli italiani lo fanno meglio.
    Che cosa? Qualunque cosa, non stiamo a sindacare.

    Ciemmequ, esistono e sempre esisteranno per esempio quelli che “ah, tu hai avuto quell’idea su quel progetto e ti stai impegnando per realizzarlo, MA IO lo avrei fatto meglio, EH!
    Quante volte ho sentito questa frase? Inizia a contare… XD

    1. Author

      Se vogliamo raccogliere tutte le tipologie, mi conviene organizzare un’altra pagina, tipo quella degli eBook (che sta per arrivare). XD

      1. Author

        Meglio limitarsi all’eBook, va… 😀


  10. “Splenido post Hell…ma io ci avrei aggiunto…io lo avrei fatto meglio…io ci avevo pensato tempo fa, ma non ho potuto farlo”..più tipici di cosi?

    Uno alla fine si stanca anche di comprendere e di combattere contro certi tipi D:

    1. Author

      Esatto, è proprio la questione del “Sì, bello… ma io…”. Hai centrato il punto. 😉

  11. Personalmente trovo questo post tristissimo. Cioè, nel senso che mi fa tristezza. Come quando ti sbattono in faccia qualcosa che proprio non vuoi vedere.

Leave a Reply