Chiodi Rossi

shamanic-journey.blogspot.com/
Guest
Bellissimo post, lirico e ispirato. Conan non l’ho mai letto, dalle parole di H., ma sempre e solo a fumetti, dai classici di Barry W.S. fino alle incarnazioni più recenti (raccolte in alcuni bei volumi, credo 100% Marvel, e in una delle uscite allegate a qualche quotidiano, un anno fa). Delle sue storie ho sempre ammirato la semplice crudeltà e l’oscura magia, la facilità con cui l’illusione riesce a soggiogare dal più piccolo soldato al più grande dei re. E proprio per la somiglianza di certe parti oscure e decadenti ho amato poi Zothique di C.A.Smith dove non c’è alcun… Read more »
Keyem
Guest

Concordo. Bellissimo articolo! Anche se questo tipo di racconti non è il mio genere. E’ un piacere leggerti! 😀

mcnab75.livejournal.com/
Guest

Mi hai fatto venir voglia di rileggere Howard, cosa che non capita da troppo tempo.

Howard l’ho adorato per anni. Da ragazzino avevo addirittura inventato un board game su Conan e avevo scritto un librogame (obrobrioso) ispirato al mondo del Cimmero.

In effetti, anche col senno di poi, il fantasy di Howard ha un retrogusto cupo e serio che lo pone di diverse spanne sopra a molte saghe moderne.

trackback

[…] E. Howard: il personaggio di Valeria è ispirato all’omonima protagonista del racconto “Chiodi Rossi“; la Torre del Serpente in Shadizar, capitale di Zamora, rammenta quella de “La Torre […]

trackback

[…] Chiodi Rossi […]

trackback

[…] articoli “a fumetti”: Chiodi Rossi Ombre al Chiaro di Luna Red Rain […]

trackback

[…] correlati: Chiodi Rossi Ombre al Chiaro di Luna Conan il […]

trackback

[…] e la vitalità innata del Cimmero. Motivi che Howard riprese puntuale nel più riuscito “Chiodi Rossi” del 1936, anno della sua morte. Margaret Brundage, autrice della copertina di Weird Tales, […]

trackback
[…] Produzione franco-canadese-americana della quale non ho saputo nulla fino a qualche giorno fa, dal blog di Alex. Articolo che non ho neppure letto per non guastarmi la visione del film. La locandina è accattivante, non c’è che dire. E il film è tratto da un bestseller Les Emmeures di Serge Brussolo. Non l’avete mai sentito nominare, vero? Nemmeno io. Ma siamo alle solite, in Walled In c’è una donna, sola, che fa un mestiere che la conduce in luoghi abbandonati, nella fattispecie, un edificio che sta per essere demolito. Lei, Sam, è ingegnere, la tipa che stabilisce dove piazzare… Read more »
wpDiscuz