The Woman (2011)

Lucia
Member

Wow…
Non credevo ti sarebbe piaciuto: lo dici anche tu all’inizio, questo non è il tuo cinema, è un territorio che raramente ti ho visto percorrere. E invece, vedo che il film ha avuto un bell’ impatto anche su di te. E questo non fa che convincermi ulteriormente della sua eccezionalità

mcnab
Member

Odio questo genere di film, ancora di piu se fatti bene.
Non è l’horror che fa per me.
Ho visto Martyrs e, pur trovandolo a suo modo bellissimo, mi turba ancora adesso il ricordo…

Lucia
Member

Sono d’accordo su quello che scrivi a proposito del finale. Non si poteva fare diversamente, forse sarebbe stato troppo atroce.

Sulla musica no, credo al contrario che sia una scelta molto straniante l’ inserimento di una serie di canzoni che cozzano con violenza con le immagini.

Lucia
Member

sì sì, ti spieghi perfettamente.
IO, nel caso della musica in un film tendo a essere molto malleabile, nel senso che non ho un’ idea precisa di quello che di solito preferisco. Vedo caso per caso. La musica che si copre il sonoro e spesso lo sostituisce è una scelta che spesso mi piace, soprattutto in alcune inquadrature, ma deve essere centellinata, insomma, il film non deve diventare un videoclip.
In The Woman questo non succede (forse un minimo quando il paparino “scopre” la Donna del titolo) e quindi ha la mia approvazione 😀

Lucia
Member

Credo che diventeresti idrofobo se vedessi i primi 15 minuti di Sucher Punch…per non parlare del resto del film

mcnab
Member

Sì, esatto, c’è troppa realtà. E io della brutta realtà ne ho già abbastanza senza cercarla tra libri e film 😛

Ciò non toglie che si tratta di ottimi prodotti, probabilmente superiori alla media. Ma sono troppo carichi di negatività per me. (Lo metto in grassetto prima che salta fuori il solito animale che legge le cose a metà, a darmi del cretino 🙂 )

Lucia
Member

@Alex:
Io, al contrario (e ribadisco, IO :D) amo proprio i film che ti mettono di fronte a certe realtà indigeribili, ma lo fanno tramite una struttura di genere. POi, per carità, apprezzo anche i film del tipo “fantasia al potere”. Dipende dai periodi.

@Hell:
ecco, se esiste un prototipo di film che mi fa diventare una iena è proprip Sucher Punch, e la filmografia di Zack Snyder tutta…
quel modo di fare cinema è, sempre a MIO parere, la morte del cinema stesso.

Gianluca Santini
Member

Per quanto mi riguarda, mi sono avvicinato da poco a questo genere di horror, passando anche attraverso il già citato Martyrs (che mi è piaciuto a metà), o roba tipo Antichrist (che mi è piaciuto per intero).

Mi sono fermato prima delle possibili anticipazioni, perché da quel che hai scritto prima sei comunque riuscito a farmi venir voglia di vederlo. Quindi magari ripasserò a visione effettuata. 🙂

Ciao,
Gianluca

mcnab
Member

@Lucia: una volta questi film li digerivo di più. Ora cerco proprio un distacco dalla realtà. Scene e storie di violenza quotidiana, domestica o verosimile mi disturbano.
C’è stato un periodo in cui mi divoravo pellicole del genere… poi mi sono accorto che mi stavano ammorbando l’anima. Cioè, non c’era più quel distacco salubre che provo alla fine di un film di pura fantasia.
Non so se mi sono spiegato, è un discorso contorto 😉

trackback

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

Lucia
Member

Alex, ti sei spiegato perfettamente 😉
Ammorbano l’ anima anche a me, soprattutto perché non riesco quasi mai a maturare quel tipo di distacco di cui parli tu, neanche alla fine di un film di pura fantasia, figuriamoci con pellicole del genere. Infatti, cerco di non vederne tante di seguito e di centellinarne la visione, così evito di farmi del male a prescindere 😀

Poggy
Member

Ecco, così imparo a tenere i post a bagnomaria per mesi nella cartella delle bozze, sarebbe bastato linkare per dare una risposta articolata, ma temo dovrò accontentarmi di un laconico “sono fondamentalmente d’accordo con questo post” (perdonami, casco dal sonno XD) e sfangarla così ù.ù con la differenza, ecco, che magari il mio punto di partenza è più vicino a quello di Lucia, questo è un tipo di film che mi vado a cercare di proposito (seppure con una certa misura, se mi diventasse *facile* digerirli uno dopo l’altro credo che comincerei a preoccuparmi).

Poggy
Member

Guarda, ho perso il conto dei post completati all’80% e poi abbandonati lì ù.ù; comunque a questo punto lo integro con due parole su Off Season di Jack Ketchum…

wpDiscuz