Keyem
Guest

ahahahah, la versione a) è stringata ma spettacolare. La b) spiega un pò di più! E hai voglia te, secondo me è proprio in quella fase lì, VIAGRA!
Comunque non avevo molta voglia di vederlo e dopo questa rece mi sa che rimanderò!
♡♡♡ ♡♡♡ ♡♡♡

Lucia
Member
Dunque…io questo film sono andata di corsa a vederlo al cinema il giorno in cui è uscito. Quando ho visto sullo schermo il nome di John mi sono spuntati i lucciconi, perchè io non avevo mai visto un suo film in sala. Però non ero partita con aspettative altissime: sapevo che la sceneggiatura non era sua, che era un lavoro su commissione e che Carpenter non è mai stato tipo da lavori su commissione. Eppure… eppure, nonostante tutto quello che tu dici a proposito della storia sia sacrosanto, a livello estetico, l’ ho trovato splendido. Una regia quasi divina, fuori… Read more »
Poggy
Member

Sempre a disposizione per dare una mano quando c’è da abbassare il livello del discorso a insulti e bestemmie! 😀 *hat tip*

Sam
Member

Essendo anch’io una fan di Carpenter, lo vedrò lo stesso. Rimando la lettura del tuo articolo, quindi. A prestissimo 🙂

alice
Member

“Succede che, nel reparto, le pazienti scompaiono perché qualcosa le prende. Stranamente, però, a nessuno degli addetti alla struttura sempra fregare qualcosa.”

E’ il Bubba Ho-Tep! E’ il Bubba Ho-Tep!

Scherzi a parte, anche io adoro carpenter… Ed ho adorato anche Fantasmi su marte (già, adorato…).
Anche se fa schifo come racconti (l’ho letta tutta, gli spoiler sulle ciofecate sono ben accetti!) è più per completezza e per questa benedetta fotografia che decanti…
Un po’ poco ma vedo talmente tanta di quella roba che un film brutto in più che sarà mai?

CyberLuke
Member

Arriva un punto che sei talmente bravo che poi non ti si perdonano più i passi falsi che compi, fosse pure a fine carriera.
E Carpenter ce ne ha regalati, di cult: per conto mio, il mio preferito è Dark Star, gioiello che brilla incontrastato nella sua filmografia, seguito, ma staccato, da altre perle come Il Signore del male, Il Seme della Follia>/i> (forse il suo Canto del Cigno).
Ma zozzerie come
Fantasmi su Marte, beh, non me ne ricordo tante: meglio Stuart Gordon.
E questo The Ward me lo risparmio, preferisco ricordarmi un altro Carpenter.

CyberLuke
Member

Bello.
Ma Dark Star è meglio. 😉

Gianluca Santini
Member

Visto… Hai ragione, fotografia/scenografia molto ben curate, ma sceneggiatura traballante, parecchio traballante, diciamo pure crollata su sé stessa. Peccato, perché sicuramente un soggetto del genere poteva essere curato meglio, stando attenti alle incoerenze interne e ai personaggi presentati. Senza contare che ovviamente è un tipo di horror da apparizioni improvvise, nella miglior tradizione degli horror attuali, mentre il soggetto poteva diventare una buona sceneggiatura psicologica. Peccato, mi ripeto.

Ciao,
Gianluca

trackback

[…] E a volte il chiacchiericcio stanca. Dark Star me l’ha ricordato Luca, ieri, in un commento a The Ward. Perché, come sempre accade quando non ci si capacita della realtà di un artista come Carpenter, […]

Sam
Member

Visto: “Che noia!”
Credo sia assurdo annoiarsi con un horror eppure…
Mi ha ricordato molto il film “1408” solo che all’epoca l’idea mi era piaciuta perchè originale, questa sembra la rivisitazione dei poveri.
Sono triste, da Carpenter mi aspettavo qualcosa di più 🙁
Se 1408 non lo hai visto, te lo consiglio^^

Sam
Member

Scusa Hell, il film simile a “The Ward” era “Identità” non “1408”. Li ho confusi perchè c’è sempre John Cusack e in uno sono in un albergo, nell’altro sono in un motel … scusami tanto 🙁
Dopo “Girolamo” e questa, mi sono depressa!

alice
Member

sottoscrivo: una cagata pazzesca.

wpDiscuz