La Fantascienza negli Anni Cinquanta: THEM! (Assalto alla Terra)

mcnab
Member

Splendida recensione, con un sacco di aneddoti che non conoscevo affatto (su tutti la versione svedese, con le formiche tradotte come ragni, e i veterani che maneggiano il lanciafiamme).

Non posso fare a meno di confermare il mio amore per questi film, per il loro essere gradevoli ma non stupidi (la sensazione di minaccia era reale, non posticcia, come avviene oggi nelle pellicole hollywoodiane, pensate per un pubblico di ragazzini).
Anche se un’invasioni di formiche colossali era chiaramente paradossale, il regista ha saputo renderla ansiogena.
Senza dimentica che ha quei tempi la fantasia dello spettatore era moooolto meno usurata e cinica di oggi.

Il Moro
Member

Parlando di formiche giganti, tempo fa ho letto un romanzo sull’argomento: La sconfitta dei semidei, di Alfred Gordon Bennet (1939)
http://www.mondourania.com/urania/u21-40/urania28.htm
E non erano per niente ridicole, anzi. L’ho trovato un bel romanzo, teso e avventuroso. E quell formiche giganti e superintelligenti erano piuttosto inquietanti.

Lucia
Member

Io di questo film ho un vago ricordo, di un passaggio televisivo mattutino. Possibile mai?
Ma ricordo che mi inquietò.
Ed è verissimo il riferimento ad Aliens, o almeno, non appena ho letto del formicaio guidato da una regina, ho subito pensato al film di Cameron.
E comunque erano davvero tempi gloriosi per il cinema di serie B, davvero si poteva far volare la fantasia ovunque. Formiche giganti. Pensaci oggi. Al massimo si potrebbe fare una parodia in CGI.

trackback

[…] se la prendevano proprio con piccole comunità rurali, nel silenzio del deserto. Basti pensare a THEM! (Assalto alla Terra, 1954). Tutto questo è […]

trackback

[…] Assalto alla Terra (1954) L’Attacco della Donna di 50 piedi (1958) L’Attacco delle Sanguisughe giganti […]

Riccardo Esposito
Member

Indubbiamente il miglior film americano di mostri “giganti” degli interi anni ’50. Girato anche molto bene, curando i momenti drammatici e con una recitazione insolitamente buona per una pellicola di questo genere. Le formiche saranno a tratti ridicole, ma sorprendentemente “funzionano”. Sebbene pochi ci hanno fatto caso, è stato “copiato” in tutte le salse, anche da produzioni insospettabili (come il giapponese “Rodan, il mostro alato” del 1956). Senz’altro un classico evergreen, da vedere e rivedere.

wpDiscuz