La carne, il divino e il copyright