Attack the Block

Max "Helldorado" Novelli
Member

Certo però il finale… 😐

Roberto Moretta
Member

Orpo ! Lo devo ancora vedere questo ! Gli inglesi sono molto bravi nell’affrontare idee già usate in modo insolito (tipo Shaun of the dead e Grabbers solo per fare due nomi)…

sommobuta
Member

“immagina (sì, mi do del tu quando penso) se un film del genere fosse ambientato a Scampia…”
Gli alieni o diventano spacciatori affiliati al Sistema, cocainomani a loro volta, oppure vengono uccisi senza pietà nel giro di un paio di minuti. XD

Per quanto mi riguarda, uno dei film più piacevoli visti l’anno scorso. La trovata dell’attacco alieno contenuta al blocco, per quanto “semplicistica” è davvero superba!

Lucia
Member

Il problema è che un film così da noi necessiterebbe redenzione dei protagonisti.
Quello che soprattutto mi ha colpito è la mancanza totale della figura dell’adulto responsabile, che è una specie di icona del cinema americano con adolescenti. Fratello maggiore, padre, membro delle forze dell’ordine.
Qui non c’è, c’è lo spacciatore fattone e morta lì.
Poi hai ragione tu, il film è divertentissimo, si lascia guardare che è un piacere. Non mi ha convinto il finale, ma non si può avere tutto.
<3

Lucia
Member

Sì, hai ragione, ci può stare, ma dipende da come il tutto è reso: c’è troppa enfasi, il ralenty, la musichetta eroica. Tu dici, magari Cornish voleva parodizzare, ma sempre a mio parere, l’intento parodistico non è molto visibile.

mcnab
Member

Introduco un altro elemento di discussione: Io Attack the Block volevo vederlo al cinema. Ho aspettato una settimana e – in pieno centro a Milano – era rimasto in una sala soltanto. Alla fine rinunciai, perché la mia compagna voleva vedere altro. Comunque da quella sala in cui trasmettevano AtB uscirono la bellezza di 3-dicesi-3 spettatori.
Ricordo che, quando ne parlai sul blog, un mio lettore mi confermò un’esperienza analoga.
A questo punto mi chiedo che senso ha sperare che in Italia certi film vengano distribuiti decentemente, visto che quando ci provano i risultati sono questi.

Il Moro
Member

Certo, se pensassero tutti così non dovrebbe mai uscire un film ambientato nel Bronx. O tutti i film italiani sulla mafia nel sud Italia. Ma il cinema, un certo tipo di cinema, deve anche raccontare la realtà, per scomoda che sia. Probabilmente la colpa di questa polemica è anche che il film abbia un tono divertente e un plot fantascientifico, invece che documentaristico.
Il Moro

trackback

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

bollalmanacco.blogspot.de/
Guest

Come horror fantascientifico mi era piaciuto parecchio, non mi sono interrogata molto sulle effettive implicazioni sociali.
Ero rimasta leggermente “scioccata” dalla piega presa dalla storia a un certo punto, un po’ come sarebbe successo se la banda Fratelli avesse ammazzato realmente un paio di Goonies, ma d’altronde i mocciosi di Attack the Block erano destinati ad avere vite brevi e violente.
Quanto al finale…. beh, a me non era dispiaciuto. Alla fine, se non erro, il capetto si prende finalmente la responsabilità delle sue azioni sconsiderate e accetterebbe anche di immolarsi per “espiare” e salvare il block, quindi ci sta tutto.

wpDiscuz