Crea sito

Hell

Dettagli sull'autore

Data di registrazione: 02/06/2009
URL: http://www.bookandnegative.com/

Ultimi articoli

  1. La Fantascienza anni Cinquanta e il Noir – reprised — 04/05/2015
  2. Goro Fujita e il dialogo sui robot — 01/05/2015
  3. [eBook]: Le Bambole del Latemar — 27/04/2015
  4. La città sommersa di Lost River — 27/04/2015
  5. I bisticci dei Vichinghi davanti alle porte di Parigi — 25/04/2015

Articoli più commentati

  1. Hell Graeco e l’e-reader maledetto — 93 comments
  2. Girlfriend from Hell — 87 comments
  3. Le Confessioni di Hell — 72 comments
  4. Una pagina per non dimenticare l’eBook — 62 comments
  5. Il mio nome è Boobie — 61 comments

Lista post dell'Autore

mag 04

La Fantascienza anni Cinquanta e il Noir – reprised

968full-in-a-lonely-place-screenshot

Chi fosse diventato solo di recente un lettore o un fan di Book and Negative forse non sa che due generi cinematografici sono particolarmente apprezzati dal sottoscritto. Entrambi appartengono alla Golden Age di Hollywood, incarnati soprattutto da un decennio, dal 1950 al 1959, che risentì pesantemente della cosiddetta era atomica.

Continua a leggere »

mag 01

Goro Fujita e il dialogo sui robot

gorofujita

Probabilmente siete tra coloro che conoscono Goro Fujita e che ammirano il suo lavoro. Per farla breve, rimandando i link utili alla fine dell’articolo, Goro Fujita è un Visual Development Artist and Animator. Traffica in pixel, se così possiamo dire. Californiano, si dedica alla creazione di opere d’arte.

Continua a leggere »

apr 27

[eBook]: Le Bambole del Latemar

coverdefdefdef (Small)

Finora, mi sono cimentato nel genere horror solo una volta: Offshore. Un racconto che può essere considerato impuro, dal momento che appartiene soprattutto al filone zombie apocalypse. Tuttavia, le atmosfere horror sono sempre presenti, a sentire i lettori e gli amici, in quasi tutti i miei lavori. E poi c’è Italia Doppelganger, del mio amico …

Continua a leggere »

apr 27

La città sommersa di Lost River

140221-detroit-bankruptcy-jsw-(Mobile)

Lost River, l’esordio cinematografico di Ryan Gosling, è uno scenario di desolazione. Scenario che i più penseranno essere frutto di un abile scenografo. Si accenna a una città sommersa, nel film. La città sommersa è Detroit. Quelle immagini sono paurosamente vere. Anzi, peggio. Detroit è la metropoli futuristica fissata in RoboCop, ed è ormai, causa …

Continua a leggere »

Post precedenti «