Voi lettori

Keyem
Guest

Ehm…. sono io la colpevole? 🙁

♡♡♡ (28)

Keyem
Guest

La coda di paglia?? 😀
Forse è il potere improvviso. Il lettore all’improvviso deve giudicare, quindi diventa protagonista. No? 😉

♡♡♡ (29)

mcnab
Member
I miei lettori sono pretenziosi, e va bene così. Io stesso sono un lettore pretenzioso. Sono totalmente aperto a consigli e richieste, anche se poi tendo a fare di testa mia, per quanto certi suggerimenti mi si appiccichino addosso in modo subconscio. Una cosa che a volte mi perplime un po’ riguarda i commenti sui pochi numeri di pagine. Esempio: scrivo un racconto di 10 pagine e c’è chi immancabilmente chi mi chiede di farla diventare un’esalogia. Però capisco che il lettore-non scrittore difficilmente è in grado di comprendere le meccaniche e i tempi che scandiscono il lavoro di uno… Read more »
zeros83
Member
Si legge sempre sulla base di una forma mentis? Io credo di sì. Siamo esseri pensanti, ma ognuno lo fa a modo proprio e partendo dal proprio bagaglio di esperienze e idee, quindi è ben raro che ci approcciamo a un oggetto culturale (libro, film, musica che sia) senza che tutto ciò ci influenzi. Anche cercare di non farsi influenzare dalle proprie esperienze al fine di essere neutri è una forma mentis 😉 Posto questo, sono d’accordo sul fatto che la lettura non sia mera passività e che il lettore “ricrei” il testo. A volte recepisce qualcosa di quello che… Read more »
zeros83
Member
Interessante il concetto di “lettore egoista che cerca solo sé stesso”. Direi che c’è anche la variante “lettore egoista(o pigro?) che cerca solo quello che ha già letto”. E, sempre per tornare allo snobbismo, sono i tipi di lettori che io schifo, anche se è più facile identificare quello pigro che quello egocentrico. Fanno parte del mercato, decretano il successo di sacchi di immondizia o piccoli gioiellini, ma restano pigri o egocentrici. Essere (o sentirsi) scrittore e chiedersi cosa faccia di un testo un testo “perfetto” non è farsi seghe mentali (non del tutto, almeno): è porsi questioni di metodo,… Read more »
zeros83
Member
Il problema di Twilight & co. non è tanto lo sbrilluccicume (oddio, anche quello fa ribrezzo!) quanto l’irrealtà del carnivoro affamato innamorato della preda perfetta! Niente contro il romantico, anzi, ma che sia dotato di realismo e giudizio. Sì, forse sulla scorciatoia hai ragione. La moda stessa del paranormal romance è una scorciatoia come le altre, l’hai già letta, cambiano solo due o tre dettagli qua e là. E ritorna la questione del kitsch come categoria estetica del prevedibile e della soddisfazione con poco sforzo delle aspettative diffuse. Hai mollato la RR? Peccato per la RR, buon per il Progetto… Read more »
Keyem
Guest

Immagine inviata Hell!! E’ nella mail ad aspettarti! 😀

trackback

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

trackback

[…] Continua la lettura con la fonte di questo articolo: Voi lettori | Book and Negative […]

Mauro
Member
In linea di massima quando revisiono un testo cerco di mantenerlo quanto piú vicino possibile all’idea dell’autore, se possibile interfacciandomi con lui per trovare la soluzione migliore. Dipende poi anche dal tipo di testo: se è un articolo, per esempio, non trovarlo chiaro implica (ovviamente) che almeno un lettore ha difficoltà a capirlo, quindi propongo tutte le modifiche che ritengo necessarie a renderlo piú comprensibile; sta poi all’autore decidere se accettarle o no. In un testo di narrativa, per esempio, cerco di fare attenzione allo stile, per cambiarlo il meno possibile. Sicuramente poi i miei gusti, le mie conoscenze, ecc.,… Read more »
Mauro
Member

Non posso che dire che l’equivoco mi fa piacere, ma non sono un editor di professione: sono semplicemente uno che per passione approfondisce la linguistica italiana e che per questo a volte si trova a revisionare dei testi.
Mauro.

wpDiscuz