Saranno Nazi Vostri

37 Comments

  1. E’ l’ultima goccia che dimostra chiaramente quanto ormai si sia definitivamente perso il senso del ridicolo. Una volta adattavamo a perfezione, come l’esempio che hai messo ad inizio post, oggi ci sono delle traduzioni oscene, per di più accompagnate da doppiaggi quasi amatoriali. Un’altro pezzo di eccellenza che sta vivendo di ricordi…

    1. Author

      Sì, e s’illude di essere ancora di qualità.
      E poi, c’era il rispetto, per il pubblico, ma soprattutto per l’opera che ridoppiavano.

  2. Quando rilessi la notizia, sicura sta volta, sul blog di Mr.Giobblin , pensai anche io a “Cielo d’acciaio”, un gran bel titolo.
    Pensando, ingenuamente, che il titolo del post fosse una sua battuta…poi lessi che era il sottotitolo del film…
    Ma, vogliamo anche parlare del “Riposa in pezzi” dei Mercenari 2?
    Vogliamo anche parlare…no, che ne parliamo a fare :(

    1. Author

      Già, “riposa in pezzi” de I Mercenari 2, che ho messo in risalto nella recensione relativa. Traduzione letterale di “rest in pieces”, laddove occorreva l’adattamento!

      Riposa in Pezzi non significa un cazzo. E infatti non fa ridere.

  3. I primi esempi che mi vengono in mente: Se Mi Lasci ti Cancello, Ribelle (perché “Coraggiosa” non ci piace), Dragon Trainer (come cambiare un titolo, lasciandolo però nella lingua originale)…

    1. Author

      Perché Ribelle sa di gioventù bruciata. Coraggiosa, ‘mbè’, magari non è tatuata, no so… 😀
      Credo che lo stesso fenomeno riguardi gli adattamenti dei titoli di romanzi stranieri.

      1. Graceling, che è rimasto Graceling; peccato che s’intitoli cosí in riferimento ai Graceling, personaggi che hanno una Grace, che in Italiano è diventata “Dono”.

        Come dice un mio amico: è l’Inglese che è una lingua bizzarra:

        Die Hard significa Trappola di Critstallo
        Die Hard 2 significa 58 Minuti per Morire
        Die Hard with a Vengeance significa Die Hard

      2. Author

        Be’, al terzo tentativo ci hanno preso per metà.
        Ma il punto è che, ok, Trappola di Cristallo o 58 Minuti per Morire sono titoli del tutto estemporanei, che se ne fregano della serialità. Adesso invece ci vanno giù duro. Siccome da noi l’unica commedia che riempie i cinema è quella volgarissima, allora non c’è spazio per quella leggera, satirica. Cioè, lo spazio c’è, ma non secondo questi signori.

  4. Vedo che google ha già capito tutto :)
    A parte scherzi, quel titolo è un insulto, e anzi danneggia il film creando l’aspettativa di qualcosa di diverso.
    Non andrò a vederlo in lingua italiana (ovviamente anche perché l’ho già visto) per timore di scoprire quali piacevolezze si sono inventati nel doppiaggio… Non oso pensarci.

    1. Author

      Sì, è un insulto, oltre a un modo per creare false aspettative e far incazzare gli spettatori in sala. Già me l’immagino, tutti quelli che andranno a vedere il film aspettandosi Una Pallottola Spuntata uscire poi delusi dicendo che “Non fa ridere…”
      Già succedeva quando era solo in inglese. Figuriamoci dopo questo colpo di genio.

  5. Ho il sospetto, e qui qualcuno mi smentisca, vi prego, che il Malvagio Consiglio provenga direttamente dalla TV. Mi spiego, se un tempo il lavoro intorno agli adattamenti cinematografici era discretamente curato, quello per molte serie TV erano già a livelli pietosi. Perché far diventare la protagonista del telefilm un’italiana, tra l’altro in versione macchietta? Perché Willy dei Simpson da scozzese è diventato sardo, anche lui macchietta? Di esempi ce ne sono troppi, purtroppo…

    1. Author

      Non capisco quale sia la protagonista alla quale ti riferisci. ^^
      Comunque, certe cose non sono nemmeno sbagliate, tipo Willy dei Simpson, che doveva comunque conservare un accento diverso, in quanto il personaggio doveva distinguersi necessariamente, fungere da intermezzo comico. E ti assicuro che lo scozzese tipico e incomprensibile rispetto all’inglese.
      Quel che voglio dire è che in quel caso la qualità macchiettistica del personaggio si sarebbe persa, per cui hanno deciso di farlo sardo, un dialetto al quale siamo abituati. 😉

      1. Author

        Ah sì, anni dopo scoprii che era di origini ebraiche, altro che italiana! 😀
        Eh sì, strane decisioni…

  6. Quella dei titoli tradotti in maniera offensiva per il pubblico è storia antica, e dolorosissima.
    Perché “National Lampoon European Vacations” divenne “Ma guarda un po’ ‘sti americani”?
    Resta un mistero inspiegabile.
    “Les biches”, commedia francese su turbamenti adolescenziali venne ritenuto invendibile al pubblico italiano dei primi anni ’70, e quindi tagliando una striscia del poster, il titolo divenne “Lesbiches”, e fu un clamoroso successo.
    Perché poi l’idea è quella – tirare i gonzi in sala, estorcendo loro un biglietto di prima visione. Se poi il film non piace, e disattende le aspettative, beh, problema loro, giusto?
    Restano casi altrettanto inspiegabili.
    Perché “Stir Crazy” divenne “Flip out”?
    Perché “Weird Science” divenne “La Donna Esplosiva”?
    Perché “Battle beyond the stars” divenne “I magnifici sette dello spazio”, quando i protagonisti sono sei?
    “Vibes” si trasformò ne “Il Segreto della Piramide d’Oro” soltanto per spoilerare il pubblico fin dalla locandina?
    Davvero qualcuno distribuì “The Beach Girls” come “Marjiuana e Saune Erotiche”?

    Ma i veri orrori, più ancora che in TV (il personaggio di cui parla Marco è la protagonista de La tata, che da ebrea diventa italiana… con non pochi problemi tra Annukkah e Bar Mitzvahs…), si trovano nei cartoni animati.
    Il mio preferito resta, naturalmente, il brutale “Slayers”, che da noi divenne un più poetico “Un incantesimo dischiuso fra i petali del tempo” (e poi venne cancellato dalla programmazione per via delle tette di una delle protagoniste, evidentemente non abbastanza poetiche).
    Ma anche i brani di dialogo aggiunto a caso, o i dialoghi buttati a mare in toto e rimpiazzati da improvvisazioni deliranti dei doppiatori (che ora cenano gratis facendo ospitate alle convention) sono episodi emblematici.

    1. Author

      A me viene sempre in mente Total Recall/Atto di Forza… 😀
      Oppure Il Giovane Sherlock Holmes che diventa Piramide di Paura, così che diventava una sorpresa scoprire che il protagonista era proprio quel Sherlock Holmes. E poi si sottolineava un lato horror che la pellicola non ha…
      Però adesso c’è proprio la volgarità in atto. Cioè, davvero, è un titolo privo di senso. Fossi nel regista o nei produttori di Iron Sky farei causa. È inaccettabile.

  7. Come dissi da Giovanni, a questo punto era meglio non portarlo proprio. Per fare le cose male, tanto vale non farle. Magari riusciranno ad attirare gli spettatori goliardici-medi, che ovviamente rimarranno delusi perché si aspetteranno qualcosa che non è, ma tutti quelli dotati di almeno un briciolo di intelligenza, vedendo un titolo del genere scapperanno a gambe levate, perdendosi invece qualcosa che avrebbero potuto apprezzare.
    Insomma, un solo sottotitolo, doppio danno.

    Ciao,
    Gianluca

    1. Author

      Infatti, un doppio danno. Personalmente, con un titolo del genere non sarei mai andato a vederlo. E credo che molti rinunceranno, perché ingannati.

  8. Il peggio del peggio è “Se mi lasci ti cancello”, un’italianizzazione che grida ancora vendetta.

    Nel doppiaggio – parlando di cose recenti – ho trovato scadente quello del Trono di Spade. Esagero?

    1. Author

      Mmmhh… ti dirò, anche lì, per fortuna (a questo punto), ho usufruito dell’audio originale. Non so rispondere. ^^

      1. Infatti, io ho visto quasi tutti gli episodi in inglese tranne un paio che erano reperibili solo in italiano.
        Mi veniva da piangere…

    2. Quel film non sono andato a vederlo proprio perché a giudicare dal titolo pareva una cagata. Anzi, devo ancora recuperarlo. Adesso lo scarico.

  9. Alla fine si riduce tutto alla solita minestra: in Italia o si fa così o non si fa. E si fugge all’estero per trovare qualcosa di degno…
    Libri, film, tutto rimestato per renderlo unico, come solo noi sappiamo fare. Peccato che unico non sia per definizione bello e piacevole…

    1. Author

      Ma tanto le nostre sono domande senza risposta. Perché avete scelto questo sottotitolo? Perché è simpatico? Perché davvero pensate di fare il bene del film promuovendolo in questo modo, come fosse un cinepanettone?
      Non lo sanno manco loro, il perché. Vogliono fare i simpaticoni, ecco la cosa peggiore.

  10. posso dire “fuori i nomi!” ?
    Perchè ci sarà una persona, due persone che hanno deciso questo. Perchè io vorrei che avessero un nome per potergli chiedere “perchè?”
    Solo questo…

  11. Scusate il ritardo 😀 Sono contento che il Malvagio Consiglio venga menzionato anche al di fuori del mio blog: è un nemico oscuro e terribile, e va debellato quanto prima.
    Aspetto la versione italiana di Iron Sky per esprimermi… sperando che non venga doppiato in stile Bagaglino.
    Brrr.

  12. Anche io giungo in ritardo. E’ un articolo da applausi e assolutamente condivisibile nei contenuti. Il “saranno nazi vostri” snatura tutto e riduce tutto in burletta, neanche fosse un film di Pierino. Ripenso anche a quando da ragazzino vidi il primo Guerre Stellari e ancora oggi mi confondo tra Darth Fener – Dart Vader, Han Solo – Jan Solo, R2D2 – C1P8 e Leia – Leila…….

    1. Author

      Sì, modifiche del tutto inutili. Come se Darth Fener fosse più comprensibile (o forse più musicale?), rispetto a Darth Vader (il cui nome comunque ha un senso, perché assonante a Dark Father). Vabbé…
      Grazie mille. 😉


  13. Dico solo una cosa: Se mi lasci ti cancello.
    E aggiungo: “io era… macchina-che-era”, da una vecchia puntata di Futurama

    E la finiamo lì perché l’argomento, da povera sfigata laureata in lingue che è costretta a rispondere al telefono e tradurre qualche schifosa e sgrammaticata lettera commerciale di tanto in tanto e che darebbe l’anima per poter entrare in questo mondo di traduttori/adattatori (NON doppiatori) cinematografici della domenica mi fa incazzare come una bestia.

    Babol

Leave a Reply