Il problema dello spiegone

strategieevolutive.wordpress.com/
Member
Io sottoscrivo la teoria – molto ben esposta a suo tempo da Mary Gentle, e in generale portata avanti dagli autori di fantascienza della scuola britannica – per cui anche il lettore deve metterci del suo. Io scrivo, ma se tu che leggi non ti impegni, non so proprio cosa dirti. Aggiungiamo a questo fatto che come autore non ho alcun dovere di spiegare le scelte che ho fatto nella mia narrativa, e di solito qualcuno che arriva a urlarmi le parolacce lo trovo. L’attuale ossessione per la standardizzazione delle procedure scrittorie, e per la spiegazione estesa degli eventi nella… Read more »
mcnab
Member
Consolati: c’è anche il partito opposto, quello che se inserisci una riga di spiegazioni urlano come banshee all’infodump. Io sono sicuramente più soggetto a questi altri estremisti, che non a quelli che ogni tanto perseguitano te. La realtà è che: A) Non si può piacere a tutti. B) Visto che a qualcuno il modo in cui scriviamo non piace, c’è sempre la libertà di non leggerci. C) Criticare è comunque un diritto. Insistere nel leggere ciò che non piace, per continuare a criticare, è da fessi, o da aguzzini. Non so se son queste le risposte che volevi. Non mi… Read more »
mcnab
Member

*varietà, sorry.

sommobuta
Member
Parto un po’ per la tangente: credo (oggettivamente) sia impossibile piacere a tutti. Soprattutto quando si parla di prodotti “pensati per altri” (parliamo di ebook, ma parliamo anche di semplici articoli su un blog, di video, di canzoni, di film e via discorrendo). Non ho mai creduto nemmeno alla diatriba tra “arte e cultura alta o bassa”, dove “alta” è quella insondabile, calata dall’alto, intellettuale (dove l’autore, che ti propone il suo modo di vedere lo fa perchè deve sentirsi superiore) e quella “bassa” è quella commerciale, terra terra, “semplice”. Una produzione è una produzione, e anzi: i più grandi… Read more »
beppeiaf
Member
Lo spiegone ogni tanto ha il suo perchè, ovviamente non serve per riempire delle pagine e frantumare i testicoli al lettore nella descrizione del protagonista che si pettina davanti allo specchio e quindi i capelli, bla bla bla tremendamente bla bla bla bla. Ma inserire ogni tanto qualche riga di spiegazione sopratutto nei passaggi più complicati può aiutare a rendere il testo più scorrevole, magari quando i personaggi sono tanti oppure erano tratteggiate in maniera grossolana prima. Poi ci sono i professionisti dello spiegone per cui il racconto stesso è lo spiegone, mi stavo rinfrescando la memoria con libri di… Read more »
queenseptienna
Member
Morte allo spiegone e talvolta anche all’infodump (c’è gente che scrive pagine di Wikipedia XD). Anche perché se sai le basi del progetto, se ti leggi le graziose appendici e le note, per dire di non aver capito o sei un idiota o un analfabeta. Mia personale opinione, ma non sei il primo a cui capita (anche a me è successo un paio di volte XD) e ti capisco bene! Ovvio, se tu scrittore non avessi inserito le appendici allora posso dire “non si capisce”, ma se le hai messe… Ci sta il non piacere lo stile di scrittura o… Read more »
gloutchov
Member

Aggiungi una nota sugli ebook: C’è qualcosa nell’ebook che non capisci? Cogli l’attimo per approfondire e fare ricerche in rete. ^^

E’ difficile che tu possa accontentare tutti quanti. Per cui concentrati su chi apprezza. E gli altri se ne faranno una ragione!

zeros83
Member
Io ho questa idea: è infodump solo se è fatto senza eleganza o metodo. Le spiegazioni, o più precisamente certe spiegazioni, mi piacciono. Diavolo!, sono importantissime. Però un buono scribacchino deve sapere anche dosare le informazioni e saper dire loro “fottetevi, voi su pagina non ci finite!” se non servono alla trama. Trovo fastidiosa, in una storia, la sensazione che qualcuno mi tenga per mano e mi spieghi a ogni passo chi, cosa, come, quando e perché, soprattutto se potrebbe fare in modo che la storia sembri sfilarmi davanti e raccontarsi da sola mentre io ci ragiono su. Il bello… Read more »
Marco Bango Siena
Member
Sullo spiegone a tutti i costi, e tu hai usato un ottimo esempio con la lampadina, mi sono sempre opposto. Due personaggi che conoscono le loro faccende, perché si devono perdere in spiegazioni? Arriviamo quasi all’idiozia del “cattivo” che racconta il piano al buono prima di farlo fuori. Per quale motivo lo dovrebbe fare, per megalomania? Se un comportamento, un intrigo o altro non vengono spiegati, ma la storia prosegue ugualmente, perché dover dare la manina al lettore e portarlo fuori a far pipì? Davvero, si rischia di accontentare un lettore che ha poca fantasia (o un bisogno morboso di… Read more »
Gianluca Santini
Member

Mi piace il non-detto e soprattutto in caso di ambientazione consolidata, come può essere 2MM, far spiegare ai personaggi le basi del setting è deleterio, come nel tuo esempio della lampadina. Le Appendici con tutti i dettagli del setting vengono messe proprio per quello.

arimanno
Guest
I gusti sono gusti. Spiegone o no, hai scritto così. Piace. E non piace. Dipende. Eppure tu sbuffi. Stizzito. E’ che ti senti INCOMPRESO. Tempo fa ho detto la mia opinione senza filtri a un amico che scrive e mi son preso dell’invidioso. Dovevo usare più delicatezza e essere forse più ipocrita e morbido nel dire quello che pensavo? Forse si. O forse no. Sempre da criticone qual sono ho anche, senza volerlo, offeso a morte un’altra persona (che neanche conoscevo). Non male eh? Io penso che, come le persone di cui sopra, te la prendi troppo per le critiche.… Read more »
Il Moro
Member
Posso dire la verità senza offendere? Anch’io ho avuto qualche difficoltà a seguire i due Lollipop, nonostante io conosca perfettamente il background di 2MM (ho anche scritto diversi spin-off). Quello che mi sfuggiva non erano infatti i particolari dell’ambientazione, ma proprio qualcosa qua e là a livello di trama. Invece, non ho avuto proprio nessuna difficoltà con Girlfriend from Hell, del quale conoscevo solo vagamente l’ambientazione non avendo mai seguito il Survival Blog nè letto nessun altro racconto (te l’ho anche recensito sul mio blog). Però, visto che mi sembrava di essere l’unico a lamentarmi, e non riscontrando appunto lo… Read more »
wpDiscuz