Lucia
Member

Bellissimo post (e non perché alla fine la penso in maniera assolutamente identica a te, sia su Sin City che su Rodriguez…ma un’ identità che, in questo caso, fa impressione), che rende il giusto merito, né esaltazione, né rabbiosa stroncatura, a un esperimento che, se fosse rimasto un episodio unico e irripetibile, avrebbe avuto un grandissimo fascino.
Poi si sono tutti messi a copiare il ricalcatore. E son cominciati i danni.
La Biedel è una meraviglia della natura. Ed è brava. Non si discute.
Io ho un debole per la compianta Murphy, da sempre. 😀

Bruno_bac
Member

Sollecito una prece per Brittany Murphy. Bell’articolo comunque.

bangorn
Guest

Devo rivederlo. Sono un paio di anni che lo dico, poi rimando sempre. So che devo dargli una seconda occhiata, perché alla prima, all’uscita nelle sale, non ci ero saltato fuori 😀

strategieevolutive.wordpress.com/
Member
Ho detestato e detesto profondamente questo film. Lo detesto perché prende un modello – quello del noir – che ha una sua eleganza, una sua pulizia, e lo involgarisce. C’è troppo autocompiacimento nella violenza per il gusto della violenza, c’è troppo indugiare su elementi vuotamente shockanti, per i miei gusti. Uscendo dalla sala – eravamo andati a vederlo insieme, un po’ di amici appassionati di cinema e fumetti – ricordo che qualcuno lo definì pornografico. Non pornografico nel senso che ci vedi gente che fa le cosacce, ma pornografico nel senso che cerca di accattivarsi ilo spettatore mostrandogli cose che… Read more »
Elio
Guest

A parte che sottoscrivo svariate volte quel tipo di approccio alla finzione filmica di cui scrivi all’inizio e che per me non è che il cinema nella sua totalità, sottoscrivo anche tutto il resto. Anzi, io Sin City l’ho proprio adorato. Ha un’atmosfera, per quanto posticcia e forse proprio per quello, che non si era vista prima. E siccome non c’è due senza tre, sottoscrivo pure Alexis Bledel, ma ancor di più il tuo ottimerrimo concentrarti su quella particolare espressione. Sì sì, mi è piaciuto questo post.

beppeiaf
Member

Vidi il film al cinema. Il primo esperimento di trasposizione di un fumetto sul grande schermo senza l intermediazione del racconto. E poi il BN, secco, senza toni intermedi, sotto la pioggia continua.
Non era un film ma un fumetto enorme, proiettato in dimensioni che potevano solo emozionare chi apprezzava il tratto grafico.
Grazie della citazione!

Poi parliamo anche di 300?

Gianluca Santini
Member

Sin City mi manca in effetti, però è da un pochino di tempo che vorrei vederlo… Ma credo che con tutti i titoli che ho aggiunto di recente alla benedetta lista, SC finirà molto in là nel tempo…

Ciao,
Gianluca

mcnab
Member

Gran bella rece… mi ha rilassato leggerla (sì, è un complimento!)
Il film dovrei rivederlo. Stranamente lo ricordo solo a brandelli, o meglio, a immagini.
La Bledel, Rosario, Rourke, la Alba (mai più bella così quanto in quel film)…
Sì, è proprio un film che associo più a una visione statica di caps, tipo quelle che hai postato tu, che non a una o più storie.

Max "Helldorado" Novelli
Member

La qualità migliore del film innegabilmente si lega alla quantità industriale di gnocche profuse, il film è piacevole ma terribilmente lungo, spesso noioso. Lo apprezzo, sicuramente migliore di “300” dove già il fumetto mi deluse parecchio, ma non lo rivedo da un bel po’…

Roberto Moretta
Member

Buffo. Sin city lo vidi anch’io al cinema… E lo trovo uno degli adattamenti migliori di Miller al cinema (però io sono anche un fan di Rodriguez…) Poi Miller decise di fare “The spirit”(Perche !?!). Anche quello lo vidi al cinema. Ma me la svignai durante l’intervallo per il primo tempo…

plus.google.com/11347327794…
Member

A costo di fare la voce fuori dal coro, ne ho adorato ogni fotogramma (soprattutto quello diretto da Tarantino, con un Benicio da urlo)e ogni attore coinvolto (sì, anche la Bleidel e la Murphy, che non sopporto XD), così come ho adorato ogni tavola di Miller.
Poi, sì, doveva finire lì.
The Spirit è una delle cose più imbarazzanti e trash che abbia mai avuto modo di vedere, e spero davvero non ci sia un seguito di Sin City.
Perché è una perla che deve rimanere singola.

Babol/Bollalmanacco

wpDiscuz