Crea sito

«

»

ott 03

Ragazzi Perduti (1987)

Gli Anni Ottanta erano stupendi.
Ero un bambino, c’erano i Russi cattivi, Rocky che si vestiva a stelle e strisce e diceva che “tutto il mondo può cambiare”, Zio Arnold che impalava Bennett con un tubo del gas, Predator e i vampiri. C’erano stati, soprattutto, nel 1985, due filmoni: Ammazzavampiri e I Goonies (oltre che Commando), che avrebbero strutturato le successive due generazioni di nerd e dato sfogo a un sacco di pudori repressi. Charlie, protagonista di Ammazzavampiri, era un guardone, sostanzialmente; Mikey, il protagonista dei Goonies, era uno sfigatello con l’apparecchio per i denti, l’asma e tanti sogni.
E sapete, il cinema era bello. Era bello pure il mondo, pur così pericoloso. Quelli della mia età capiranno subito il perché.
Dietro i Goonies c’era Richard Donner, che poi si sarebbe messo in testa di fare Arma Letale e anche The Lost Boys, Ragazzi Perduti, un film sui vampiri.
Ma non è finita, perché nello stesso 1987, Kathryn Bigelow se ne esce col capolavoro: Near Dark, Il Buio si Avvicina (vecchia recensione, scopro adesso che mi hanno pure cancellato la foto della locandina! Nuoooooo!), sempre sui vampiri.
Stagioni, quindi. Com’è sempre stato e sempre funzionerà. Pur con tutte le differenze del caso.
Trattasi di temi universali, ma di film unici. I sequel non erano mai stabiliti con anni di anticipo, men che meno le trilogie, ed erano ipotizzati se e solo se gli incassi andavano benone.
C’entrano anche i Goonies, che pur avendo segnato gli adolescenti e i ragazzini di mezzo mondo, non vennero mai premiati con un seguito. Eppure, l’idea poteva, doveva funzionare ancora, ed ecco che torniamo a: The Lost Boys. Così chiamati perché, come i compagni di Peter Pan, non sarebbero mai invecchiati.

Kiefer Sutherland

***

Pochi sanno che la sceneggiatura originale prevedeva un gruppo di vampiri adolescenti, come i Goonies, e un paio di, letteralmente, “chubby 8 year old cub scouts”, ovvero i fratelli Frog, ma ciccioni e di otto anni ciascuno. Un film per bambini, dunque, ma con gli adolescenti nel ruolo dei mostri.
Mica tanto lontano dalla realtà, in effetti.
Fu Joel Schumacher che s’impose e ottenne di alzare l’età media dei protagonisti, fino a quella, poi ritratta, di vampiri diciotto-ventenni e cacciatori un pochino più piccoli, intorno ai quindici anni.
Il cinema fantastico era ambizioso, pur povero di mezzi destinati a ricreare quello che, sulla carta, aveva lo spessore e le potenzialità del Meraviglioso, il Vampiro, ma che nella pratica era affidato a trucco, protesi, lenti colorate e effetti speciali meccanici. Gli effetti erano limitati, affidati a corde e carrelli, e la regia e la fotografia dovevano farsi il mazzo per creare l’illusione e nascondere cavi e quant’altro di artificiale, con sapienti giochi di luci e ombre.
Si filmavano storie dalle tempistiche perfette, in grado di variare tono e atmosfera al variare di una scena.
Parlo di Lost Boys, ma mi riferisco a tutti i film della mia fanciullezza. The Lost Boys è quello che è passato in televisione meno, tant’è che non lo vedevo da più di vent’anni, finché non è rispuntato in tv sul Digitale Terrestre.
L’ho riscoperto splendido come lo ricordavo. Per struttura, effetti, per come le singole sequenze funzionano, ormai a una distanza epocale.

Corey Haim e Jason Patric

***

Kiefer Sutherland che fa il capo vampiro. Biondo e inglese, eoni prima di diventare Jack Bauer, mentre tentava di ripercorrere, zoppicando, le orme paterne.
Jason Patric, l’iniziato alla setta dei vampiri, con cli occhiali scuri. Ma soprattutto, i personaggi secondari, i già citati Fratelli Frog, Edgar e Alan (in riferimento a Poe), Corey Feldman e Jamison Newlander, gestori di una fumetteria durante il giorno (roba nerdissima, specie negli anni Ottanta, prima che i nerd si trasformassero in miliardari in dollari, con la digitalizzazione) e cacciatori di Vampiri di notte, o nel tempo libero, ché cacciarli di notte, sapete, all’epoca dava ancora tantissimi problemi.
E poi, Corey Haim, che nel film fa il fratello minore di Patric, giovane star milionaria, poi caduto in disgrazia, rovinato finanziariamente e morto, due anni fa, per edema polmonare. Anche questo cinema, applicato a certe personalità, si rivelava distruttivo.

The Lost Boys

***

Famiglie di Vampiri (come in Near Dark), dunque, che finiscono per reclutare nuovi membri, che possono, fino alla fine, sperare di tornare umani, uccidendo il capo vampiro.
Si parlava della splendida variazione dei toni, per una regia in grado di passare da Jason Patric, vittima della Sete, voglioso di sbranare suo fratello e poi azzannato dal cane di casa, ai siparietti brillanti, mai stupidi, dei fratelli Frog e delle loro strategie di caccia. Per dire il grado di figaggine di questo film vi faccio un esempio: le pistole d’acqua riempite d’acqua santa e tramutate in armi letali per i succhiasangue non le ha inventate Rodriguez ne Dal Tramonto all’Alba, ma Schumacher in Lost Boys. Come la vasca da bagno piena di acqua santa e spicchi d’aglio, bagno letale.
E poi, sequenza onirica per eccellenza, l’iniziazione di Michael (Patric) a creatura della notte, con la scorribanda notturna sul ponte della ferrovia e la conseguente prova di coraggio, che consiste nel buttarsi alla cieca dal ponte, la vallata inferiore coperta dalla nebbia: un puro salto dell’ignoto.
E ancora, preludio al combattimento finale, il raid nella grotta dei vampiri, in cui i Ragazzi ci vengono mostrati in tutta la loro mostruosa natura e ferocia, grazie all’ottimo make-up.
Certi film vanno visti a prescindere, non foss’altro per la bellissima musica

Indice delle recensioni QUI

18 comments

1 ping

Vai al modulo dei commenti

  1. narratore74

    Applausi a mano aperta!!!
    Ho amato questo film, come d’altronde tutti gli altri di una generazione che ora se la sognano. Ce ne fossero oggi di film così, di quella passione vera e pulita, che spingeva a girare perle che ancora oggi si ricordano e si meritano tutti gli elogi del caso!
    Grande articolo! Grande! :D

    1. Hell

      Be’, diciamo che anche i mezzi limitati constringevano a darsi da fare, in senso buono.
      Grazie, troppo buono. ;)

  2. Roberto Moretta

    Visto al liceo in un passaggio televisivo , è diventato subito uno dei miei film preferiti. E tu sei ben riuscito a renderne il perchè !

    1. Hell

      Thanks! ;)

  3. Fra Moretta

    Film mitico che mi riguardo ogni tanto,Sutherland è un ottimo vampiro moderno e come sottolinei tu il passaggio da toni più horror ai siparietti comici dei fratelli Frog non stona affatto,solo negli anni 80 facevano film così:-)

    1. Hell

      Che belle cose. Che BELLE cose.

  4. Giuda

    Intanto, grazie per avermi ricordato Il buio si avvicina, l’ho messo subito a scarica– sulla lista della spesa, visto che il DVD non si trova neanche a pregare.

    «Pochi sanno che la sceneggiatura originale prevedeva un gruppo di vampiri adolescenti, come i Goonies, e un paio di, letteralmente, “chubby 8 year old cub scouts”, ovvero i fratelli Frog, ma ciccioni e di otto anni ciascuno. Un film per bambini, dunque, ma con gli adolescenti nel ruolo dei mostri».

    Ma davvero? ♥__♥ Ficomitico! *O*

    Lo ricordo e rivedo sempre con graqn piacere e affetto, e poi sì, la colonna sonora o per lo meno Cry little sister, è bellissima. ♥

    1. Hell

      Sì, poi Schumacher disse di no. Col senno di poi, non saprei dire se fu scelta saggia o no. Comunque il film così va benone.
      E sì, recupera Near Dark ché è bellerrimo. ;)

  5. Marco Bango Siena

    Un film tra i primi a farmi patteggiare per i vampiri e a subirne il fascino. Per me vedere quei motociclisti fu una rivelazione, tant’è che per anni ho avuto capelli lunghi, giubbotti in pelle e jeans strappati. Okay, a dire il vero, a parte i capelli sono ancora così :-D A parte gli scherzi, il mio debito a questo film, l’ho ripagato con una piccola citazione nel mio libro. So che sei attento, e forse hai già capito come gli ho reso omaggio.
    P.S. Siamo concordi nel dire che non esistono sequel, vero? ;-)

    1. Hell

      Io non li ho mai visti i sequel, quindi per me non esistono. :D
      Oddio, sono una schiappa a riconoscere quelle cose, ma fammici pensare. :D Innanzi tutti, è Le Nove Stelle, giusto?

      1. Marco Bango Siena

        Yes :-D E già nel nome c’è l’indizio

      2. Hell

        Star! *O*

      3. Marco Bango Siena

        Oh yeah, Stella, la ragazza che deve attirare nel vortice ma che si pente :-) Me ne sono accorto dopo che l’ho scritto. Sono debiti che vengono pagati inconsciamente.

      4. Hell

        A me capita spessissimo. Son cose belle. :D

  6. Il Moro

    MA che gran film che hai tirato fuori.
    Correggetemi, ma sbaglio a pensare che sia stato questo film a introdurre la figura del vampiro moderno, nel senso di quello slegato da lugubri castelli, smoking e modi aristocratici?

    1. Hell

      Be’, dello stesso anno è Near Dark. Che preferisco. ;)

  7. Aislinn Dreams

    Io sono affezonatissima a “Fright Night”, se parliamo di vampiri anni Ottanta. “Lost boys” l’ho visto solo pochi anni fa e, a parte la colonna sonora e il magnifico Kiefer, non mi ha impressionato più di tanto…

    1. Hell

      Nuuuuuuu! Non mi fare così! :D È caruccio, dai, più scanzonato di Fright Night, ma non troppo. Dagli una seconda chance! ^_^

  1. bookandnegative - Ragazzi Perduti (1987) - AlterVista - Webpedia

    [...] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista [...]

Add Comment Register



Lascia un Commento