Phenomena (1985)

13 Comments

  1. Il primo film che ho visto di Argento e tutt’ora il mio preferito,quello a cui sono più legato per la messinscena straordinaria che è riuscito a imbastire e per i toni da favola crudele.Poi c’è Donald Pleasence che fa l’entomologo e brani dei Iron Maiden e Motorhead ,insomma come non adorarlo?

    1. Author

      Io lo reputo fantastico. Ieri l’ho visto con gran gusto, come sempre.
      Vabbé, lasciamo stare, mi fa troppo male.

    1. Author

      Sei la seconda persona che conosco spaventata da Suspiria. Mi incuriosisce il perché. E non rispondere è un horror! 😀

  2. Anche secondo me Phenomena è di diritto lo spartiacque nella filmografia di Argento. In parte è molto simile a Suspiria, che però ha atmosfere secondo me più efficaci, però anche questo ha la sua bella dose di quella potenza narrativa che solo i primi Argento avevano. :)

    Ciao,
    Gianluca

    1. Author

      Che sarebbe bene ripassare tutti, perché sono davvero grandissimi film. Poi chissà che cosa è successo.

  3. Forse il più grande di Argento, assieme a Suspiria…
    Di Phenomena ho un ricordo legato ad un punto di svolta della mia vita, il giornop in cui l’horror ha smesso di farmi paura. Sai che questo è l’ultimo film che ho visto e che è stato in grado di spaventarmi? Ricordo ancora la sera, con la luce accesa in camera che vedevo quel bambino in ogni angolo…
    Mi ci sono voluti svariati anni prima che tornassi ad amare l’horror, ma nulla è più come prima. Li guardo, li apprezzo, ma non mi fanno paura. Mentre Phenomena… be’, basta la musica a rubarmi un brivido…
    Un grande film che ricorda quanto grande era Argento prima che… va be’, inutile rimuginarci sopra.
    Articolo bellissimo, complimenti! :)

    1. Author

      Grazie.
      Non che mi faccia paura, solo due film ci sono riusciti, ma questo è davvero, davvero bello e ben fatto. Non gli manca niente.
      Suspiria è il non plus ultra estetico. L’ho rivisto l’altra sera: magnifico. I colori in HD sono commoventi. :O

  4. Lo sai, questo è il mio film di Argento preferito, quello anarchico, folle e selvaggio. Il canto del cigno. E dopo più nulla. Ci sarebbe anche da interrogarsi su che fine abbia fatto il nostro cinema, quasi che Argento fosse morto insieme a lui…
    mmmmmh…

    1. Author

      Facendosi due conti… è possibile che dall’ottantacinque, tutto il cinema italiano sia in crisi? Mumble mumble. Tu che dici?
      Domani faccio qualche ricerca. 😉

      Saluti dalla Grande Sarcofaga. 😀


Leave a Reply