L’Ultimo Uomo della Terra (1964)

Nick
Guest
Ciao El,io il romanzo di Matheson lo possiedo in edizione Oscar Mondadori e lo considero uno dei più belli di sempre.La disperazione di Robert Neville è una delle più struggenti,umane e credibili che abbia mai letto. Sulle trasposizioni filmiche,beh sono d’accordo con te e dirò di più perfino la versione con Heston,che comunque era un vero appassionato di fantascienza,come da lui dichiarato più volte,mi sembra superiore alla pessima cgi del film con Smith. Sulla versione con Price,beh forse era l’unico attore in quegli anni che avrebbe potuto rendere perlomeno discretamente il personaggio.E gli scenari dell’Eur quando vidi per la prima… Read more »
Nosferatu
Member

Questo film non l’ho visto, ho visto invece Occhi bianchi sul pianeta terra con C. Heston e l’ultimo di Will Smith. Non ho letto il libro però credo non sia difficile capire quali sono state le scelte della regia.
Negli anni sessanta forse una speranza doveva essere mostrata. Nel film con Will Smith invece è del tutto sbagliata, come la computer grafica di pessima qualità.

Nick
Guest
Credo che dipenda dal fatto che è un romanzo in cui per la maggior parte del tempo c’è in scena un unico personaggio(a parte i ricordi di Neville ed il fiale).Quindi è difficile per molti produttori metterlo in scena così com’è.Penso che abbiano paura di annoiare il pubblico. Poi ci sono le parti in cui Neville di notte assediato dai mostri invece di reagire come vorrebbero reagisca un “vero americano” fucile in mano afalciare tutti i vampiri,si rintana in casa,piange ,si ubriaca per non sentire le urla fuori. Credibilissimo.Però credo che ai produttori questo non piaccia. Poi c’è il finale,bellisimo… Read more »
mcnab
Member
Percepisco un po’ di diffidenza in quello per me resta comunque un capolavoro assoluto. Poco importa se non ha un’aderenza perfetta col romanzo di Matheson. C’è molto di inquietante e di moderno in una pelliccola che invece è vecchia e interpretata – come dici giustamente tu – da un attore che ha molto dell’ottocentesco. Io non sono un talebano della “perfetta” trasposizione da libro a film. Tant’è che mi è piaciuta anche la versione con Will Smith, tranne per i vampiri in CGI che fanno davvero schifo ai porci. Detto ciò, sempre in cortesissima amicizia, come ben sai, concordo con… Read more »
CyberLuke
Member
Uhmmm… vado un po’ controcorrente. Non ho visto Occhi bianchi sul pianeta Terra, ma The last man on Earth>/i> e Io sono leggenda sì, e in entrambi riesco a ravvisare pregi e difetti. Il romanzo me lo regalarono quando fu rieditato un paio d’anni fa per l’uscita del remake, e lo divorai in due o tre giorni: in una parola, un classico. Ma il film con Price lo trovai incompleto, freddo, finto. Non mi trasmise un granché. Sorprendentemente, Io sono leggenda mi paicque, e neanche poco. Will Smith mi è sempre stato sulle palle: sempre. Ma non posso dire, con… Read more »
AgonyAunt
Member

Confermo CyberLuke: c’è un secondo finale incluso in un’edizione italiana di I Am Legend. Io lo trovo altrettanto ottimistico, ma sicuramente non fa polpette, come l’altro, dell’idea dell’estinzione umana.

Su Ragona concordo con McNab, proprio in tutto quello che ha detto, sia sul film che su La Notte dei Morti Viventi. Forse El Graeco ha ragione quando dice l’immagine di Price suona pesantemente anacronistica, ma anche se non ci avevo riflettuto su autonomamente, adesso che ci penso mi pare un pregio più che un difetto.

Comunque è una bella analisi, as usual!

Lo Stregatto
Member

Sarà il fatto di essere un retrogrado ma “L’ ultimo uomo sulla Terra” rimane un film che adoro rivedere, oltre ad essere l’ unica trasposizione di Matheson per me realmente riuscita.
Il suo difetto nell’ interpretazione di Price ? Beh qui sono moolto d’ accordo; d’ altronde avendo Rossi Stuart nel cast Ragona avrebbe dovuto spingere per dare a lui il posto di protagonista essendo fisicamente e recitativamente più adatto( e qui sulla preminenza americana sulla produzione e sulla falsa regia di Ragona Nocturno potrebbe avere ragione…)

Bruno_bac
Member
Questo tema che parla di un ultimo superstite, e di una tragedia o malattia che fa scomparire l’umanità, è assai gettonato (anche io avevo affrontato questi film in un post: http://mondifantastici.blogspot.com/2008/06/io-sono-leggenda.html …dove aggiungevo altre pellicole al trio di film ispirati al libro di Matheson) ma in effetti a nessuno piace portare la storia fino alle sue estreme conseguenza, ci deve essere sempre un rimedio, una cura che ponga rimedio al grande spavento iniziale. Il vecchio film con Vincent Price, che in effetti va visto nel suo contesto (traduzione = oggi come oggi fa un po’ pena a rivedersi) aveva se… Read more »
Bruno_bac
Member

Il libro ce l’ho… è il tempo che manca!

Fra Moretta
Member

Un piccolo gioiellino,non perfetto ma comunque meritevole di essere considerato un piccolo classico.Da “Io sono leggenda” è stato tratto anche uno splendido e fedelissimo adattamento a fumetti scritto da Steve Niles e disegnato da Elman Brown.(In Italia l’ha edita la Magic Press)
Eccovi un assaggio:http://it.zooomr.com/photos/carlobecchi/4111465/

trackback

[…] essendo un altro film, tanti sono i punti di divergenza. Un altro film, altro ancora da quello di Ragona; figlio di una certa volontà, quella che, è evidente, portava e porta ancora oggi la paura di […]

alice
Member
“Vincent Price (Robert Morgan) è un omone robusto che sembra essere nato in un’altra epoca e portarsi addosso il peso di un mondo, il suo questa volta, che non c’è più. In questo senso, agli occhi di un moderno spettatore, appare ottocentesco. Come se un uomo del secolo precedente fosse scampato chissà come al passare del tempo e fosse rimasto l’ultimo, il superstite, in un’epoca che gli è estranea persino negli abiti che indossa. ” In meno di dieci righe hai raccontato perché amo questo film alla follia. Anche se sono d’accordo con te con tutta l’analisi comparativa, anche se… Read more »
wpDiscuz