Le Ali della Libertà (1994)

Fra Moretta
Member

Il film carcerario per antonomasia,in cui compaiono tutti gli stilemmi del genere,ma che è anche un grande film sul piano emotivo.Uno di quelli che si rivedono sempre con enorme piacere.Ottima analisi Hell.

Keyem
Guest

Amo questo film e amo anche te… ♡♡♡u (56)

zeros83
Member

Gran film! Adoro la fuga, Morgan Freeman che fa da voce narrante, i cattivi che sono cattivi sul serio, quel brano d’opera che risuona su tutto lo schifo mentre Andy se ne sta chiuso nell’ufficio e i secondini lo minacciano mentre cercano di sfondare la porta.
Proprio un gran film! 🙂

ferruccio
Member

che cosa dire, un film grandioso con interpreti grandiosi e giustamente non “stanca” mai:-)

mcnab
Member
Film che avrò visto tipo quindici volte, bellissimo. La parte migliore è quella in cui si parla della non-vita di Freeman appena uscito dal carcere. Sono pochi minuti, ma che fanno riflettere su una moltitudine di cose. In primis su come l’uomo sia in grado di adattarsi a mille circostanze diverse, perfino alla galera, che può diventare una casa, se non amata almeno protettiva. Poi mi fa pensare anche su come il mondo di fuori possa essere in fondo brutto e alieno, specialmente quando un soggetto ha passato anni ad annullare certe esigenze (trovarsi un lavoro, pagare le bollette, sopportare… Read more »
shamanic-journey.blogspot.com/
Guest
Bella recensione e film entrato giustamente nella lista di quelli da rivedere spesso. Il finale interpreta molto bene quello del libro, dove non c’è la scena in spiaggia ma solo quello “spero”, quel brano lirico su un possibile futuro, per il quale si è tanto lottato. Credo che alla fine non faccia differenza se nel film sia vero o meno, poiché è un film sulla forza del proprio desiderio e delle proprie convinzioni, sulla forza d’animo e sui sogni. Penso ci sia anche nel film quel riferimento alla birra bevuta sul tetto “come se stessero lavorando al tetto di un… Read more »
trackback

[…] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

trackback

[…] Alice a tirarlo in ballo, contrapposto a un capolavoro di cui, al contrario, ho scritto di recente: Le Ali della Libertà. E, fatto ancora più singolare, solo quando Alice li ha messi a confronto, le somiglianze sono […]

alice
Member
Ho capito, ho capito, me lo rivedo. Anche se me lo ricordo bene, l’ho visto più di una volta, e mi è sempre parso un’americanata. Sono anche pronta a ricredermi: nell’ultimo anno ho rivisto (in lingua originale) Pomodori verdi fritti e Mrs Daisy, che consideravo due stronzate megagalattiche. Col primo mi sono commossa decine di volte durante la visione, il secondo aveva un Morgan Freeman così bravo che da solo valeva riprendere in mano il film. E poi io detesto il doppiaggio (se non si è capito) e a volte appiattisce proprio le emozioni. Può essere che Le ali della… Read more »
alice
Member

ma LOL! 😀

wpDiscuz