Crea sito

«

»

mar 18

Ho camminato con uno zombie (1943)

Share:
Condividi

Ho camminato con uno zombie (I walked with a zombie), 1943, della RKO non ha bisogno di presentazioni.
Lo conoscete quasi tutti. Il ché è singolare per un film così lontano nel tempo e dalla concezione moderna dell’archetipo del morto che cammina. Moderna, certo, ma non così distante. La Notte dei Morti viventi ne è separata solo da venticinque anni.
Cinque lustri per trasformare un particolarismo della religione voodoo in una creatura senza padrone, mossa dall’istinto e antropofaga, senza averne necessità. Ovvero, una cosa giunta dall’entropia.
Ma questo film, proprio questo, è fascinoso come pochi. Sempre accarezzando quella poesia sepolcrale, ciò che unisce le passioni terrene alla caducità delle cose umane.
E certe volte, dopo giorni troppo colorati, pompati da musica techno, fa bene scoprire quelle melodie stridenti, a volte fastidiose, perché coi loro ritmi crescenti rivelano allo spettatore che qualcosa sta per succedere, una svolta; per di più stonate, quelle distorsioni nel suono date dal tempo che ha toccato le bobine, mettendoci il suo marchio. Ok, è un film vecchio e in bianco e nero.
Ma quest’ultimo, questi due colori, hanno una casa qui. Un rifugio sicuro.

***

Allora, più che la trama, impostata su rigidi schemi classici, che vede due fratelli agli antipodi, uno rigido e inflessibile, l’altro vanesio e impulsivo, in contrasto tra loro, e vari amori sofferti e impossibili, il tutto su un’isola, San Sebastian, impregnata dalla religione dei nativi, il voodoo, e da una spettrale piantagione di zucchero, è bene sottolineare l’atmosfera unica nel suo genere.
Un’isola è un’isola solo se la si guarda dal mare, diceva Roy Scheider. E infatti San Sebastian è stata costruita in pochi, ricchissimi set.
Spesso mi domando come questi dovessero apparire agli occhi di chi ci ha lavorato, attori, troupe, comparse. Quali colori dovessero avere. E se essi,  i colori, fossero scelti in virtù della loro resa su pellicola. Gli spettatori avrebbero, in ogni caso, potuto scorgere solo diversi gradi di grigio.
E allora, della ricca vegetazione, e delle case del mercato, non restano che rami scuri e fiori che al più risultano bianchi, o grigi, per l’appunto. Il fascino del chiaroscuro resta senza tempo, e trasporta tutto sotto una luce che si decompone.

***

I colori non sono mai stati importanti, quindi, o fondamentali. Eppure essi si distinguono dal bianco e nero, quando Jacques Tourneur, il regista, s’impegna a valorizzarlo. Questo accade quando si fa filtrare la luce dalle persiane, o si frappone, più in generale, un oggetto tra la fonte di luce e il soggetto inquadrato.
A risaltare, qui, è Frances Dee, la protagonista nel ruolo di Betsy Connell, un’infermiera chiamata ad assistere la moglie del padrone della piantagione, insana di mente. Frances veste sempre di bianco, il suo viso rigato dalle ombre orizzontali delle persiane o da quelle floreali delle inferriate. In tutto quel buio, lei finisce per risplendere. Questo non ha mai voluto essere colore, come il resto dei set inneggianti alla natura selvaggia e decadente.
Altra suggestione, i suoni e i rumori che, come tutto in quest’isola, devono essere interpretati alla rovescia, in una sorta di realtà parallela, ma capovolta, in cui i nativi piangono quando viene al mondo un bambino, perché la sua vita sarà caratterizzata da sofferenze indicibili e usano, invece, cantare e far festa ai funerali.
E allora, basta il suono del vento, anche questo artificiale, che scuote le fronde degli alberi, e le parole degli attori che lo definiscono caldo, a creare la suggestione, a farcelo sentire addosso, sulla pelle. E sono sufficienti un pianto notturno e il tambureggiare di riti pagani, a creare la tensione di arcani e incomprensibili rituali.

***

Si tendeva a spiegare, a conciliare i dubbi e gli interrogativi dello spettatore, all’epoca, che doveva essere informato dalla voce narrante, spesso quella del protagonista, persino dello stato d’animo e delle intenzioni del personaggio. Se fosse innamorato o meno e cosa, di lì a poco, si sarebbe apprestato a fare. Tali scelte smorzano la tensione e appaiono, oggi, lesive della buona riuscita del film. Ma esse sono come l’accompagnamento musicale. Il mostro, qualunque fosse, a quel tempo lo si doveva sentire arrivare al cambiamento di ritmo musicale.
Il mostro, ovvero il prodigio di questo film è che esso atterrisce quando deve, in una brevissima sequenza che richiama il romanzo gotico. In cui la creatura, la cui natura resta nel dubbio fino all’ultimo, si limita a camminare lenta, quasi fosse un’apparizione.
Gli zombie non sono creature fameliche, abbiamo detto, ma rimaste intrappolate e incoscienti, in un corpo che si limita a sostenerle. Impauriscono perché, come il colosso nero nel finale, le loro intenzioni sono imperscrutabili, non empatiche, meccaniche. Ma allo stesso tempo sollevano dubbi e impietosiscono, perché se ne riesce a percepire l’assenza e, con essa, la loro esistenza innaturale.

***

Adoro i film come questo, ma allo stesso tempo li detesto. Sto qui quasi settant’anni dopo a tesserne le lodi, e mi rammarico dell’assoluta incapacità del cinema contemporaneo di evocare tali riflessioni, su un intreccio che, oggi, al più strapperebbe ai produttori un sogghigno compiaciuto e carico di disincanto. Una trama così non fa soldi.
Già li vedo, tronfi della loro ingordigia.
Alle volte, credo, il cinema debba essere considerato solo una sublime ricapitolazione di ciò che è già stato fatto. Finché esso resterà nelle mani di certi signori, non avrà più vitalità degli zombie di questo film e quel che più rammarica, senza un briciolo del fascino di questi ultimi.

Altre recensioni QUI

10 comments

1 ping

Vai al modulo dei commenti

  1. Fra Moretta

    Mi tocca concordare con le tue conclusioni finali Hell,un tempo anche quei film che oggi definiamo di genere erano ben curati anche da un punto di vista estetico.L’intreccio della trama non era considerato un optional e un film non era lodato solo perchè mostrava esplosioni o scene d’azione frenetiche.C’era atmosfera,stile.Mi ritrovo a essere sempre più schifato dalla cinematografia moderna.

    1. Hell

      Ecco perché io sono contrario a inquadrare le storie in un genere.
      Questa è una storia d’amore, anzi di amori diversi.
      Il presunto elemento fantastico non è così evidente. Si può sempre propendere per l’ipotesi razionale e scientifica. E il voodoo, ricordiamo, non appartiene, che so, al fantasy, ma è una religione.
      Perché limitarsi al genere?

      Ma comunque, rifatto oggi, un film del genere non avrebbe senso. O sarebbe alterato in ogni minima parte.

  2. CyberLuke

    Le tue riflessioni finali da sole valgono la recensione.
    Da una parte, sono stanco di sentir dire (ma anche di pensare) ah, i bei tempi andati, dall’altra non posso che ammettere che sì, che diavolo, sembrano andati veramente, e il trend pare essere proprio quello che dici tu: trame facili, svolgimenti veloci, musica malandrina, nomi altisonanti sui cartelloni, merchandising a go-go made in China pronti nei container e poco altro.
    Chissà quando è cominciata: io, onestamente, non me ne sono accorto, eppure non ho mia smesso di andare al cinema, fin da quando, da piccolino, mio padre mi portò a vedere tutta la retrospettiva di James Bond al cinema Ariel, oggi circolo bocciofilo.
    Meno male che, oltre che guardarsi indietro, si può anche ripescare dal passato un sacco di bella roba… anche grazie a segnalazioni come queste.

    1. Hell

      Thanks! ;)

      Condivido il tuo punto di vista, in tutto e per tutto. Mah, non vorrei azzardare un’ipotesi, però credo che sia cominciata sul finire degli anni ’90…
      Non che oggi manchino del tutto i bei film, ma sono rari e, guarda caso, appartengono o all’underground più spinto, che l’unico modo di procurarseli è piratarli, oppure a quei “grandi vecchi” (leggasi Terrence Malick, o qualcuno del suo calibro) che, però stanno scomparendo dato che non sono immortali.

      Se ci fai caso, è proprio la distinzione di film di genere, oggi più netta che mai, che implica la dozzinalità della realizzazione. Un film di vampiri deve avere i vampiri sbrilluccicosi, un film di zombie deve avere centinaia di comparse che corrono come pazze e protagonisti al più idioti.
      Queste generalizzazioni prima non c’erano. Si inventava innanzitutto una storia, non un genere di storia, la si rendeva credibile limandola fino al punto che il risultato finale era tutto fuorché mediocre.
      Io sfido chiunque a dirmi che questo film è solo un film di zombie.

  3. mcnab

    Non amo particolarmente gli zombie haitiani o pre-romeriani, ma questo film è davvero un gioiellino del tempo che fu, più rappresentativo di molti altri titoli di genere risalenti a quegli anni.
    Ovviamente oggi come oggi un film così non si potrebbe fare. Credo che sia una cosa naturale, perché sono cambiati anche i ritmi del cinema e la sua estetica. Di fatto io stesso non avrei nessun interesse a vedere un film così lento realizzato nel 2011 (a ‘sto punto mi guardo le pellicole vecchie, che ha più senso).
    Ciò nonostante si potrebbero sperimentare altri stili, superare quelli attuali, proporre qualcosa di nuovo, magari sbagliando. Ma non lo faranno mai, non i “grandi”, almeno finché la gallina cagh*rà uova d’oro al botteghino.
    Non a caso gli unici film un po’ innovativi vengono dalle piccole produzioni. La differenza è che hai tempi di “Ho camminato con uno zombi” accadeva l’esatto contrario…

    1. Hell


      La differenza è che hai tempi di “Ho camminato con uno zombi” accadeva l’esatto contrario…

      Esatto! Erano le grandi major che innovavano e guidavano. Che dovevano stupire…

  4. Sciamano

    wow, adoro questo film! bella rece, ciao;)

    1. Hell

      Uelà, Sciamano! Grazie mille! ;)

  5. Elio

    Letta anche questa, ottima. “… e le parole degli attori che lo definiscono caldo, a creare la suggestione, a farcelo sentire addosso, sulla pelle.”

    Complimenti di nuovo.

    1. Hell

      Thanks. Ho visto che hai recensito Gantz, più tardi o domani vengo a dare un’occhiata, queste giornate sono infernali, sono occupatissimo. ;)

  1. bookandnegative - Ho camminato con uno zombie (1943) - AlterVista - Webpedia

    [...] Visita il sito bookandnegative oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista [...]

Add Comment Register



Lascia un Commento